Scritto: Giovedì, 24 Giugno 2021 05:35 Ultima modifica: Giovedì, 24 Giugno 2021 06:33

Da quali sistemi stellari vicini gli alieni potrebbero vedere la Terra?


Gli scienziati della Cornell University e dell'American Museum of Natural History hanno identificato 2.034 sistemi stellari vicini, entro la piccola distanza cosmica di 326 anni luce, dai quali la Terra potrebbe essere vista guardando semplicemente il nostro pallido punto blu passare davanti al Sole.

Rate this item
(1 Vote)
Una vista artistica della Terra e del Sole da migliaia di chilometri di distanza. Una vista artistica della Terra e del Sole da migliaia di chilometri di distanza. Crediti: OpenSpace/American Museum of Natural History

Se da quelle parti ci fossero civiltà extraterrestri che osservano il cielo come facciamo noi, da 1.715 sistemi stellari avrebbero un posto in prima fila per osservare il nostro pianeta e avrebbero potuto individuare la Terra da quando la civiltà umana è sbocciata circa 5.000 anni fa. La ricerca è stata pubblicata su Nature.

"Dal punto di vista degli esopianeti, noi siamo gli alieni", ha detto Lisa Kaltenegger, professoressa di astronomia e direttrice del Carl Sagan Institute di Cornell, al College of Arts and Sciences. "Volevamo sapere quali stelle hanno il punto di osservazione giusto per vedere la Terra quando blocca la luce del Sole", ha detto. "E poiché le stelle si muovono nel cosmo, questo punto di osservazione viene guadagnato e perso [nel corso del tempo]".
Altri 319 sistemi stellari si aggiungeranno nei prossimi 5.000 anni.

Kaltenegger e l'astrofisico Jackie Faherty, uno scienziato senior presso l'American Museum of Natural History, hanno utilizzato posizioni e movimenti dal catalogo Gaia eDR3 dell'Agenzia Spaziale Europea ESA per determinare quali stelle entrano ed escono dalla zona di transito terrestre e per quanto tempo.
"Gaia ci ha fornito una mappa precisa della Via Lattea", ha detto Faherty, "che ci ha permesso di guardare avanti e indietro nel tempo e di vedere dove erano localizzate le stelle e dove stanno andando".

 

Un questione di numeri

Dei 2.034 sistemi stellari che passano attraverso la zona di transito terrestre nel periodo esaminato di 10.000 anni, 117 si trovano entro circa 100 anni luce dal Sole e 75 di essi si trovano nella zona di transito terrestre da quando le stazioni radio commerciali sulla Terra hanno iniziato a trasmettere nello spazio circa un secolo fa. Solo 7 tra i 2.034 sistemi stellari sono noti per ospitare esopianeti che hanno avuto o avranno l'opportunità di rilevare la Terra, proprio come i nostri scienziati hanno trovato migliaia di mondi in orbita attorno ad altre stelle attraverso il metodo del transito.

"Il nostro quartiere solare è un luogo dinamico in cui le stelle entrano ed escono da quel punto di osservazione perfetto per vedere la Terra transitare verso il Sole a un ritmo rapido", ha detto Faherty.

Osservando altri pianeti transitare davanti alla loro stella madre, gli astronomi della Terra possono studiare la composizione delle atmosfere. Se questi esopianeti ospitano vita intelligente, potranno osservare la Terra retroilluminata dal Sole e vedere le firme chimiche della vita della nostra atmosfera.

Ad esempio, il sistema Ross 128, con una nana rossa situata nella costellazione della Vergine, dista circa 11 anni luce ed è il secondo sistema più vicino a noi con un esopianeta di dimensioni quasi terrestri. Qualsiasi abitante di questo esomondo potrebbe aver visto la Terra transitare contro il Sole per 2.158 anni a partire da circa 3.057 anni fa, perdendo il punto di osservazione circa 900 anni fa. Il sistema Trappist-1, a 45 anni luce dalla Terra, ospita sette pianeti delle dimensioni della Terra, quattro dei quali risiedono nella zona temperata e abitabile della stella. Mentre noi lo abbiamo già osservato, da Trappist-1 non saranno in grado di individuarci fino a quando il loro movimento non porterà la Terra nella loro zona di transito, tra 1.642 anni. Di contro, noi potremmo continuare ad osservarli per altri 2.371 anni.

 

Uno sguardo al prossimo futuro

"La nostra analisi mostra che anche le stelle più vicine generalmente trascorrono più di 1.000 anni in un punto di osservazione da cui possono vedere il transito terrestre", ha detto Kaltenegger. "Se assumiamo che sia vero il contrario, ciò i fornisce la linea temporale in cui civiltà nominali aliene potrebbero identificare la Terra come un pianeta interessante".

Il telescopio spaziale James Webb, che dovrebbe essere lanciato entro la fine dell'anno, è impostato per dare uno sguardo dettagliato a diversi mondi in transito per caratterizzare le loro atmosfere e, infine, cercare segni di vita.
L'iniziativa Breakthrough Starshot è un ambizioso progetto in corso che sta cercando di lanciare piccole sonde verso il sistema Alpha Centauri e l'esopianeta potenzialmente abitabile Proxima b.

"Si potrebbe immaginare che i mondi oltre la Terra che ci hanno già rilevato, stiano facendo gli stessi piani per il nostro pianeta e il Sistema Solare", ha detto Faherty. "Questo catalogo è un intrigante esperimento mentale".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 94 volta/e Ultima modifica Giovedì, 24 Giugno 2021 06:33

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista