Scritto: Sabato, 05 Giugno 2021 06:02 Ultima modifica: Sabato, 05 Giugno 2021 08:00

Tardigradi: duri a morire (anche nello spazio)


Questo microscopico animaletto paffuto è il supereroe degli ambienti estremi. Studiarlo in condizioni di microgravità ed esposto agli elevati livelli di radiazioni dello spazio, potrà aiutare la ricerca sulla protezione degli esseri umani dallo stress dei viaggi spaziali di lunga durata.

Rate this item
(2 votes)
Tardigradi: duri a morire (anche nello spazio) Crediti: NASA

La NASA ha avviato un esperimento a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), chiamato Cell Science-04, per vedere come fanno i tardigradi a tollerare condizioni totalmente inospitali.
"Vogliamo vedere quali trucchi usano per sopravvivere quando arrivano nello spazio e, nel tempo, quali trucchi useranno i loro figli", ha detto Thomas Boothby, assistente professore all'Università del Wyoming a Laramie, ricercatore principale del progetto. “Sono uguali o cambiano di generazione in generazione? Semplicemente non sappiamo cosa aspettarci".

Noti anche come “orsi d’acqua”, i tardigradi sono piccole creature che vivono in acqua famose per la loro resistenza. Sono invertebrati a 8 zampe in grado di sopravvivere negli ambienti più caldi e freddi della Terra, fino a 30 anni senza cibo o acqua e sotto i raggi UV più nocivi.

 

Carte da giocare

Un asso nella manica potrebbe essere produrre tonnellate di antiossidanti in più per combattere i cambiamenti dannosi nel corpo causati dall'aumento dell'esposizione alle radiazioni nello spazio.
"Li abbiamo visti fare questo in risposta alle radiazioni sulla Terra", ha detto Boothby, "e pensiamo che i modi in cui i tardigradi si sono evoluti per resistere agli ambienti estremi su questo pianeta potrebbero anche essere ciò che li protegge dagli stress del volo spaziale".

Il team esaminerà i loro geni nello spazio, per scoprire quali vengono attivati ​​o disattivati ​​in risposta al volo spaziale a breve e lungo termine.
Inoltre, i dati ricavati dall'esperimento Cell Science-04 offriranno anche un confronto con quelli ricavati sulla Terra dove, per studiare gli animaletti, vengono utilizzate condizioni di volo spaziale simulate nei laboratori.

I piccoli eroi di questo esperimento non saranno i primi tardigradi spaziali a unirsi a un equipaggio di astronauti. Gruppi precedenti hanno dimostrato che i tardigradi sono in grado di resistere al vuoto dello spazio quando vengono esposti all'esterno della ISS.

A lungo termine, comprendere cosa rende i tardigradi così tolleranti potrebbe contribuire a sviluppare tecniche per proteggere il materiale biologico, come cibo e medicine da temperature estreme, secchezza ed esposizione alle radiazioni. Tutto ciò sarà prezioso per le missioni di esplorazione di lunga durata nello spazio profondo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 66 volta/e Ultima modifica Sabato, 05 Giugno 2021 08:00

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Giugno [updated on 06/1...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 15 Giugno [Last update:&nbs...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/6 - Sol 905] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 giugno [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista