Scritto: Giovedì, 10 Ottobre 2013 05:40 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

La cometa ISON ha buone probabilità: potrebbe sopravvivere al perielio


Ed eccoci di nuovo, con le domande più frequenti degli ultimi mesi: riuscirà la cometa ISON a sopravvivere al perielio? E sarà veramente la "cometa del secolo"?

Ovviamente non abbiamo una risposta, nessuno ha ancora una risposta ma come spesso accade per i grandi eventi, si fanno pronostici più o meno positivi.

Rate this item
(0 votes)

Comet ISON coma

Credit: NASA/ESA J.-Y. Li  of the Planetary Science Institute and the Hubble ISON Imaging Science Team

Ed eccoci di nuovo, con le domande più frequenti degli ultimi mesi: riuscirà la cometa ISON a sopravvivere al perielio? E sarà veramente la "cometa del secolo"?

Ovviamente non abbiamo una risposta, nessuno ha ancora una risposta ma come spesso accade per i grandi eventi, si fanno pronostici più o meno positivi.

Dagli ultimi dati disponibili sono scaturite nuove ipotesi e qui, volendone parlare, nasce il fatidico dubbio: prima le notizie buone o le cattive? Inizierò dalle buone: una bella dose di ottimismo iniziale è in grado di fare miracoli!

Ieri 9 ottobre, due nuovi studi sono stati presentati alla riunione annuale della divisione della American Astronomical Society for Planetary Sciences a Denver.

In base a nuovi risultati, la cometa ISON ha buone probabilità di sopravvivere al suo primo incontro ravvicinato con il Sole, il prossimo 28 novembre.

Davvero un'ottima notizia per scienziati, astronomi amatoriali e per chi spera semplicemente di trovarla nel cielo di dicembre come cometa di Natale: la ISON potrebbe in effetti dare spettacolo.

Al perielio la cometa passerà ad 1,2 milioni di chilometri dal Sole, all'interno del limite di Roche, che è a 2,4 milioni di chilometri (per corpi fluidi), e sarà soggetta a temperature prossime 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsus) in avvicinamento (I PROSSIMI APPUNTAMENTI CON LA COMETA ISON).

In uno dei due studi, Matthew Knight del Lowell Observatory di Flagstaff in Arizona, e Kevin Walsh del Southwest Research Institute di San Antonio, hanno condotto una serie di simulazioni sul prossimo approccio al Sole e hanno cercato di contestualizzare i dati, confrontandoli con quelli delle altre comete sungrazing.

I possibili esiti sono abbastanza vari: dalla disintegrazione totale, alla sopravvivenza iniziale con una rottura in un secondo momento, qualche giorno o settimana dopo il 28 novembre; fino alla completa sopravvivenza per una nuova orbita intorno al Sole.

Uno di questi risultati si verificherà sicuramente, tutto dipenderà dalla densità e dalla rotazione della ISON.

Comete di appena 0,2 chilometri di diametro hanno quasi sicuramente il destino segnato perché il calore del Sole fa evaporare tutto il loro materiale congelato. Ma gli scienziati ritengono che la ISON è abbastanza grande per affrontare questo problema: la maggior parte delle stime, prevedono un nucleo tra i a 0,5 a 2 chilometri di diametro.

Un'altra minaccia sarebbe l'attrazione gravitazionale del Sole che potrebbe letteralmente lacerarla ma la densità della ISON dovrebbe riuscire a far fronte anche a questo destino.

Ovviamente, niente di tutto questo deve esser preso per oro colato dal momento che le tre caratteristiche principali della cometa, dimensione esatta, densità e spin, sono praticamente sconosciute: predire il comportamento di una cometa, soprattutto se è al suo primo viaggio nel Sistema Solare interno, è quasi impossibile.

Nel frattempo, un altro studio, a cura di ian-Yang Li del Planetary Science Institute, basato sui dati del telescopio spaziale Hubble, ha cercato di determinare il polo di rotazione del nucleo della ISON: finora solo un lato della cometa viene riscaldato dal Sole, situazione che dovrebbe cambiare il 21 novembre quando la ISON entrerà nell'orbita di Mercurio.

Li suppone che la ISON abbia una rotazione retrograda e questa sarebbe un ottima chance di sopravvivenza ed offrirebbe la giusta resistenza alle forze di marea che tenderebbero a dilaniarla.

Li ha anche notato il colore rossastro della ISON che suggerisce che la cometa è già attiva e il ghiaccio d'acqua inizia a sfuggire dal nucleo.

Di contro ci sono anche stime assolutamente negative, come quella di Ignacio Ferrin, ricercatore FACom che, analizzando gli ultimi dati a disposizione ha trovato le firme di quella che lui stesso chiama "morte imminente".

Secondo Ferrin la curva della luminosità della ISON mostra caratteristiche già osservate per le comete che non ce l'hanno fatta.

La sua analisi suggerisce che la luminosità della ISON ha subito un rallentamento dal 13 gennaio, senza variare più di tanto fino alle più recenti osservazioni del mese di settembre: la luminosità è rimasta praticamente costante per più di 270 giorni o 9 mesi, un comportamento senza alcun precedente in astronomia cometaria. 

Questa evidenza ha portato il Prof. Ferrin a concludere che probabilmente la cometa sta già morendo.

In effetti il comportamento imprevedibile della ISON sta dando il suo da fare agli scienziati: ad esempio, ci si aspettava un vistoso incremento della luminosità una volta superata la cosiddetta "linea del gelo", tra le 2,5 e il 3 AU ma la cometa ha mantenuto il suo comportamento fotometrico pressoché invariato.

Concludendo, siamo ancora in fase pronostici: la ISON continua il suo percorso verso il Sole (e verso la Terra) ignara del gran discutere che sta generando.

Letto: 12244 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista