Scritto: Martedì, 15 Ottobre 2013 05:55 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Gli asteroidi troiani di Marte frutto di un'antica collisione


Gli asteroidi troiani nell'orbita di Marte sarebbero la testimonianza di un'antica collisione.

Il nuovo studio, a cura di Dr. Apostolos Christou, un astronomo ricercatore presso l'Osservatorio di Armagh nell'Irlanda del Nord (Regno Unito), è stato presentato la scorsa settimana alla Division for Planetary Sciences of the American Astronomical Society a Denver.

Rate this item
(0 votes)

Asteroidi troiani di Marte

Gli asteroidi troiani nell'orbita di Marte sarebbero la testimonianza di un'antica collisione.

Il nuovo studio, a cura di Dr. Apostolos Christou, un astronomo ricercatore presso l'Osservatorio di Armagh nell'Irlanda del Nord (Regno Unito), è stato presentato la scorsa settimana alla Division for Planetary Sciences of the American Astronomical Society a Denver.

Gli asteroidi troiani condividono la stessa orbita del pianeta senza collidere mai perché posizionati nei punti di Lagrange (ossia nei punti di equilibrio), L4 e L5, situati a 60° davanti e dietro il corpo celeste più grande.

Non tutti i troiani, però, sono stabili per lunghi periodi.
Quasi 6.000 ne sono stati trovati intorno a Giove ed altri intorno a Nettuno. Anche la Terra ne ha uno (temporaneo) in L4, 2010 TK7, con un diametro di circa 300 metri.
Alcuni si pensa risalgano alle origini del nostro Sistema Solare, quando i pianeti ancora non erano nella posizione attuale.

Dei pianeti interni, solo Marte sembra avere gli asteroidi troiani più stabili e longevi.
Il primo fu scoperto nel 1990 intorno a L5, chiamato Eureka; seguito da VF31 sempre in L5 nel 1998 e da UJ7 in L4 nel 1999.

Le osservazioni più approfondite del XXI° secolo hanno chiarito che questi corpi sono di pochi chilometri e di composizione diversificata.

Uno studio del 2005 condotto da Hans Scholl del Observatoire de Cote d'Azur di Nizza (Francia) ha dimostrato che tutti e tre gli oggetti persistono in orbita marziana dagli inizi del Sistema Solare, così come quelli di Giove.

Da allora, però, non ne sono stati scoperti altri nonostante i miglioramenti tecnologici e la crescente attenzione verso gli asteroidi.

Christou ha deciso quindi di indagare.
Spulciando la banca dati del centro Minor Planet, ha contrassegnato sei oggetti aggiuntivi come potenziali asteroidi troiani marziani e simulato l'evoluzione delle loro orbite per un arco di tempo di 100 milioni anni.
Almeno tre dei corpi selezionati hanno dimostrato di avere orbite stabili, compreso un oggetto originariamente identificato da Scholl, 2001 DH47.
Così, il risultato della ricerca ha più che raddoppiato la popolazione di asteroidi troiani nota, portando il numero da 3 a 7.

Ma la storia non finisce qui. Tutti questi asteroidi, tranne uno, seguono Marte dal punto di Lagrange L5 e le orbite di cinque, dei sei troiani in L5, sono tutte condensate attorno ad Eureka.

"Ciò che osserviamo oggi deve essere il risultato di qualche processo passato", spiega Christou..

Secondo Christou questi asteroidi devono esser stati più grandi rispetto a quelli che vediamo attualmente: una serie di collisioni avrebbero provocato la rottura e creato frammenti sempre più piccoli. Il risultato sarebbe la distribuzione e la dimensione (alcune centinaia di metri) degli asteroidi presenti oggi e la formazione del "gruppo Eureka".
Questo lo scenario descritto in un articolo pubblicato sulla rivista Icarus a maggio 2013.

Christou sottolinea l'importanza dello studio anche nell'ottica di salvare la Terra da potenziali asteroidi pericolosi.
Cercare di utilizzare cariche esplosive per deviare l'orbita di un corpo in rotta di collisione con il nostro pianeta, potrebbe invece farlo in mille pezzi, generando una vera e propria "bomba a grappolo" fatale per la Terra.

Gli asteroidi troiani marziani offriranno in tal senso un gran bel "simulatore" naturale.

Letto: 2741 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista