Scritto: Giovedì, 03 Ottobre 2013 05:56 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Dalla sonda della NASA MRO le prime immagini della cometa ISON vista da Marte


Come annunciato, la cometa C/2012 S1 ISON il 1 ottobre ha effettuato un flyby ravvicinato su Marte.

Il 29 settembre il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) è stato manovrato per puntare la sua fotocamera High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) verso la ISON.

Rate this item
(0 votes)

Comet ISON by HiRISE MRO 29 ottobre 2013

Credit: NASA/JPL/University of Arizona

Come annunciato, la cometa C/2012 S1 ISON il 1 ottobre ha effettuato un flyby ravvicinato a Marte.

Nonostante lo shutdown che in questi giorni ha interrotto gran parte delle attività del governo federale e bloccato la maggior parte dei canali informativi della NASA, compreso lo stesso web dell'Agenzia Spaziale Americana (in effetti fa anche un certo effetto digitare www.nasa.gov e trovare una schermata bianca!), tutte le sonde ed i rover al lavoro nel nostro Sistema Solare proseguono le loro attività.

NASA shutdown

Il 29 settembre il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) è stato manovrato per puntare la sua fotocamera High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) verso la cometa ISON, un'operazione non semplice per una sonda progettata per studiare la superficie di un pianeta.

HiRISE ha così notato una piccola macchia in corrispondenza della posizione di ISON, relativamente brillante, come una stella, ma in movimento rispetto alle stelle reali.

La chioma della cometa però appare abbastanza debole e sulla base dei dati preliminari, la ISON sembra essere meno attiva del previsto. Ma la situazione potrebbe cambiare radicalmente durante il suo percorso di avvicinamento al Sole e in prossimità del perielio il prossimo 28 novembre.
Queste informazioni forniranno senz'altro nuovi dati per stimare la sua evoluzione.

Le immagini in apertura hanno una risoluzione di 256 x 256 pixel, con una scala di 13,3 chilometri per pixel e mostrano la ISON da una distanza di 12.874.752 chilometri.

La fotocamera ad alta risoluzione della sonda MRO ha effettuato ulteriori osservazioni della cometa il giorno 1 e 2 ottobre ma le immagini ancora non sono disponibili.

Read 3232 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista