Scritto: Mercoledì, 13 Ottobre 2021 05:12 Ultima modifica: Mercoledì, 13 Ottobre 2021 09:29

L'illusione delle galassie gemelle


Sembra impossibile che ne esistano due identiche, eppure questa coppia di galassie gemelle, avvistate una accanto all'altra nei lontani confini dell'Universo nel 2013, ha lasciato a bocca aperta gli scienziati.

Rate this item
(2 votes)
L'illusione delle galassie gemelle Crediti: Hamilton's Object. (Joseph DePasquale/STScI)

Ora, il mistero di questi curiosi oggetti sembra essere risolto e la risposta potrebbe avere implicazioni sulla nostra comprensione della materia oscura.


Hamilton's Object

La strana coppia, chiamata Hamilton's Object, è stata scoperta per caso dall'astronomo Timothy Hamilton della Shawnee State University, nei dati ottenuti dal telescopio spaziale Hubble quasi un decennio fa.

Le due galassie sembravano avere la stessa forma, con le stesse strisce scure quasi parallele attraverso il rigonfiamento galattico, la regione centrale dove vive la maggior parte delle stelle.

lensing

Crediti: NASA, ESA & L. Calçada

Effetto cosmico

Nel 2015, l'astronomo Richard Griffiths dell'Università delle Hawaii, vedendo una presentazione di Hamilton, suggerì che quella similitudine poteva essere causata da un raro fenomeno noto come lente gravitazionale. Se un oggetto massiccio si trova direttamente tra noi e un oggetto più distante, si verifica un effetto di ingrandimento dovuto alla curvatura gravitazionale dello spazio-tempo attorno all'oggetto più vicino. Qualsiasi luce vi viaggi attraverso, raggiunge i nostri telescopi alterata e distorta in vari gradi ma spesso, anche ingrandita e duplicata. Questa ipotesi è parsa, in effetti, molto più plausibile piuttosto che avere due galassie identiche, specialmente quando Griffiths identificò un'altra duplicazione di galassie nei dati.

Tuttavia, rimaneva un grosso problema: cosa stava causando la lente gravitazionale?

Dopo una grande ricerca Griffiths e colleghi hanno trovato il responsabile. Tra noi e l'Oggetto di Hamilton si nasconde un ammasso di galassie scarsamente documentato.

Di solito, queste scoperte vanno al contrario ossia,: prima viene identificato l'ammasso, quindi gli astronomi vanno alla ricerca di effetti lente gravitazionale con quello che c'è dietro.

Il lavoro del team ha rivelato che l'oggetto Hamilton si trova a circa 11 miliardi di anni luce di distanza, mentre un altro studio ha rivelato che l'ammasso è distante circa 7 miliardi di anni luce.
Hamilton è una galassia a spirale barrata con il bordo rivolto verso di noi, in fase di formazione stellare grumosa e irregolare, dicono gli scienziati. Le simulazioni al computer, invece, hanno mostrato che la duplicazione dell'immagine è possibile solo se la distribuzione della materia oscura è uniforme su piccola scala. "È fantastico che abbiamo solo bisogno di due immagini speculari per ottenere quanto la materia oscura possa essere grumosa o meno in queste posizioni", ha detto l'astronoma Jenny Wagner dell'Università di Heidelberg in Germania. Il fatto che immagini multiple possono essere trasformate l'una nell'altra "ci dà già un'idea di quanto deve essere liscia la materia oscura in queste zone", ha aggiunto.

hamiltons altra immagineCrediti: Joseph DePasquale/STScI

Immagini speculari

Le due immagini identiche affiancate si sono create perché si trovano a cavallo di un'"increspatura" nello spazio-tempo, un'area di maggior ingrandimento creata dalla gravità di un filamento di materia oscura. Si pensa che tali filamenti colleghino l'Universo in una vasta rete cosmica invisibile, unendo galassie e ammassi di galassie, alimentando gas idrogeno. Ma in realtà non sappiamo cosa sia la materia oscura. "Sappiamo che è una qualche forma di materia, ma non abbiamo idea di quale sia la particella costituente", ha spiegato Griffiths. "Quindi non sappiamo affatto come si comporta. Sappiamo solo che ha massa ed è soggetto alla gravità".
Quindi, ogni nuova scoperta che ci permetta di mappare dove si trova, come è distribuita e come influenza lo spazio circostante è un altro piccolo tassello che alla fine ci aiuterà a risolvere questo grande mistero cosmico.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 216 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 13 Ottobre 2021 09:29

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Mercoledì, 13 Ottobre 2021 14:49 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Spettacolare miraggio cosmico! A voler essere pignoli (la scienza richiede pignoleria!) la figura con i percorsi dei raggi di luce non è molto corretta perchè quelli alla periferia dell'ammasso dovrebbero deviare meno invece è il contrario...

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista