Scritto: Martedì, 19 Ottobre 2021 05:10 Ultima modifica: Martedì, 19 Ottobre 2021 06:03

Nettuno e Urano: ecco come potrebbe nascere il loro campo magnetico


I "giganti di ghiaccio" più esterni del Sistema Solare, Nettuno e Urano, hanno ancora molti segreti. Uno dei più intriganti è scoprire come nasce il loro campo magnetico.

Rate this item
(2 votes)
L'immagine mostra come è stato condotto l'esperimento L'immagine mostra come è stato condotto l'esperimento Crediti: Vitali Prakapenka

Quello di Nettuno è ventisette volte più potente di quello della Terra mentre quello di Urano è variabile, fino a quattro volte quello terrestre. Ma il caos regna in questi ambienti elettromagnetici, rendendoli eccezionalmente difficili sia da capire che da modellare. Ora un team di ricercatori guidato dal dott. Vitali Prakpenka dell'Università di Chicago pensa di aver trovato la causa alla base sia della forza del campo che della sua casualità: il "ghiaccio superionico".

Cos'è il ghiaccio superionico

L'acqua è un elemento molto particolare. Come ci insegnano a scuola, le sue molecole sono costituite da due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno: H20. Ma quando le condizioni in cui l'acqua può esistere cambiano, cambia anche radicalmente l'organizzazione e le proprietà delle molecole stesse.

Il ghiaccio, per esempio, ha molte forme differenti (almeno 18 forme conosciute), con strutture diverse del reticolo cristallino che emergono in condizioni ambientali sempre più estreme e ne cambiano le proprietà.
A temperature e pressioni molto elevate, gli atomi di idrogeno (che sono nell'acqua) possono galleggiare liberamente attraverso la struttura reticolare di ossigeno. Questa mobilità rende il ghiaccio capace di condurre elettricità quasi quanto un materiale metallico.

Conosciuto come "ghiaccio superionico", questa forma unica di ghiaccio è stata al centro della ricerca per decenni: le osservazioni in laboratori hanno portato a risultati contraddittori e c'è disaccordo su come ottenerlo. Teorizzato nel 1999, si viene a creare sotto una forte pressione (2 GPa) e temperatura (4700 °C). L'acqua in queste condizioni ha la proprietà di essere sia liquida che solida.

Lo studio

Dr. Prakpenka e il suo team hanno eseguito migliaia di test in oltre dieci anni, con il fascio di raggi X di sincrotrone ad alta energia dell'Advanced Photon Source presso l'Argonne National Laboratory, per sondare i dettagli del processo di formazione. I dati alla fine hanno indicato due diverse condizioni che potrebbero portare a due diversi tipi di ghiaccio superionico. Uno di questi sembra essere poter esistere nelle atmosfere interne dei giganti di ghiaccio.

Gli scienziati hanno a lungo pensato che i campi magnetici in questi pianeti fossero causati dagli strati fluidi e profondi nelle loro atmosfere. "La conduttività del ghiaccio superionico sarebbe in grado di realizzare questo tipo di campi e, una delle due strutture che abbiamo trovato, potrebbe esistere nelle condizioni che si trovano in queste zone che generano campi magnetici". ha detto Alexander Goncharov. co-autore del documento.

Tuttavia, saranno necessari ulteriori approfondimenti ed altre dimostrazioni. Mentre le condizioni sui giganti di ghiaccio sono adatte alla formazione di ghiaccio superionico e questo sembra essere in grado di generare i campi magnetici visti intorno ai pianeti, c'è ancora molto lavoro da fare per dimostrarlo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 297 volta/e Ultima modifica Martedì, 19 Ottobre 2021 06:03

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021.

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 novembre. Statisti...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 novembre 2021. ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 1032] - Meteo...

Sofia Vega for kids: ISCRIVITI

sofiavega for kids

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista