Scritto: Mercoledì, 24 Novembre 2021 06:21 Ultima modifica: Mercoledì, 24 Novembre 2021 22:57

Più di 300 esopianeti candidati in un sol colpo


Grazie ad un nuovo algoritmo, gli astronomi dell'UCLA hanno identificato nuovi 366 pianeti extrasolari. Nella scoperta, già degna di nota, spicca un sistema planetario che comprende una stella e almeno due pianeti giganti gassosi, ciascuno grosso modo delle dimensioni di Saturno, situati insolitamente vicini l'uno all'altro.

Rate this item
(1 Vote)
Più di 300 esopianeti candidati in un sol colpo Crediti: Tiago Campante / Peter Devine via NASA

"Scoprire centinaia di nuovi esopianeti è di per sé un risultato significativo ma ciò che distingue questo lavoro è il metodo che aumenterà la popolazione di esopianeti nel suo insieme", ha affermato Erik Petigura, professore di astronomia dell'UCLA e coautore della ricerca.

Petigura, insieme a Jon Zink, autore dell'algoritmo, hanno analizzato i dati del catalogo della missione K2  del telescopio Kepler.

Le scoperte sono descritte in un articolo pubblicato sull'Astronomical Journal.


L'algoritmo

Una sfida nell'identificare nuovi pianeti è che le riduzioni della luminosità stellare, tipiche di una rilevazione basata sul metodo del transito, possono anche provenire dallo strumento o da una fonte astrofisica alternativa che imita una firma planetaria. In questi casi, sono necessarie nuove lunghe e dispendiosi indagini che possono confermare la scoperta solo tramite l'ispezione visiva. L'algoritmo di Zink è in grado di separare quali segnali indicano i pianeti e quali sono semplicemente rumore.

"Il catalogo e l'algoritmo di rilevamento dei pianeti ideati da Jon e dal team di Scaling K2 rappresentano un importante passo avanti nella comprensione della popolazione dei pianeti", ha affermato Petigura. "Non ho dubbi che miglioreranno la nostra comprensione dei processi fisici attraverso i quali i pianeti si formano ed evolvono".

La missione originale di Kepler si è conclusa inaspettatamente nel 2013, quando un guasto meccanico ha impedito alla navicella di puntare con precisione la porzione di cielo che osservava da anni. Ma gli astronomi riproposero il telescopio per una nuova missione, nota come K2, il cui obiettivo era identificare esopianeti vicino a stelle lontane. I dati K2 stanno aiutando gli scienziati a capire come la posizione delle stelle nella Galassia influenza il tipo di pianeti che si formano attorno ad esse.

Sfortunatamente, il software utilizzato dalla missione originale Kepler per identificare possibili pianeti non era in grado di gestire le complessità della missione K2.
Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato il nuovo software per analizzare l'intero set di dati dal K2, circa 500 terabyte di dati che comprendono più di 800 milioni di immagini di stelle, per creare un "catalogo" che sarà presto incorporato nell'archivio principale degli esopianeti della NASA.

Oltre ai 366 nuovi pianeti identificati dai ricercatori, il catalogo elenca altri 381 pianeti già noti.

Lo strano sistema planetario

La scoperta del sistema planetario con due pianeti giganti gassosi è stata significativa anche perché è raro trovare giganti gassosi, come Saturno, così vicini alla stella ospite come in questo caso. I ricercatori non possono ancora spiegare perché si trovano lì, ma Zink ha affermato che ciò rende la scoperta particolarmente utile perché potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere in modo più accurato i parametri di come si sviluppano i pianeti e i sistemi planetari.

"La scoperta di ogni nuovo mondo offre uno sguardo unico sulla fisica che gioca un ruolo nella formazione dei pianeti", ha detto.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 130 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 24 Novembre 2021 22:57

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021.

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 novembre. Statisti...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 novembre 2021. ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 1032] - Meteo...

Sofia Vega for kids: ISCRIVITI

sofiavega for kids

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista