Scritto: Venerdì, 22 Novembre 2013 22:11 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

5 giorni al perielio: ecco la cometa ISON nelle ultime immagini


I primi ad accorgersene sembrano essere stati gli utenti della rete: il 20 novembre 2013 la cometa ISON, ormai prossima al perielio, è entrata nel campo visivo della camera Heliospheric Imager 1 (HI-1A) a bordo della sonda della NASA STEREO Ahead (STEREO A).

Rate this item
(0 votes)

NASA STEREO comete Encke e Ison

Credit: Karl Battams/NASA/STEREO/CIOC

I primi ad accorgersene sembrano essere stati gli utenti della rete: il 20 novembre 2013 la cometa ISON, ormai prossima al perielio, è entrata nel campo visivo della camera Heliospheric Imager 1 (HI-1A) a bordo della sonda della NASA STEREO Ahead (STEREO A).

Quando le sonde STEREO hanno osservato la cometa per la prima volta, lo scorso 21 ottobre, la ISON aveva solo magnitudine 12 e in molti stavano iniziando a perdere le speranze pensando che stesse deludendo le aspettative.

Ma poco più di una settimana fa, la cometa ha iniziato a sorprenderci con una serie di outburst.
Quello del 14 di novembre è stato seguito anche dal team TRAPPIST (TRAnsiting Planets and PlanetesImals Small Telescope), del telescopio ESO, presso l'Osservatorio di La Silla nel sud del deserto dell'Atacama, in Cile.
TRAPPIST ha monitorato la cometa da metà ottobre con speciali filtri per analizzare l'emissione dei diversi gas.
Questi sfoghi hanno rapidamente innalzato la luminosità della ISON rendendola visibile ad occhio nudo da metà novembre.

Ora brilla con magnitudine 3 / 4.

Cometa ISON light curve 19 novembre

Credit: isoncampaign.org

Comet ISON light curve 22 November

Credit: observatorij.org

Al tempo stesso, gli outburst hanno destato anche qualche preoccupazione perché potrebbero essere la conseguenza di una parziale rottura del nucleo.
La presenza di una sorta di "ali" lascia pensare ad eventi di frammentazione.

Comet ISON ali

Credit: Wendelstein Observatory / MPS

Tuttavia, niente è confermato e la ISON sta continuando la sua corsa verso il Sole, entrando nel campo visivo della camera H1 in buona compagnia: nell'animazione in apertura è visibile anche la cometa 2P/Encke, Mercurio e la Terra.

Le macchie scure provenienti da destra sono gli effetti del vento solare, che causano anche le increspature nella coda delle Encke.

Nel filmato ogni cosa è in movimento, tanto che è difficile percepire le reali posizioni degli oggetti.
Così, sfruttando i grafici orbitali a disposizione per le sonde STEREO, la cometa ISON e la Encke, tenendo conto che il campo visivo della camera H1 è di 20 gradi, ho tentato una ricostruzione approssimativa la mappa del fotogramma del 21 novembre 2013 00:09 UT.

13 Ison Encke e STEREO map

Credit: stereo-ssc.nascom.nasa.gov/comet_ison / ssd.jpl.nasa.gov / Elisabetta Bonora 

Durante il perielio, il prossimo 28 novembre, la ISON raggiungerà i 370 chilometri al secondo e potrebbe essere proprio la sua elevata velocità a salvarle la vita.

Di certo ora la cometa splende più che mai, regalando vere e proprie foto d'autore.

Comet ISON Fritz Helmut Hemmerich

Credit: Fritz Helmut Hemmerich / spaceweather.com

La colorazione verde / turchese tipica delle recenti riprese è data dal carbonio biatomico che domina lo spettro di emissione della luce della cometa.
Due astronomi amatoriali italiani, Paolo Corelli e Dario Comino, hanno utilizzato uno spettrometro ad alta dispersione per analizzare l'atmosfera della ISON.

Comet ISON spectrum strip

Lo spettro è dominato da una riga verde data dal carbonio biatomico (sostanza comune nelle atmosfere delle comete che diventa verde quando viene illuminato dalla luce del Sole) e da una linea blu di emissione più debole ma ancora significativa.
Questa miscela di luce verde e blu conferisce alla ISON una caratteristica tonalità turchese in tutte le foto con lunga esposizione. Lo spettro rivela anche un contributo dell'ossigeno atomico, responsabile del colore verde delle aurore terrestri.

13 Comet ISON tenerife observatory

Credit: Teide observatory (Canary Islands) / GLORIA Project

 Comet ISON Mt. Fuji Japan

Credit: KAGAYA / spaceweather.com

Riferimenti:
www.isoncampaign.org/karl/ison-encke-mercury-home
www.orca.ulg.ac.be/TRAPPIST/Trappist_main/News.html#new25
www.isoncampaign.org/Present
www.spaceweather.com

Letto: 3295 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista