Scritto: Mercoledì, 25 Settembre 2013 05:32 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

I prossimi appuntamenti con la cometa ISON


Scoperta il 21 settembre 2012 da Artyom-Kislovodsk e Vitaly Nevsky, utilizzando l'International Scientific Optical Network di 40 centimetri, vicino a Kislovodsk, e catalogata come C/2012 S1 ISON, è la cometa che tanto sta facendo parlare di sé negli ultimi mesi, diventando forse la più famosa e discussa dopo Hale-Bopp che transitò al perielio nel 1997.

Fin da subito è stata battezzata "la cometa del secolo", così fino ad oggi si sta portando dietro il peso di questo titolo ma nessuno è in grado di dire se ne sarà veramente all'altezza.

Rate this item
(0 votes)

Cometa ISON by Hubble

Credit: NASA/Hubble

Scoperta il 21 settembre 2012 da Artyom-Kislovodsk e Vitaly Nevsky, utilizzando l'International Scientific Optical Network di 40 centimetri, vicino a Kislovodsk, e catalogata come C/2012 S1 ISON, è la cometa che tanto sta facendo parlare di sé negli ultimi mesi, diventando forse la più famosa e discussa dopo Hale-Bopp che transitò al perielio nel 1997.

Fin da subito è stata battezzata "la cometa del secolo", così fino ad oggi si sta portando dietro il peso di questo titolo ma nessuno è in grado di dire se ne sarà veramente all'altezza.

Abbiamo descritto il suo insidioso viaggio e le prime osservazioni ma ora che si sta avvicinando è ora di fare il punto della situazione.

Cometa ISOn mappa 23 settembre 2013

Credit: flickr.com/photos/cometison

Da Terra sono già possibili alcune osservazioni e la ISON sta brillando con magnitudine +12 nella costellazione del Cancro (procedendo in direzione della costellazione del Leone).
L'immagine che segue si aggiunge al ricco catalogo.
E' stata ottenuta da uno stack di 10 foto per 60 secondi di esposizione e riprende la cometa ISON in compagnia dell'asteroide EROS, ripresa dall'iTelescope T4 nel New Mexico, USA.

Cometa ISON e asteroide EROS

Source: astroblogger.blogspot.com.au

Ma nei prossimi giorni, tutta l'attenzione sarà concentrata su Marte, quando il 1 ottobre la cometa passerà a 0.0724 UA dal pianeta (10,83 milioni di chilometri).

Se le sonde e i rover, in particolare le maggiori aspettative sono rivolte al Mars Reconnaissance Orbiter e a Curiosity, dovessero riuscire nell'impresa, sarà la prima cometa ad essere osservata dalla superficie di un altro mondo.

Anche la sonda Mars express dell'Agenzia Spaziale Europea dovrebbe avere una buona vista del flyby.
L'orbiter ha iniziato la sua campagna di osservazione sul 21 settembre scorso.

Nel corso delle prossime due settimane, Mars Express scatterà foto ed analizzerà la composizione dell'atmosfera che circonda la ISON.

Per predire però cosa accadrà quando la cometa raggiungerà il perielio, aggiornato al 28 novembre 2013 alle 18:47:08 UTC, è ancora presto: così sia parlare in termini positivistici, sia definirla un vero disastro, è decisamente prematuro.

Anche l'osservazione ad occhio nudo, sarà da valutare: a differenza delle stelle, infatti, che possono essere paragonate ad una sorgente luminosa puntiforme, le comete sono caratterizzate da una magnitudine diffusa quindi, più difficile da percepire se siamo prossimi a +6, ossia al limite di visibilità dell'occhio umano.

Cometa ISON curva di visibilità 20 settembre 2013

Credit: isoncampaign.org 

Il team CIOC (NASA Comet ISON Observing Campaign) stima che la ISON al perielio potrebbe raggiungere una magnitudine tra i -7 e i +5 o più, ma presumibilmente si aggirerà tra i -3 e i -5.

Ecco passo per passo le prossime tappe del suo viaggio:

  • 25 settembre
    ISON passa dalla costellazione del Cancro nel Leone
  • 27 settembre
    ISON passa a 2 gradi a nord del pianeta Marte
  • Primi di ottobre
    ISON potrebbe arrivare a magnitudine +10 e diventare visibile con un binocolo o un piccolo telescopio
  • 10 ottobre
    ISON entra nel campo visivo della sonda NASA STEREO / SECCHI HI-2A CAMERA
  • 16 ottobre
    ISON passa 2 gradi a nord-nordest di Regulus

  • 26 ottobre
    ISON affinca il trio di galassie M95, M96 e M105
  • Primi di novembre
    ISON potrebbe fare il suo debutto ed essere visibile ad occhio nudo
  • 3 novembre
    Un eclissi anulare di Sole, potrebbe facilitare l'osservazione dall'Atlantico e dall'Africa Centrale
  • 5 novembre
    ISON passa dalla costellazione del Leone alla Vergine
  • 7 novembre
    ISON passa meno di un grado dalla stella Zavijava (Beta Virginis)
  • 14 novembre
    ISON passa meno di un grado dalla galassia NGC 4697
  • 18 novembre
    ISON passa a soli 0,38 gradi a nord della brillante stella Spica
  • 22 novembre
    ISON entra nella costellazione della Bilancia
  • 23 novembre
    ISON si trova a 4,7 gradi sud-sudovest del pianeta Mercurio e a 4.9 sud-sudovest di Saturno
  • 25 novembre
    ISON fa visita ad un'altra famosa cometa, passando a soli 1,2 gradi a sud della cometa periodica 2P/Encke che può brillare fino a magnitudine +8
  • 27 novembre
    ISON entra nel campo di vista di LASCO C3 della sonda della NASA SOHO
  • 28 novembre
    Perielio

E qui ci fermiamo: sopravviverà la ISON al suo primo passaggio ravvicinato al Sole?
Ovviamente, ci auguriamo di si e speriamo di poterla osservare nel mese di dicembre quando raggiungerà la distanza minima dalla Terra proprio sotto Natale, il 26 dicembre.

Fonti:
http://www.isoncampaign.org/Present
http://www.cometisonnews.com/
http://www.universetoday.com/104818/comet-ison-a-viewing-guide-from-now-to-perihelion/
http://www.space.com/22924-comet-ison-mars-flyby-spacecraft-ready.html
http://www.esa.int/Our_Activities/Space_Science/Preparing_for_Comet_ISON

Letto: 3766 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista