Scritto: Martedì, 29 Giugno 2021 05:05 Ultima modifica: Martedì, 29 Giugno 2021 07:44

Troppo poca acqua nell'atmosfera di Venere per sostenere la vita


Un nuovo studio ha misurato le concentrazioni di acqua nell'atmosfera di Venere, concludendo che la vita è impossibile tra le goccioline di acido solforico.

Rate this item
(1 Vote)
Troppo poca acqua nell'atmosfera di Venere per sostenere la vita Crediti: NASA / JPL

Dopo che un team dell'Università di Cardiff aveva annunciato di aver rilevato fosfina nell'atmosfera del pianeta circa un anno fa, la scoperta è stata ridimensionata diverse volte e poi smentita da vari gruppi indipendenti. Questo gas è considerato una possibile biofirma perché, sulla Terra, viene prodotto principalmente dall'attività microbica e antropica. Ora, i ricercatori della Queen's University di Belfast si sono concentrati sul problema da una prospettiva diversa: hanno stimato se l'acqua presente nell'atmosfera di Venere è sufficiente per sostenere la vita come la conosciamo.

Nel 2017, il microbiologo John Hallsworth ha scoperto un fungo terrestre che può sopravvivere al 58,5% di umidità relativa, le condizioni più secche in cui sia mai stata rilevata attività biologica.
"Ci siamo fatti in quattro per sostenere che i microbi più estremi e tolleranti sulla Terra potessero potenzialmente avere attività su Venere", ha detto Hallsworth in una conferenza stampa. Ma nulla potrebbe resistere (ed esistere) con la minuscola quantità di acqua nell'atmosfera del pianeta, che equivale a un'umidità relativa dello 0,4 percento.

 

I risultati

Per calcolare la concentrazione di acqua, gli scienziati hanno utilizzato i dati delle missioni storiche statunitensi e sovietiche inviate su Venere.
Il team ha anche analizzato le misurazioni prese dalle sonde che hanno visitato altri pianeti del Sistema Solare e ha scoperto che Giove, ad esempio, ha potenzialmente la giusta quantità di acqua per supportare la vita tra i suoi strati nuvolosi.
Chris McKay, planetologo della NASA e coautore della ricerca pubblicata su Nature Astronomy, ha detto: "C'è almeno uno strato nelle nuvole di Giove in cui vengono soddisfatte le esigenze idriche". Tuttavia, ha sottolineato, "è molto più facile escludere la vita nell'atmosfera di Venere che dimostrare che la vita è possibile nelle nuvole di Giove".

"Qui calcoliamo l'attività dell'acqua all'interno delle nuvole di Venere e di altri pianeti del Sistema Solare dalle osservazioni della temperatura e dell'abbondanza di vapore acqueo. Troviamo valori di attività dell'acqua tra le  goccioline di acido solforico, che costituiscono la maggior parte delle nuvole di Venere, di 0,004, due ordini di grandezza al di sotto del limite di 0,585 per gli estremofili noti", scrivono gli autori. "Considerando altri pianeti, la formazione di ghiaccio su Marte impone un'attività dell'acqua di ≤0,537, leggermente al di sotto della gamma abitabile, mentre le condizioni sono biologicamente permissive (>0,585) tra le nubi di Giove (sebbene altri fattori come la loro composizione possano avere un ruolo nel limitare la loro abitabilità)".

 

In attesa di conferme

Ad ogni modo, questa storia sarà presto confermata o smentita. La NASA e l'ESA stanno organizzando nuove missioni per il prossimo decennio: la prima ha selezionato DAVINCI+ e VERITAS, la seconda EnVision.
Secondo Chris McKay la prossima esplorazione potrebbe rispondere anche ad un'altra domanda fondamentale: la vita è esistita sul pianeta miliardi di anni fa?
"Potrebbe esserci stato un tempo in cui Venere era simile alla Terra", ha detto McKay. "Una delle missioni volerà attraverso l'atmosfera e misurerà le tracce dei gas... il che ci dirà molto sulla storia evolutiva di Venere e inizierà a rispondere a domande come quanta atmosfera aveva Venere, dove è andata, cosa è successo?"

E gli autori dello studio sperano che il loro metodo per determinare l'attività dell'acqua venga applicato ai pianeti oltre il nostro Sistema Solare, specialmente con il prossimo lancio del James Webb Space Telescope (JWST) entro la fine dell'anno. "Il JWST sarà in grado di determinare i profili atmosferici di temperatura, pressione e abbondanza di acqua nelle atmosfere degli esopianeti", conclude lo studio. "Questi consentiranno valutazioni dell'attività dell'acqua nelle loro atmosfere utilizzando il nostro approccio".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 116 volta/e Ultima modifica Martedì, 29 Giugno 2021 07:44

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista