Scritto: Venerdì, 16 Luglio 2021 05:44 Ultima modifica: Venerdì, 16 Luglio 2021 06:30

I pianeti adolescenti di TESS


Grazie ai dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA, una collaborazione internazionale di astronomi ha identificato quattro esopianeti in orbita attorno a una coppia di giovani stelle correlate chiamate TOI 2076 e TOI 1807.

Rate this item
(1 Vote)
I pianeti adolescenti di TESS Crediti: NASA

Questi mondi possono fornire agli scienziati un assaggio delle fasi dell'evoluzione planetaria.

"I pianeti in entrambi i sistemi sono in una fase di transizione, o adolescenziale, del loro ciclo di vita", ha affermato Christina Hedges, astronoma del Bay Area Environmental Research Institute di Moffett Field e dell'Ames Research Center della NASA. “Non sono neonati ma non sono nemmeno stabili. Imparare di più sui pianeti nella fase adolescenziale alla fine ci aiuterà a capire i pianeti più vecchi in altri sistemi”.

La ricerca è stata pubblicata su The Astronomical Journal.

 

Compagne di viaggio

TOI 2076 e TOI 1807 si trovano ad oltre 130 anni luce di distanza dalla Terra, rispettivamente nelle costellazioni settentrionali di Boote e Cani da Caccia, e tra loro sono distanti circa 30 anni luce.
Entrambe sono giovani stelle di tipo K, stelle nane più arancioni del nostro Sole, di circa 200 milioni di anni (meno del 5% dell'età del Sole).

Nel 2017, utilizzando i dati del satellite dell'ESA Gaia, gli scienziati hanno dimostrato che le stelle viaggiano nello spazio nella stessa direzione.
Gli astronomi pensano che siano troppo distanti per orbitare l'una intorno all'altra ma il loro movimento condiviso suggerisce che siano correlate, cioè nate dalla stessa nube di gas.

Sia TOI 2076 che TOI 1807 sperimentano brillamenti stellari molto energetici e molto frequenti, un classico comportamento da giovane stella.
"Le stelle producono forse 10 volte più luce UV di quella che emetteranno quando raggiungeranno l'età del Sole", ha detto il co-autore George Zhou, un astrofisico dell'University of Southern Queensland, in Australia. “Dal momento che il Sole potrebbe essere stato altrettanto attivo, questi due sistemi potrebbero fornirci una finestra sulle prime condizioni del Sistema Solare”.

 

La scoperta

TESS monitora ampie aree del cielo per quasi un mese alla volta. Queste lunghe osservazioni permettono al satellite di trovare esopianeti misurando piccoli cali di luminosità stellari causati quando un pianeta attraversa o transita davanti alla sua stella.

Inizialmente, Alex Hughes ha portato TOI 2076 all'attenzione degli astronomi dopo aver individuato un transito nei dati TESS mentre lavorava a un progetto presso l'Università di Loughborough in Inghilterra. Il suo team, alla fine, ha scoperto tre mini-Nettuno in orbita attorno alla stella. Il pianeta più interno TOI 2076 b è circa tre volte più grande della Terra e compie un'orbita ogni 10 giorni. I mondi esterni TOI 2076 c e d sono entrambe circa quattro volte più grandi della Terra, con orbite che superano i 17 giorni.

TOI 1807, invece, ospita un solo pianeta conosciuto, TOI 1807 b, che è circa il doppio delle dimensioni della Terra e orbita intorno alla stella in sole 13 ore. Gli esopianeti con orbite così strette sono rari. TOI 1807 b è l'esempio più giovane mai scoperto di pianeti con periodo ultracorto.

TOI 2076 b riceve 400 volte più luce UV dalla sua stella rispetto alla Terra dal Sole, e TOI 1807 b ne riceve circa 22.000 volte di più.

Ora, gli scienziati stanno lavorando per misurare le masse dei pianeti, ma l'interferenza delle giovani stelle iperattive rende il lavoro impegnativo.

 

Osservando si impara

Secondo i modelli, i pianeti nascono con atmosfere spesse e dense derivate dalla loro formazione in dischi di gas e polvere attorno a stelle nascenti. In alcuni casi, perdono le loro atmosfere iniziali a causa della radiazione stellare, lasciandosi dietro nuclei rocciosi. Mentre alcuni di questi continuano a sviluppare atmosfere secondarie attraverso processi planetari come l'attività vulcanica.

Le età dei sistemi TOI 2076 e TOI 1807 suggerisce che i loro pianeti potrebbero trovarsi da qualche parte nel mezzo di questa evoluzione atmosferica.

Il team è particolarmente interessato a TOI 1807 b perché è un pianeta di brevissimo periodo. La teoria suggerisce che dovrebbe essere difficile per i mondi formarsi così vicino alle loro stelle, ma possono formarsi più lontano e poi migrare verso l'interno. Se così fosse, TOI 1807 b avrebbe dovuto formarsi e migrare in soli 200 milioni di anni, un passaggio fondamentale per comprendere i cicli di vita planetaria. Se non ha un'atmosfera molto densa e la sua massa è prevalentemente rocciosa, la vicinanza del pianeta alla sua stella potrebbe potenzialmente significare che la sua superficie è ricoperta da oceani o laghi di lava fusa.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 105 volta/e Ultima modifica Venerdì, 16 Luglio 2021 06:30

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista