Scritto: Martedì, 12 Novembre 2013 05:44 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Cometa ISON: ora visibile con un binocolo


A dispetto di tutte le previsioni pessimistiche, la cometa ISON, ormai prossima al perielio, si è illuminata sufficientemente da essere visibile con un buon binocolo.

Il 28 novembre sarà il "giorno del giudizio": la sua orbita la porterà a soli 1,2 milioni di chilometri dal Sole e allora vedremo di che stoffa è fatta!

Rate this item
(0 votes)

 Comet ISON double tail

Credit: Michael Jäger/spaceweather.com

A dispetto di tutte le previsioni pessimistiche, la cometa ISON, ormai prossima al perielio, si è illuminata sufficientemente da essere visibile con un buon binocolo.

Il 28 novembre sarà il "giorno del giudizio": la sua orbita la porterà a soli 1,2 milioni di chilometri dal Sole e allora vedremo di che stoffa è fatta!

La cometa è ora in viaggio attraverso la costellazione della Vergine ed è visibile sul basso orizzonte orientale prima dell'alba.

In realtà, la ISON non è la sola cometa presente nel cielo di novembre ma è insieme da altre tre compagne:

  • C/2013 R1 Lovejoy, scoperta pochi mesi fa dall'australiano Terry Lovejoy.
    Passerà al perielio il 22 Dicembre a 0,822 UA;
  • 2P/Encke, cometa secolare, scoperta a fine 700, si avvicina alla Terra ogni 3 anni e 3 mesi.
    Raggiungerà il perielio il 21 novembre;
  • C/2012 X1 LINEAR.
    Quest'ultima potrebbe essere entrata in una fase di "outburst", il che non significa che si sia disintegrata ma di certo potrebbe renderla meno resistente al calore del Sole: l'evento è stato registrato e ben documentato dal gruppo di astronomi italiani dell'Osservatorio di Remanzacco.

Comete di Novembre

Credit: Stellarium/ astroperinaldo.it

La ISON ora brilla come una stella di magnitudine 8, troppo debole per essere vista ad occhio nudo ma facile da individuare con un binocolo o un piccolo telescopio.
Ci si aspetta che, già nel corso di questa settimana, la cometa possa diventare visibile anche ad occhio nudo, per alcuni eletti, in condizioni ottimali, ma sarà sempre più difficile osservarla man mano che si avvicina al Sole (e lo sta facendo molto rapidamente, muovendosi a 50 chilometri al secondo).
Così, il momento migliore, se tutto andrà bene, sarà ai primi di dicembre quando salirà più alta nel cielo notturno.

Il grafico seguente raccoglie tutti i dati relativi alla luminosità della ISON trasmessi al Minor Planet Center.

ISON Light Curve 11 november

Credit: CIOC/Matthew Knight

La ISON è una cometa Sungrazing e sta seguendo un'orbita che la porterà attraverso l'atmosfera esterna estesa del Sole, dove sperimenterà un intenso bombardamento della radiazione solare che ne farà sublimare la superficie ad un ritmo allarmante, con sollecitazioni strutturali estreme.

Fino ad ora, la tendenza di luminosità della cometa ha mantenuto un ritmo di frustrante lentezza ma ora sembra manifestare una buona ripresa.

Il team CIOC (NASA Comet ISON Observing Campaign) prevede che la luminosità di picco potrebbe agirarsi tra magnitudine -7 e +5, più precisamente tra -3 e -5.

ISON Chandra

La cometa ISON ripresa dal telescopio spaziale Chandra X-Ray
Credit: Casey Lisse/Chandra

Nella bellissima immagine in apertura è visibile la cometa ISON con una doppia coda: una di gas ionizzato e l'altra di polveri.
La sottile coda gassosa viene spinta quasi perfettamente in direzione opposta al Sole; la coda di polveri, invece, è più pesante per cui viene meno influenzata dal vento solare. Tale materiale tende a rimane nel punto ove è stato rilasciato, per cui questa coda segna in un certo senso l'orbita della cometa.

Scoperta da due astronomi russi il 21 settembre 2012, utilizzando l'International Scientific Optical Network di 40 centimetri, vicino a Kislovodsk, la ISON è un agglomerato di polveri e ghiaccio, proveniente dalla nube di Oort, ai confini del Sistema Solare.
La sua orbita è stata probabilmente influenzata da diversi effetti gravitazionali che le hanno fatto intraprendere il suo primo viaggio verso di noi.

Lontane dalla luce e dal calore del Sole, le comete della nube di Oort sono delle capsule temporali che ospitano i gas congelati e il materiale polveroso primitivo della nebulosa planetaria, dalla quale 4,5 miliardi di anni fa è originato il nostro Sistema Solare.

Riferimenti:
www.space.com/23552-comet-ison-visible-binoculars-skywatching.html
www.isoncampaign.org/Present
www.astroperinaldo.it/blog/2013/4-comete-nelle-mattine-di-novembre
remanzacco.blogspot.it/2013/10/outburst-of-comet-c2012-x1-linear.html

Read 2991 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS