Scritto: Martedì, 25 Gennaio 2022 13:00 Ultima modifica: Martedì, 25 Gennaio 2022 15:10

Su Marte sono piovute meteore per 600 milioni di anni (e anche sulla Terra)


Una nuova ricerca mostra che Marte ha dovuto affrontare una pioggia costante di meteore negli ultimi 600 milioni di anni e probabilmente, la stessa cosa è successa anche sulla Terra.

Rate this item
(2 votes)

La scoperta contraddice le precedenti teorie in base alle quali i pianeti interni del Sistema Solare sono stati sottoposti ad alcuni picchi di collisioni negli ultimi due miliardi di anni, a causa della formazione di detriti, piuttosto che a un bombardamento quasi costante.

Gli scienziati ritengono che la causa dell'intensità degli impatti vada ricercata nella collisione tra oggetti nella Cintura degli Asteroidi tra Marte e Giove. E questo fa del Pianeta Rosso il candidato migliore per un approfondimento.

"Sulla Terra, l'erosione e la tettonica a placche cancella la storia del nostro pianeta", ha affermato il dottor Anthony Lagain, ricercatore presso la School of Earth and Planetary Sciences della Curtin University e autore principale del documento pubblicato su Earth and Planetary Science Letters. "Lo studio dei corpi planetari del nostro Sistema Solare che conservano ancora la loro prima storia geologica, come Marte, ci aiuta anche a comprendere l'evoluzione della Terra".

Esaminati più di 500 crateri

Lagain e il suo team hanno analizzato la formazione di oltre 500 grandi crateri su Marte, utilizzando un algoritmo sviluppato in precedenza alla Curtin University che conta automaticamente i crateri da impatto visibili da un'immagine orbitale ad alta risoluzione.
"L'algoritmo di rilevamento dei crateri ci fornisce una comprensione approfondita della formazione dei crateri da impatto, comprese le loro dimensioni e quantità, i tempi e la frequenza delle collisioni degli asteroidi che li hanno creati".

Secondo Lagain il conteggio dei crateri da impatto su una superficie planetaria è l'unico modo per datare con precisione eventi geologici, come canyon, fiumi e vulcani, e per prevedere quando e quanto ci saranno altre grandi collisioni.

I ricercatori hanno esaminato 521 grandi crateri da impatto su Marte di diametro superiore a 20 chilometri, mostrando che 49 di essi corrispondono all'intera popolazione di crateri di queste dimensioni negli ultimi 600 milioni di anni.
"I nostri risultati su Marte mostrano che il flusso di asteroidi piccoli (> 5 m) e grandi (> 1 km) è accoppiato e non varia tra loro negli ultimi 600 milioni di anni", scrivono gli autori

"Quando grandi corpi si scontrano l'uno contro l'altro, si rompono in pezzi o detriti, il che si pensa abbia un effetto sulla creazione di crateri da impatto", ha detto il dottor Lagain.
"Il nostro studio mostra che è improbabile che i detriti abbiano provocato cambiamenti nella formazione di crateri da impatto sulle superfici planetarie".

"Ciò è coerente con il modello tradizionale per la consegna di asteroidi alle orbite di attraversamento planetarie: l'effetto Yarkovsky spinge lentamente i grandi detriti derivati dalle rotture degli asteroidi verso le risonanze orbitali mentre i detriti più piccoli vengono macinati attraverso collisioni a cascata".

La professoressa Gretchen Benedix, coautrice e leader del team che ha creato l'algoritmo, ha affermato che l'algoritmo potrebbe funzionare anche su altre superfici planetarie, inclusa la Luna.

marte crateri maggiori 20 km

Le posizioni di tutti i crateri più grandi di 20 km di diametro sul terreno Esperiano e Noachiano, rispettivamente viola e blu. Questi 521 crateri sono tutti all'interno di una banda equatoriale di +-35 gradi.
Crediti: Lagain et al. 2022.


L'algoritmo su altri mondi

Con alcuni accorgimenti l'algoritmo può essere utilizzato per analizzare anche altre superfici planetarie.
"La formazione di migliaia di crateri lunari può ora essere datata automaticamente e la frequenza di formazione può essere analizzata a una risoluzione più elevata per studiarne l'evoluzione", ha affermato il professor Benedix.

Ricerche precedenti evidenziano un picco temporale negli impatti sulla Luna ma gli autori di questo nuovo articolo affermano che è il risultato di metodi di calibrazione incerti. Alcuni prevedevano la misurazione dell'abbondanza di rocce nell'ejecta dell'impatto lunare. Altri metodi, invece, non mostrano picchi e sono coerenti con un tasso di impatto più costante.

Sulla Terra, invece, la storia degli impatti non potrà mai essere ricostruita come per Marte o per la Luna perché la geologia attiva tende a cancellare ogni traccia.

Conosciamo alcuni grandi come l'impatto di Chicxulub che ha portato all'estinzione del Cretaceo-Paleogene in cui scomparvero i dinosauri; o il cratere Karla in Russia e il cratere Vredefort in Sud Africa. Ma non c'è motivo di credere che la Terra non abbia sopportato la stessa pioggia costante di meteore che ha colpito Marte e la Luna.

Secondo gli autori, anche il picco di crateri registrato circa 470 milioni di anni fa durante il periodo Ordoviciano è frutto di un pregiudizio.
"La vicinanza di Marte alla Cintura Principale, così come la distanza Terra-Luna, escludono entrambi la possibilità che uno di questi tre corpi abbia subito un picco di crateri nella loro storia geologica, indipendentemente dal fatto che gli altri non lo abbiano subito", scrivono gli autori nella loro conclusione. "L'assenza di tale segnale nel record di crateri lunari e marziani solleva interrogativi sull'aumento qualitativo osservato sulla Terra".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 261 volta/e Ultima modifica Martedì, 25 Gennaio 2022 15:10

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2022

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 agosto. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora