Scritto: Venerdì, 22 Novembre 2013 06:00 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Confermato un grande anello di polveri in prossimità dell'orbita di Venere


Per la seconda volta, un grande anello di polveri diffuse è stato confermato in prossimità dell'orbita di un pianeta del nostro Sistema Solare.
Non stiamo parlando dei maestosi anelli di ghiaccio di Urano, Giove e Saturno (per eccellenza!) ma di una sorta di coda di polveri, simile a quella studiata a fine 2010 dal telescopio Spitzer della NASA in prossimità della Terra.

Rate this item
(0 votes)

Venus dust ring NASA STEREO image

Credit: M.H.Jones / The Open University

Per la seconda volta, un grande anello di polveri diffuse è stato confermato in prossimità dell'orbita di un pianeta del nostro Sistema Solare.
Non stiamo parlando dei maestosi anelli di ghiaccio di Urano, Giove e Saturno (per eccellenza!) ma di una sorta di coda di polveri, simile a quella studiata a fine 2010 dal telescopio Spitzer della NASA in prossimità della Terra.

Il Sistema Solare è disseminato di frammenti di comete e asteroidi, così quando il nostro pianeta orbita in questo spazio polveroso, trascina dietro a sé una scia.

Earth dust tail

Credit: Christopher Stark, GSFC

Ora, un anello simile è stato scoperto vicino a Venere: si estende per 220 milioni di chilometri ma è denso solo il 10 per cento di più rispetto allo spazio interplanetario.

Produce un bagliore noto come luce zodiacale, ossia una debole luminosità lungo l'eclittica, in particolare nelle vicinanze del Sole.

In base a quanto riportato sul sito space.com, Mark Jones, della Open University del Regno Unito, ha spiegato via mail:
"se potessimo osservarlo ad occhio nudo dalla Terra (cosa che ovviamente non possiamo fare perché è troppo debole) si estenderebbe a 45 gradi su entrambi i lati del Sole".

Venus dust ring NASA STEREO viewing geometry

Credit: M.H. Jones / The Open University

Diverse missioni spaziali sovietiche, come Venera 9 e 10, avevano individuato tracce di un anello di polveri vicino a Venere ma senza alcuna prova definitiva. Così Jones e colleghi hanno cercato di confermare la scoperta.

Il team ha simulato l'anello nei pressi di Venere e il modo in cui avrebbe dovuto riflettere la luce; successivamente, ha sfruttato le immagini delle sonde STEREO (Solar TErrestrial RElations Observatory) della NASA, che studiano il Sole dal 2006, per individuare realmente l'anello.

La ricerca programmata, però, non ha mancato di riservare qualche sorpresa, mostrando un anello di polveri significativamente diverso rispetto a quello che si trova in prossimità dell'orbita terrestre.

La struttura di Venere mostra due componenti distinte: una interna all'orbita e l'altra esterna alla traiettoria del pianeta.

Questi anelli di polveri si dispongono in risonanza orbitale con i corpi principali, in questo caso la Terra o Venere, e nascono catturando il materiale dello spazio interplanetario.
Posso essere strutture longeve, a differenza della polvere che li compone che, invece, è soggetta ad un certo ricambio: il materiale rimane intrappolato nell'anello non più di 10.000 anni.
Così, anche se tali formazioni non ci raccontano molto sulle origini del nostro Sistema Solare, possono diventare un'arma in più per la ricerca di esopianeti.

Riferimenti:
www.space.com/23683-giant-venus-dust-ring-nasa-stereo.html

Letto: 11527 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista