Scritto: Venerdì, 20 Settembre 2013 06:09 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

L'intricata superficie di Europa


Analizzando le crepe che disegnano la superficie della luna gioviana Europa gli scienziati hanno ipotizzato che il satellite ruoti attorno ad un asse leggermente inclinato.

Tale caratteristica potrebbe essere fondamentale per conoscerne meglio la storia, per capire quanto calore viene generato dalle maree e da quanto tempo il suo oceano è allo stato liquido.

Rate this item
(0 votes)

Europa (Giove) - fessure

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona/Goddard

Analizzando le crepe che disegnano la superficie della luna gioviana Europa gli scienziati hanno ipotizzato che il satellite ruoti attorno ad un asse leggermente inclinato.

Tale caratteristica potrebbe essere fondamentale per conoscerne meglio la storia, per capire quanto calore viene generato dalle maree e da quanto tempo il suo oceano è allo stato liquido.

"Uno dei misteri di Europa è come mai gli orientamenti delle sue lunghe fessure dritte è cambiato nel tempo. Risulta che, una piccola inclinazione, o obliquità, dell'asse di rotazione, nel passato, potrebbe spiegare molte delle cose che vediamo oggi", spiega Alyssa Rhoden, post-dottorato della Oak Ridge Associated Universities, che sta lavorando alla NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland, autrice di un articolo pubblicato sul numero di settembre-ottobre della rivista Icaro.

Europa è ricoperta da una rete di fessure incrociate, provocate dalle maree a loro volta generate dall'orbita leggermente ovale della luna intorno a Giove.
Quando Europa si avvicina al pianeta, la luna viene allungata come un elastico, con l'oceano alle estremità che aumenta di quasi 30 metri (approssimativamente tanto quanto lo tsunami del 2004 nell'Oceano Indiano); quando Europa si allontana da Giove, la luna si rilassa e torna ad esse di forma sferica.

La sua superficie ghiacciata viene sollecitata per accogliere i cambiamenti ma quando lo stress diventa troppo grande, allora si fessura.
Dato che il moto della luna nei confronti di Giove si ripete con le stesse caratteristiche, ci si aspetterebbe crepe sempre nella stessa direzione. Ma non è così e la rete di fessurazioni è molto intrigata.

Una spiegazione potrebbe essere che il guscio ghiacciato della luna ruoti un po' più velocemente della luna stessa nei confronti di Giove: se così fosse, nel corso del tempo, parti diverse della superficie si troverebbero a dover affrontare la forza gravitazionale del gigante gassoso.

Rhoden e il co-autore dello studio Terry Hurford del Goddard hanno voluto verificare questa teoria sfruttando le immagini scattate da sonda Galileo della NASA durante i suoi quasi otto anni di missione, iniziata nel 1995.

I due ricercatori hanno confrontato il modello di crepe di un settore chiave vicino all'equatore, con tre previsioni basate su altrettante ipotesi.
La prima teorizza la rotazione del guscio ghiacciato; la seconda prevede un asse inclinato di rotazione il quale, a sua volta, provoca un cambiamento dell'orientamento dei poli (fenomeno noto come precessione); la terza suppone che le crepe si siano disposte secondo direzioni casuali.

La seconda ipotesi è risultata vincente: un'inclinazione dell'asse di rotazione di circa un grado, combinata con alcune crepe casuali, può generare una superficie come quella che vediamo oggi.

L'effetto della precessione assomiglia molto a quello che succede ad una trottola giocattolo quando comincia a rallentare e a traballare.
La direzione di rotazione del polo può variare di ben un paio di gradi al giorno, completando un periodo di precessione in diversi mesi e questo potrebbe significare che le fessure attuali sono molto più recenti di quanto ipotizzato finora. Diversamente, con la prima teoria, la rotazione dello strato ghiacciato impiegherebbe ben 250.000 anni.

Un inclinazione dell'asse di rotazione potrebbe influenzare anche le stime sull'età dell'oceano di Europa.
Dato che le forze di marea sono ritenute responsabili di mantiene liquido l'oceano sotto la superficie, un'inclinazione dell'asse di rotazione potrebbe causare più calore e quindi potrebbe mantenere l'acqua allo stato liquido più a lungo.

Gli scienziati in realtà non sanno da quanto tempo l'asse di rotazione potrebbe essere inclinato e né sanno se lo è ancora oggi: finora, infatti, nessuna misurazione è mai stata effettuata in tal senso ma questo sarà l'obiettivo delle prossime missioni.

Fonte: www.nasa.gov/content/goddard/long-stressed-europa-likely-off-kilter-at-one-time/index.html#.UjvEW9K-2So
Traduzione ed adattamento a cura di Elisabetta Bonora

Letto: 2219 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update:&nbs...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 15 Aprile [updated on 04/1...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 Aprile [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista