Scritto: Mercoledì, 02 Ottobre 2013 06:04 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Mappato il sistema nuvoloso del pianeta extrasolare Kepler-7b


Kepler-7b è un gigante gassono in orbita attorno alla stella Kepler-7, nella costellazione della Lira.
E' un pianeta molto luminoso, tanto che gli astronomi, nonostante la sua considerevole distanza (oltre 1000 anni luce dalla Terra), hanno potuto fruttare i dati dei telescopi spaziali della NASA, Spitzer e Keplero, per creare la prima mappa del sistema nuvolo di un pianeta extrasolare.

Rate this item
(0 votes)

Pianeta extrasolare Kleper-7b

Credit: NASA/JPL-Caltech/MIT

Kepler-7b è un gigante gassono in orbita attorno alla stella Kepler-7, nella costellazione della Lira.
E' un pianeta molto luminoso, tanto che gli astronomi, nonostante la sua considerevole distanza (oltre 1000 anni luce dalla Terra), hanno potuto fruttare i dati dei telescopi spaziali della NASA, Spitzer e Keplero, per creare la prima mappa del sistema nuvolo di un pianeta extrasolare.

Keplero ha scoperto oltre 150 pianeti extrasolari e Kepler-7b è stato uno dei primi.
Ora, il telescopio spaziale, che per 4 anni è stato un'inesauribile fonte di dati, ha iniziato a manifestare una serie di problemi ai giroscopi che, insieme ai razzi stabilizzatori, ne permettevano il puntamento di precisione. Così, per il momento, in attesa che venga trovata una soluzione tecnica sfruttando solo i due giroscopi funzionanti, Klepero ha interrotto la caccia ma la mole di informazioni registrate finora tiene impegnati ancora gli scienziati.

Precedenti studi con i dati del telescopio spaziale Spitzer avevano permesso di mappare la temperatura di pianeti extrasolari ma questa è la prima volta in cui è stato possibile tracciare i sistemi nuvolosi di un mondo alieno.

Un passo importante nello studio dei mondi oltre il nostro Sistema Solare: se siamo in grado di vedere le nuvole, allora possiamo cominciare a studiarne il clima.

Le condizioni meteo su Kepler-7b mostrano nubi alte ad occidente e cielo sereno ad est.

"Osservando questo pianeta con Spitzer e Keplero per più di tre anni, siamo stati in grado di produrre una mappa a risoluzione (molto) bassa di questo gigante gassoso", ha detto Brice-Olivier Demory del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge e autore del documento che verrà pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal Letters.
"Non ci si aspetterebbe di vedere oceani o continenti su questo tipo di mondo, ma abbiamo rilevato una chiara firma riflettente che abbiamo interpretato come nuvole".

Le osservazioni nella luce visibile del pianeta extrasolare Kepler-7b avevano mostrato uno spot luminoso nel suo emisfero occidentale.
Ma i primi dati da soli, però, non erano sufficienti a determinare se il fenomeno fosse collegato a nuvole o ad un'emissione di calore. Allora è entrato in gioco il telescopio spaziale Spitzer, che ha avuto un ruolo cruciale per rispondere a questa domanda.

La capacità dello Spitzer di lavorare in infrarosso, ha permesso di misurare la temperatura di Kepler-7b.
La stima è tra i 1.500 ei 1.800 gradi Fahrenheit (816 e 982 gradi Celsius), cioè il pianeta è relativamente fresco considerato che orbita entro sole 0.06 unità astronomiche (un'unità astronomica è la distanza  Terra-Sole) dalla sua stella e, secondo gli astronomi, è troppo freddo perché la luce osservata possa essere collegata al calore.

E quindi, ecco la sorpresa: l'effetto era dovuto alla luce della stella Kepler-7 che stava rimbalzando sulle cime nuvolose.

"A differenza di quelli terrestri, i modelli nuvolosi su questo pianeta non sembrano cambiare molto nel corso del tempo, ha un clima straordinariamente stabile", spiega Thomas Barclay, scienziato della missione Keplero presso Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California.

"Con Spitzer e Keplero insieme, abbiamo uno strumento multi-lunghezza d'onda per ottenere una buona vista di pianeti che sono a migliaia di miliardi di chilometri di distanza", ha detto Paul Hertz, direttore del NASA Astrophysics Division di Washington.

Al seguente link è disponibile un visualizzatore 3d aggiornato quotidianamente dei pianeti extrasolari: eyes.nasa.gov/exoplanets

Maggiori informazioni: www.mit.edu/~demory/preprints/kepler-7b_clouds.pdf

Read 2302 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 6/8/20). Le manovre della sonda ame...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 6 Agosto [updated on Aug,06].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 6/8/20 - Sol 601] - Meteo...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista