Scritto: Giovedì, 03 Ottobre 2013 21:37 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Supervulcani esplosivi potrebbero aver sconvolto l'antico Pianeta Rosso


L'antica superficie di Marte potrebbe esser stata ripetutamente scossa da supervulcani giganti che avrebbero scatenato colossali ed esplosive eruzioni in grado di cambiare per sempre il volto del pianeta.

Esaminando un'antica zona di Marte, Arabia Terra, gli scienziati hanno scoperto quelli che potrebbero essere i resti di un supervulcano, ossia di un vulcano in grado di produrre fino a 1000 chilometri cubi di materiale durante la sua attività

Rate this item
(0 votes)

Marte Eden Patera topography

Credit: NASA/JPL/GSFC/Arizona State University

L'antica superficie di Marte potrebbe esser stata ripetutamente scossa da supervulcani giganti che avrebbero scatenato colossali ed esplosive eruzioni in grado di cambiare per sempre il volto del pianeta.

Esaminando un'antica zona di Marte, Arabia Terra, gli scienziati hanno scoperto quelli che potrebbero essere i resti di un supervulcano, ossia di un vulcano in grado di produrre fino a 1000 chilometri cubi di materiale durante la sua attività.

Oggetto dello studio è stato uno dei tanti crateri presenti nella regione, soprannominato Eden Patera, dalla forma irregolare ma con caratteristiche di supervulcano, una peculiarità geologica mai dimostrata finora sul Pianeta Rosso.

Gli autori, Joseph Michalski e Jacob Bleache, ricercatori presso il Natural History Museum di Londra, hanno documentato i loro risultati con un articolo in corso di pubblicazione sulla rivista Nature.

"Non conosciamo l'età esatta di questi supervulcani ma pensiamo che siano molto antichi. Riteniamo che risalgano al primo miliardo di anni di storia del pianeta", spiega Michalski.

Marte Eden Patera supervolcano 3d

 Credit: ESA/Mars Express/Freie Universitat Berlin

Il supervulcano potrebbe contribuire a spiegare un mistero della geologia marziana.
Gli scienziati già avevano ipotizzato che il materiale a grana fine depositato nella regione Arabia Terra provenisse da attività vulcanica, di cui però non era stata trovata alcuna evidenza.

Lo studio di Michalski suggerisce che, strati di materiale si sarebbero depositati dopo l'eruzione esplosiva di Eden Patera, che potrebbe aver eruttato almeno tre volte nella sua storia.

Tali condizioni si sarebbero ripetute altrove sul pianeta e più supervulcani potrebbero aver trasformato la superficie di Marte ed aver giocato un ruolo fondamentale per il clima e l'abitabilità passata.

Marte Oxus Patera supervolcano

Credit: NASA/JPL/MSSS/Google

Fino ad oggi i ricercatori stavano sostanzialmente cercando il vulcano sbagliato.
Osservando il Pianeta Rosso, infatti, hanno sempre trovato le evidenze dei più recenti vulcani a scudo, simili a quello delle Hawaii, chiedendosi dove fossero finiti vulcani più antichi.
In realtà distinguerli non poteva esser così semplice: i supervulcani infatti non creano grosse montagne e così sono rimasti nascosti, trasformati dal tempo, dagli agenti atmosferici e da impatti.

Michalski e il suo team ne hanno trovato i segni caratteristici, utilizzato i dati provenienti dagli strumenti di bordo della sonda Mars Global Surveyor (che ha terminato la missione nel 2006), dell'orbiter Mars Odyssey, del Mars Reconnaissance Orbiter ed altri.

Ma anche i due rover, Opportunity e Curiosity, al lavoro su Marte potrebbero rafforzare la testi: i supervulcani della zona equatoriale, infatti, sarebbero responsabili dei depositi di polvere che i rover hanno trovato rispettivamente in Meridiani Planum e nel cratere Gale.

In un nostro articolo di circa un anno fa, "MISSIONI SU MARTE: UN PO' DI STORIA, ALCUNE RIFLESSIONI", avevano avanzato qualche speculazione scrivendo:

E se, invece, a causa di un qualche importante evento geologico il metallo fuso del nucleo fosse stato espulso proprio da questi grandi vulcani? Allora le profonde bocche verso il centro del pianeta sarebbero le responsabili dell'attuale carenza di un campo magnetico marziano. Le berries ferrose che caratterizzano l'odierno paesaggio, la cui origine è ancora discussa, potrebbero essere proprio il risultato di tale evento catastrofico.
La nostra ipotesi è che parte del metallo liquido del nucleo sia stato espulso e si sia raffreddato precipitando e aggregandosi nell'acqua, all'epoca presente, originando le classiche sferule che ora vediamo disseminate sul suolo marziano e sedimentate in altre rocce di superficie.

Letto: 2520 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista