Scritto: Venerdì, 01 Novembre 2013 11:34 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

ISON: perplessità sulla Cometa del Secolo


Ormai manca meno di un mese all'appuntamento della cometa ISON con il Sole eppure ad oggi, le sue sorti sono ancora ignote.

Le osservazioni e le previsioni rimangono piuttosto controverse: a fine ottobre la cometa presentava una luminosità 3,3 volte inferiore rispetto alle stime ufficiali rilasciate dal Minor Planet Center di Cambridge.

Rate this item
(0 votes)

 ISON true color Bruce Gary

Credit: Bruce Gary

Ormai manca meno di un mese all'appuntamento della cometa ISON con il Sole eppure ad oggi, le sue sorti sono ancora ignote.

Le osservazioni e le previsioni rimangono piuttosto controverse: a fine ottobre la cometa presentava una luminosità 3,3 volte inferiore rispetto alle stime ufficiali rilasciate dal Minor Planet Center di Cambridge.

Secondo Carl Hergenrother del Lunar and Planetary Laboratory di Tucson, Arizona, parte dell'incertezza sarebbe dovuta alle analisi effettuate a diverse lunghezze d'onda.
Osservazioni nel visibile (CCD-V) mostrerebbero che la cometa si sta illuminando ad un ritmo normale, mentre osservazioni nelle lunghezze d'onda nel rosso (CCD-R) indicherebbero una luminosità più bassa.
Hergenrother spiega che il CCD-R evidenzia più che altro le polveri mentre in CCD-V sono maggiormente visibili i gas: questo significherebbe che negli ultimi mesi il tasso di produzione dei gas della ISON è aumentato come previsto, al contrario del suo tasso di produzione di polveri.
Ammesso sia così, è però lo stesso Hergenrother a chiarire che, comunque, non si sa come interpretare questi dati.

John Bortle, veterano cercatore di comete, è altrettanto perplesso, commentando le recenti riprese della ISON.
"E' decisamente strano", dichiara, "vi è una lunga coda della cometa in miniatura, all'interno di una più grande ma la chioma è molto debole e diffusa".
"A quelle persone che usano grandi telescopi, la cometa appare in modo strano, mentre a quelli che usano telescopi più piccoli o grandi binocoli, appare come una massa cometaria più grande, più o meno debole ma uniforme".
"Questa cometa è attualmente ad una distanza dal Sole dove non si dovrebbe più presentare una tale dicotomia di apparenza".

Bortle ha osservato diverse centinaia di comete eppure dice di non ricordarne una con un comportamento simile:
"Allora, che cosa dobbiamo aspettarci dalla ISON? Onestamente non lo so. Tutto quello che posso dire è che non mi piace l'aspetto strano che ha in questo momento".

Intorno al 19 ottobre la ISON sembrava illuminarsi improvvisamente e più rapidamente.
Il 21 ottobre Bruce Gary dall'Arizona, che fu il primo a fotografare la cometa appena riemersa dal bagliore del Sole il 12 agosto, scriveva entusiasta di come la chioma e la coda stessero acquistando vigore.
Ma solo quattro giorni più tardi la ISON sembrava avesse fatto dietrofront e Gary, esasperato, commentava: "Non so che cosa sta succedendo con questa cometa!".

Analizzando tutte le osservazioni dal 4 settembre in poi, sembra che la ISON risponda più come farebbe un corpo solido esposto al Sole che come una tipica "soffice" cometa.

In ogni caso, qualunque cosa stia accadendo, la cometa ISON prosegue il suo cammino in direzione del Sole e attraverserà l'orbita della Terra mercoledì 6 novembre alle 22:00 GMT.

Nel frattempo, anche se siamo agli sgoccioli, le speranze rimangono: la ISON potrebbe ancora illuminarsi e dare spettacolo.

ISON stereo B

Credit NASA / isoncampaign.org

Il 21 ottobre scorso la sonda della NASA STEREO-B è diventata l'ottavo veicolo spaziale ad aver avvistato la ISON.
L'immagine mostra la cometa da un'angolazione unica: la sonda STEREO-B si trova, infatti, dal lato opposto al Sole.
La ISON appare in questa immagine molto vicino a Giove e all'ammasso stellare M35

Riferimenti:
www.space.com/23417-comet-ison-performance-approaching-sun.html
www.cometisonnews.com/
www.isoncampaign.org/karl/unique-view-of-ison

Read 9674 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 27 Febbraio [updated on Feb,27]

HOT NEWS