Scritto: Lunedì, 18 Novembre 2013 06:10 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Cometa ISON: il nucleo potrebbe essersi frammentato?


Dopo l'improvviso outburst che ha catapultato la sua luminosità alla soglia della visibilità per l'occhio umano, la cometa ISON è stata osservata da tutto il mondo con e senza strumentazione.
Ad occhio nudo appare come una debole macchia bassa sull'orizzonte, poco prima dell'alba, ma le immagini che ogni giorno arricchisconoil catalogo sono sempre più sorprendenti.

Rate this item
(0 votes)

Cometa ISON Waldemar Skorupa

Credit: Waldemar Skorupa spaceweathergallery.com

Dopo l'improvviso outburst che ha catapultato la sua luminosità alla soglia della visibilità per l'occhio umano, la cometa ISON è stata osservata da tutto il mondo con e senza strumentazione.
Ad occhio nudo appare come una debole macchia bassa sull'orizzonte, poco prima dell'alba, ma le immagini che ogni giorno arricchiscono il catalogo sono sempre più sorprendenti.

Lo "sfogo" di qualche giorno fa non sembra essere un evento transitorio e la cometa continua a sfoggiare una lunga coda filante. Tuttavia, qualche dubbio rimane.
Anche se inizialmente avevamo trovato in rete solo uno studio che ipotizzava una possibile frammentazione del nucleo, ora è lo stesso team CIOC (NASA Comet ISON Observing Campaign) a prendere in esame tale possibilità.

Alcune osservazioni descrivono la presenza di una sorta di "ali", lasciando pensare che il nucleo non sia più un unico oggetto ma frammentato in più sotto-nuclei. Questi rapporti non sono giunti solo da astronomi amatoriali ma anche da autorevoli scienziati.

Cometa ISON Maximilian Teodorescu

Credit: Maximilian Teodorescu / spaceweathergallery.com

In effetti, l'outburst poteva essere il risultato di un'improvvisa disintegrazione parziale, così come era accaduto alla cometa LINEAR pochi giorni prima, oppure dovuto ad un normale incremento dell'attività, considerato che ormai manca poco al perielio.

Queste "ali" descritte sono spesso legate ad eventi di frammentazione ma potrebbero esistere altre possibilità.

Prima di tutto, il loro aspetto è notevolmente simmetrico e questo lascia un po' perplessi sul fatto che possano essere relazionate ad una disintegrazione che, invece, è in genere asimmetrica, spesso con frammenti riconoscibili anche nella coda della cometa (come era accaduto, ad esempio, per la cometa Hyakutake o la cometa 73P/Schwassmann–Wachmann).
Inoltre, prima dello sfogo erano stati segnalati diversi getti nella zona attiva, che adesso, sembra essere proprio la fonte delle ali.
Oppure, l'outburst potrebbe in realtà essere legato ad un aumento del vento solare o ad un'espulsione di massa coronale.

Per il momento però, non possiamo fare altro che continuare a raccogliere dati ed osservazioni per cercare di capire a quale scenario stiamo assistendo.
Se il nucleo della ISON si è realmente frammentato allora nei prossimi giorni assisteremo a cambiamenti drammatici, come un aumento della luminosità seguito da un'improvvisa diminuzione. Se, invece, le ali sono causate solo da una maggiore attività del nucleo, allora persisteranno e cresceranno ancora. Diversamente, se il comportamento della ISON è influenzato dal Sole, allora vedremo continue variazioni in accordo con i cambiamenti del vento solare.

Non possiamo che osservare ancora e tenere le dita incrociate: stay tuned!

Riferimenti:
www.isoncampaign.org/karl/did-ison-fragment

Aggiornameto 19 novembre 2013

Il 15 novembre la cometa ISON è stata fotografata con filtri in banda larga dal telescopio ESO presso l'Osservatorio di La Silla, nel sud del deserto dell'Atacama, in Cile.

Cometa ISON by ESO 15 novembre 2013

Credit: ESO

Gli astronomi hanno utilizzato il TRAPPIST (TRAnsiting Planets and PlanetesImals Small Telescope), un telescopio robotico dedicato allo studio dei sistemi planetari, per riprendere la cometa anche con filtri a banda stretta per isolare le emissioni dei vari gas.

L'immagine è composta da uno stack di quattro esposizioni di 30 secondi ciascuna, con filtri blu, verde, rosso, e vicino infrarosso.

Le osservazioni dell'ESO risalgono a poco dopo un secondo outburst che ha incrementato ulteriormente la luminosità della ISON e, nonostante da queste foto la cometa appaia abbastanza "tranquilla", tutti ora stanno cercando di capire le reali condizioni del nucleo.

In base alle ultime osservazioni la ISON sta diventando sempre più luminosa.
Quello che segue è l'ultima light-curve rilasciata dal Comet Observation Database.

Cometa ISON light curve

Ora, la coda si estende per oltre 16 milioni di chilometri, molto più grande del Sole. Così, quando la ISON si immergerà nella nostra stella il 28 novembre, avrà oltre 15 milioni di chilometri di coda protesi nello spazio.

Cometa ISON 17 novembre 2013 Michael Jäger

Credit: Michael Jäger / spaceweather.com

Ma cosa è successo al nucleo della ISON con gli sfoghi del 13 e del 14 novembre?
Una delle possibilità, e anche quella più auspicabile, è che vene fresche di ghiaccio si stanno aprendo nel nucleo della cometa man mano che si avvicina al Sole.

Con un'analisi sulle osservazioni del 17 novembre, pubblicata sul sito spaceweather.com, è stata differenziata l'emissione di polveri sul canale rosso, i gas sul canale verde e il plasma sul blu. Se il risultato è corretto, sembra che le emissioni non siano simmetriche, lasciando ancora più dubbi.

Cometa ISON Eric Allen

Credit: Eric Allen / spaceweather.com

Mentre, la coda, ripresa da un astronomo amatoriale, ieri, 18 novembre, quando la ISON era in congiunzione con Spica, sembra manifestare una maggiore separazione.

Cometa ISON by John Chumack

Credit: ohn Chumack /spaceweather.com

Non ci resta che continuare a seguirla!

Letto: 4377 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Comment Link Elisabetta Bonora Martedì, 19 Novembre 2013 05:45 posted by Elisabetta Bonora

    Ciao Fabio,
    potrebbe essere uno sfogo + velocità e vento solare l'effetto che vediamo (qui http://www.cometison2013.co.uk/perihelion-and-distance/ è possibile seguirla in tempo reale). Peraltro si trovano analisi molto diverse in giro... aggiorno ora il post con qualche segnalazione.

  • Comment Link fabio Lunedì, 18 Novembre 2013 09:41 posted by fabio

    Può essere stato l'aumento della velocità , arrivata ormai a oltre 200mila KmH , la causa delle ali anomale?

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista