Scritto: Giovedì, 14 Novembre 2013 20:36 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

La cometa ISON prende vita! Ora è visibile ad occhio nudo


Potrà non essere la "Cometa del Secolo" ma, da quando è stata scoperta, il 21 settembre 2012, ha fatto parlare molto di sé. Il suo comportamento è spesso stato giudicato "anomalo" e in questi mesi si sono susseguiti i pronostici sulla sua sorte.

Rate this item
(0 votes)

Cometa ISON 3 - 9 novembre

Credit: Juanjo Gonzalez

Potrà non essere la "Cometa del Secolo" ma, da quando è stata scoperta, il 21 settembre 2012, ha fatto parlare molto di sé. Il suo comportamento è spesso stato giudicato "anomalo" e in questi mesi si sono susseguiti i pronostici sulla sua sorte.
Di sicuro, però, la C/2012 S1 ISON sa come come fare audience al momento opportuno: a due settimane esatte dal perielio, il prossimo 28 novembre, quando ancora le sue potenzialità lasciavano perplessi, un improvviso outburst ha catapultato la soglia di visibilità fino ai livelli dell'occhio umano.

Le segnalazioni stanno aumentando di ora in ora: la cometa ISON è ora visibile ad occhio nudo (l'occhio umano può percepire gli oggetti come magnitudine di +6,5).

Un astrofilo della California, Charles Coburn, ha catturato la ISON in due giorni consecutivi: l'improvviso aumento di luminosità è evidente.

Cometa ISON Charles Coburn

Credit: Cometa ISON Charles Coburn / spaceweather.com

Altri rapporti stanno arrivando da tutto il mondo: la cometa ISON in soli due giorni ha aumentato la magnitudine da +8 a +6. Se la tendenza continuerà, per il fine settimana sarà una cometa debole ma visibile ad occhio nudo da tutti e non solo dai pochi eletti che osservano il cielo in condizioni astronomiche ottimali.

Bellissima questa animazione pubblicata dal blogger Mike, ripresa il 14 novembre con una Canon dal cortile di casa:

Cometa ISON by Mike

Oltre al tam tam che si sussegue in rete, la conferma arriva anche dal sito del telescopio spaziale Hubble, dove si legge:

"According to online reports, Comet ISON may have brightened considerably over the last two days. If true, ISON is now at the cusp of naked-eye visibility

["In accordo con i report online, la cometa ISON potrebbe aver incrementato notevolmente la luminosità negli ultimi due giorni, Se ciò è vero, ISON è ora al massimo della visibilità ad occhio nudo"]

Sempre sul sito del Hubble si fa riferimento ad un alert giunto via mail dall'Università del Maryland:
"Questa mattina, ci sono diverse segnalazioni di un aumento drammatico della luminosità della cometa ISON.
Le stime di magnitudine totale trasmesse tramite Yahoo Comets Mailing List parlano di 6,5 - 6,0".

Le conferme arrivano anche dal veterano cacciatore di comete John Bortle, che nei giorni passati aveva manifestato diverse perplessità.
Secondo le sue dichiarazioni la ISON splendeva solo con magnitudine +8,5 fino a lunedì mattina (11 novembre) ma mercoledì mattina la sua luminosità era incrementata fino a + 7,3:
"Pronto per andare alle 4:45 della mattina, non riuscivo a capire quella cosa buffa che stavo guardando. Forse stavo vendendo male, sembrava una 'stella macchiata' ma era nella posizione della cometa!"

In appena 72 ore la luminosità della ISON ha avuto uno sbalzo significativo.

Carl Hergenrother, coordinatore dell'Association of Lunar and Planetary Observers, ha confermato le osservazioni di Bortle, ponendo la magnitudine della ISON tra +5,7 e +6,1.

Questo sfogo non è del tutto insolito in quanto la ISON ha dimostrato brevi "scatti" di luminosità nel corso delle ultime settimane, seguiti però da bruschi rallentamenti.
Così, adesso bisognerà vedere se, questa magnitudine verrà mantenuta fino al perielio il prossimo 28 novembre:
"Il fatto che questo potrebbe essere il culmine dello sfogo è certamente discutibile (e per me piuttosto improbabile), potrebbe illuminarsi molto di più", sottolinea Bortle.

L'outburst potrebbe essere un evento di breve durata o l'inizio di una nuova fase di attività per la ISON ma questo è ancora tutto da scoprire.

L'improvviso incremento di magnitudine sembra sicuramente un fatto positivo per una cometa che finora è stata considerata sotto gli standard ma potrebbe anche essere stato causato da una frattura del nucleo e dall'improvvisa fuoriuscita di ghiaccio. Così la ISON si troverebbe nella stessa situazione della cometa LINEAR, registrata pochi giorni fa. Ma, fino prova contraria, la ISON sembra essere intatta e pronta ad affrontare il momento più difficile.

Finora in rete, è presente un solo uno studio a cura di Toni Scarmato, che lascia ipotizzare una possibile rottura del nucleo ma in questo momento sembra essere l'unico report in tal senso. Tutte le altre osservazioni lasciano ben sperare!

ISON break

Riferimenti:
www.space.com/23591-comet-ison-visibility-naked-eye.html
www.universetoday.com/106404/comet-ison-suddenly-brightens-as-it-dives-toward-the-sun/
www.space.com/23581-comet-ison-sun-encounter-thanksgiving.html
www.skyandtelescope.com/observing/home/Comet-ISON-Comes-to-Life-231893451.html
www.isoncampaign.org/Present
www.spaceweather.com/

Letto: 6014 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista