Scritto: Mercoledì, 09 Ottobre 2013 06:18 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Le nuvole di Marte ricreate sulla Terra


A prima vista le nuvole di Marte potrebbero essere considerate simili a quelle terrestri: le immagini riprese dalle sonde e dai rover (OPPORTUNITY SOL 2847: UNO SGUARDO AL CIELO) al lavoro sul Pianeta Rosso raffigurano vaporosi ciuffi ad alta quota simili ai cirri.

Gli scienziati, conoscendo la composizione atmosferica di Marte, ipotizzano che queste nubi siano costituite per lo più da cristallo di ghiaccio d'acqua e di anidride carbonica ma senza poter condurre una ricerca sul posto, rimane abbastanza difficile ipotizzare a quali condizioni si possono formare.

Rate this item
(0 votes)

Marte

Credit: NASA

A prima vista le nuvole di Marte potrebbero essere considerate simili a quelle terrestri: le immagini riprese dalle sonde e dai rover (OPPORTUNITY SOL 2847: UNO SGUARDO AL CIELO) al lavoro sul Pianeta Rosso raffigurano vaporosi ciuffi ad alta quota simili ai cirri.

Gli scienziati, conoscendo la composizione atmosferica di Marte, ipotizzano che queste nubi siano costituite per lo più da cristallo di ghiaccio d'acqua e di anidride carbonica ma senza poter condurre una ricerca sul posto, rimane abbastanza difficile ipotizzare a quali condizioni si possono formare.

Così i ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) hanno ricreato le condizioni atmosferiche marziane in una camera alta tre piani di un laboratorio tedesco, regolando opportunamente temperatura ed umidità relativa, cercando di riprodurre le nuvole del Pianeta Rosso sulla Terra.

Il team è riuscito a ricreare le nuvole alle condizioni di temperatura più fredde, tipiche di Marte, scoprendo però che per il processo era necessaria molta più umidità relativa: la camera è stata regolata al 190 per cento, un valore di gran lunga superiore a quello necessario per simulare le nubi dellaTerra.

D'altra parte, un altro studio aveva portato Armin Kleinboehl del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, ad affermare:
"Pensiamo a Marte come un mondo freddo e secco con poca acqua ma vi è in realtà più vapore acqueo nell'atmosfera marziana che negli strati superiori dell'atmosfera terrestre".

Il team ha condotto la maggior parte degli esperimenti durante l'estate del 2012 a Karlsruhe, in Germania , presso l'Aerosol Interaction and Dynamics in the Atmosphere (AIDA), un ex reattore nucleare trasformato nella più grande camera a nebbia del mondo.

L'impianto era stato progettato in realtà per similare le condizioni ambientali della Terra ma Dan Cziczo, del MIT e autore dello studio, si è reso conto che con un po' di messa a punto si sarebbe potuto adattare anche a Marte.

Per fare questo, la squadra ha dovuto eliminare tutto l'ossigeno dalla camera e sostituirlo con azoto inerte o anidride carbonica, i componenti più comuni dell'atmosfera marziana.
Hanno quindi ricreato una tempesta di polvere immettendo particelle fini simili a quelle che caratterizzano l'atmosfera del Pianeta Rosso: intorno ad esse, il vapore acqueo riesce ad aderire.
Successivamente il team ha impostato la temperatura, partendo dalle più fredde a cui si formano le nuvole sulla Terra, -81 gradi Fahrenheit (ossia -62.8 gradi Celsius), scendendo progressivamente fino ai -120 gradi Fahrenheit (-84,5 gradi Celsius).

In una settimana sono stati in grado di creare 10 nuvole, ognuna delle quali ci ha impiegato circa 15 minuti per formarsi.

Nei sei mesi successivi sono stati analizzati i dati registrati: i ricercatori si sono resi conto che, man mano che si scendeva di temperatura e quindi ci si avvicinava alle condizioni atmosferiche marziane, erano richiesti livelli di umidità relativa sempre maggiori, affinché il vapore acqueo riuscisse a formare cristalli di ghiacci intorno ai granelli di polvere.

Cziczo sottolinea che è poco chiaro come mai questo accada su Marte e si ripromette quindi di proseguire gli esperimenti nel laboratorio tedesco il prossimo autunno.

La scoperta aiuterà senza dubbio a migliorare i modelli attuali per l'atmosfera marziana e a comprendere il "ciclo dell'acqua" sul Pianeta Rosso.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Journal of Geophysical Research: Planets.

Articolo originale: Making Martian Clouds On Earth: Clouds On Mars Form in Much More Humid Conditions Than Clouds On Earth

Read 2739 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 5 Aprile

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 6 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 6/4/20 - Sol 483] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS