Scritto: Domenica, 28 Novembre 2021 07:10 Ultima modifica: Domenica, 28 Novembre 2021 09:46

Via Lattea: due bracci sono collegati da un lungo e denso filamento di gas


Lo ha scoperto un team di ricercatori della Germania, Francia e Regno Unito. Strutture simili, chiamate piume, erano già state osservate in altre galassie ma studiare la Via Lattea dalla Terra non è semplice.

Rate this item
(1 Vote)
Esempi di mappe dell'emissione del monossido di carbonio, in due diversi intervalli di velocità e in coordinate galattiche, sulla base delle quali si è dedotta cinematicamente l'esistenza del filamento. Esempi di mappe dell'emissione del monossido di carbonio, in due diversi intervalli di velocità e in coordinate galattiche, sulla base delle quali si è dedotta cinematicamente l'esistenza del filamento. Crediti: V. S. Veena et al 2021 ApJL 921 L42

Nel loro lavoro, pubblicato sul The Astrophysical Journal Letters, i ricercatori stavano studiando le concentrazioni di monossido di carbonio nei dati del telescopio APEX a San Pedro de Atacama, in Cile. Tra questi, hanno notato delle concentrazioni che non erano mai state viste prima. Dopo ulteriori approfondimenti, hanno scoperto che le concentrazioni formano un lungo e denso filamento di gas molecolare che si estende dal centro della Galassia verso l'esterno, collegando due dei bracci che conferiscono alla Via Lattea il suo distintivo aspetto a spirale.

I ricercatori hanno chiamato la formazione l'onda Gangotri, un omaggio al massiccio ghiacciaio il cui scioglimento dà origine al fiume Gange.

La piuma appena scoperta si estende dai 6500 ai 13000 anni luce tra i due bracci della Via Lattea e dista circa 17500 anni luce dal centro di rotazione della Galassia. Copre circa 30° sulla volta celeste e i ricercatori hanno anche stimato che la sua massa è almeno uguale a nove milioni di Soli. Inoltre, la struttura non è dritta ma si muove a zigzag, avanti e indietro lungo la sua lunghezza in uno schema simile a un'onda sinusoidale. Nei prossimi anni ci sarà ancora molto da scoprire su questo fenomeno.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 360 volta/e Ultima modifica Domenica, 28 Novembre 2021 09:46

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2022.

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 gennaio. Reboost! ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 gennaio. Statistiche su...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 7/1/22 - Sol 1105] - Mete...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora