Scritto: Mercoledì, 06 Ottobre 2021 12:40 Ultima modifica: Giovedì, 07 Ottobre 2021 08:37

Lampo di raggi gamma o spazzatura spaziale?


A quanto pare non tutti i lampi di raggi gamma arrivano da lontano. Sono transitori e casuali ma secondo ben due studi separati almeno uno, noto come GN-z11-flash, può essere ricondotto da qualcosa di molto più semplice e vicino alla Terra. Sulle nostre teste per l'esattezza.

Rate this item
(2 votes)

 Il cosmo è il palcoscenico delle esplosioni giganti.
I raggi gamma sono una delle forme di luce più energetiche e i lampi di raggi gamma ne rilasciano quantità quasi inimmaginabili. Scoperti per la prima volta durante la guerra fredda, dai satelliti militari alla ricerca di segni di test nucleari nell'alta atmosfera, si pensa che i lampi di raggi gamma siano causati da stelle massicce che subiscono enormi esplosioni quando esauriscono il carburante. Questi eventi sono rari, ma così energetici che possono essere visti in galassie distanti molti miliardi di anni luce.

In un documento recente, gli astronomi pensavano di aver visto le prove di una di queste esplosioni dalla galassia più lontana mai osservata, GN-z11. Era segno che i lampi di raggi gamma erano più comuni del previsto nell'universo primordiale, appena 400 milioni di anni dopo il big bang? Forse no.

Un articolo, un team guidato dall'astrofisico Charles Steinhardt dell'Istituto Niels Bohr dell'Università di Copenaghen in Danimarca, ha stabilito che, molto probabilmente, il segnale aveva avuto origine all'interno del Sistema Solare.

Nel secondo, un team guidato dall'astronomo Michał Michałowski dell'Università Adam Mickiewicz in Polonia, ha rintracciato la fonte: un pezzo di spazzatura spaziale che vagabondava nelle vicinanze del lampo, lo stadio superiore scartato Breeze-M di un razzo russo Proton.

"Questo è un problema tipico in astronomia: è difficile misurare le distanze", ha detto Michałowski.
"Un oggetto con una data luminosità registrata può essere un debole oggetto vicino o un oggetto luminoso distante. In entrambi i casi sembrerebbero ugualmente luminosi per noi. L'oggetto in questione si è rivelato essere un pezzo di spazzatura spaziale molto vicino, ma la sua luminosità era ugualmente compatibile con un'enorme esplosione stellare ai margini dell'Universo osservabile".

Solo spazzatura?

GN-z11-flash è stato rilevato il 7 aprile 2017, quando Linhua Jiang del Kavli Institute for Astronomy and Astrophysics e il suo team stavano conducendo osservazioni nel vicino infrarosso di una lontana galassia chiamata GN-z11 utilizzando lo strumento MOSFIRE sul telescopio Keck I alle Hawaii. Nelle 5,3 ore di dati raccolti, hanno trovato un breve lampo, inferiore a 245 secondi, coincidente con la posizione della galassia nel cielo. La squadra aveva escluso un oggetto in movimento, come un satellite, poiché il lampo si era verificato diverse ore dopo il tramonto, ed aveva escluso pianeti minori conosciuti (che non erano in quel momento in quella regione del cielo). La spiegazione più probabile, quindi, era un lampo ultravioletto associato a un lampo di raggi gamma da GN-z11. Ma altri scienziati erano meno convinti: il team sembrava troppo fortunato soprattutto data la scarsità di lampi di raggi gamma rilevati finora nell'Universo primordiale.

"L'estrema improbabilità che la sorgente transitoria sia un lampo di raggi gamma nell'Universo primordiale richiede una robusta eliminazione di tutte le ipotesi alternative plausibili", hanno scritto Steinhardt e il suo team nel loro articolo.

Michałowski e colleghi hanno utilizzato il sito Space-Track per cercare possibili interferenze satellitari umane nella direzione e al momento del rilevamento del flash.
La squadra ha studiato attentamente il database di detriti spaziali, trovando un potenziale candidato: uno stadio scartato di un razzo Proton lanciato nel 2015. Questo razzo, si trovava a una distanza di 13.758 chilometri dalla Terra e sarebbe apparso nel campo visivo del MOSFIRE durante l'ora in cui si è verificato il flash. Inoltre, a quell'altitudine, non sarebbe stato all'interno del cono d'ombra della Terra, il che significa che avrebbe potuto effettivamente riflettere la luce del Sole .

Jiang e colleghi non sono convinti. Il profilo del flash, hanno detto, è diverso dai flash degli oggetti vicini alla Terra, e i loro calcoli suggeriscono che lo stadio del razzo Breeze-M non era così vicino al campo visivo. Potrebbe, ammettono, provenire da un razzo sconosciuto, ma anche in questo caso la probabilità è bassa, dicono.

"Da un lato, l'esistenza di un lampo di raggi gamma in una galassia così lontana avrebbe importanti conseguenze sulla nostra comprensione della formazione delle prime stelle e galassie, quindi ero felice di poter spingere la scienza nella giusta direzione", ha detto Michałowski. "È un peccato che una scoperta così straordinaria possa avere una spiegazione così banale".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 185 volta/e Ultima modifica Giovedì, 07 Ottobre 2021 08:37

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista