Una supernova è la fine brillante di una stella gigante.
A differenza delle famose supernove di tipo Ia che possono essere causate dalla fusione o dall'interazione di due stelle, le stelle di grandi dimensioni subiscono quello che viene chiamato collasso del nucleo alla fine della loro vita. Questo si verifica quando viene perso l'equilibrio tra calore, pressione e la gravità.

Nei modelli sulle grandi stelle morenti, le supernove con collasso del nucleo si verificano per stelle sopra le 9-10 masse solari, fino a circa 40-50 masse solari. Al di sopra di quella massa, le stelle sono così massicce che probabilmente collassano direttamente in un buco nero, senza diventare una supernova. Stelle estremamente massicce, dell'ordine di 150 masse solari o più, potrebbero esplodere nelle ipotetiche ipernove

Il team ha esaminato le abbondanze elementali di una coppia di galassie in collisione denominate Arp 299, un sistema localizzato a circa 140 milioni di anni luce dalla Terra.
A causa della turbolenta situazione, la zona è un vivaio di supernove. Di conseguenza, le abbondanze elementali di Arp 299 dovrebbero dipendere in gran parte dagli elementi rilasciati nelle esplosioni stellari. Hanno misurato il rapporto di abbondanza di ferro rispetto all'ossigeno e il rapporto di neon e magnesio rispetto all'ossigeno, scoprendo che i rapporti Ne/O e Mg/O erano simili a quelli del Sole, mentre il rapporto Fe/O era molto più basso dei livelli solari. Il ferro viene lanciato nell'universo in modo più efficiente dalle grandi supernove.

Secondo gli scienziati, i rapporti osservati corrispondono con i modelli solo se le stelle al di sopra di circa 27 masse solari collassano in buchi neri. Tuttavia, ciò non dimostra in modo conclusivo che il limite di massa superiore per le supernove è più basso del previsto. È anche possibile che le supernova producano livelli più elevati di neon e magnesio rispetto a quanto previsto dai modelli. Ad ogni modo, è chiaro che abbiamo ancora molto da imparare sugli ultimi sussulti delle grandi stelle morenti.