Scritto: Martedì, 03 Settembre 2013 06:01 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Alla ricerca della cometa ISON tra le prime luci dell'alba


Svegliarsi presto la mattina potrebbe offrire un bel premio in cambio di qualche ora di sonno: la cometa ISON inizia ad essere visibile con telescopi amatoriali prima dell'alba.

Le ultime stime riportano magnitudine 13, abbastanza brillante per poter essere osservata con telescopi da 25 centimetri o più grandi.

Rate this item
(0 votes)

Cometa ISON mappa

Credits: solarsystemscope.com

Svegliarsi presto la mattina potrebbe offrire un bel premio in cambio di qualche ora di sonno: la cometa ISON inizia ad essere visibile con telescopi amatoriali prima dell'alba.

Le ultime stime riportano magnitudine 13, abbastanza brillante per poter essere osservata con telescopi da 25 centimetri o più grandi.

Il 1 settembre, Alan Hale, che aveva contribuito alla scoperta della cometa Hale-Bopp, è stato il primo fortunato dall'Arizona, con il suo telescopio riflettore di 41 centimetri e, a seguire altre riprese sono giunte da altre parti del mondo.

Comet ISON - Sarneczky 31 Agosto

Credit: K. Sárneczky / Konkoly Observatory

Le osservazioni non sono ancora alla portata di tutti: bisogna disporre di un telescopio di almeno 25/30 centimetri ed avere condizioni ottimali di osservazione, preferibilmente in assenza di Luna.

Il momento migliore per osservarla è circa 2 ore prima dell'alba.
E' facile da localizzare: pochi gradi ad est di Marte e poco più a nord del cluster M44; viaggerà verso est nel mese di settembre.

Cometa ISON 3 settembre

Credit: universetoday.com / Stellarium

Cometa ISON - settembre

 Credit: http://www.astronomy.com/~/link.aspx?_id=b446faf9-163a-4e1c-ba64-94e1d432e284

Già a fine mese le osservazioni dovrebbero diventare un po' più semplici anche se ancora gli astronomi non si sbilanciano sul destino della ISON, che potrebbe diventare la "Cometa del Secolo" o scoppiare in mille pezzi al culmine del suo primo insidioso viaggio verso il Sole.

Alcune stime sulla sua luminosità e sopravvivenza non danno molte speranze: la ISON potrebbe avere un nucleo più piccolo e meno attivo del previsto che non promette nulla di eccezionale neppure al perielio.

Cometa ISON curveoflight

Fonte: skyandtelescope.com

In accordo con i dati riportati sul sito cometisonnews.com, il 30 agosto, a meno di 90 giorni dal perielio, la cometa ISON si trovava a 2,21 AU dal Sole (poco più di 330 milioni di chilometri).
In 10 giorni, tra il 20 agosto e il 30 agosto la cometa ha percorso una distanza di 0,161 AU e, in base ai calcoli aggiornati NASA, il perielio è previsto per il 28 novembre 2013 alle 18:47:08 UTC.

Nel frattempo, continuano le grandi osservazioni da parte delle sonde e dei telescopi spaziali.
Tra le recenti immagini rilasciate, prima di augurare "buona caccia" a tutti, mi vorrei soffermare su una recente ripresa del telescopio spaziale Hubble che ha suscitato un po' di scalpore in rete: la cometa ISON sembra divisa in tre parti!

telescopio spaziale Hubble: Comet ISON

In genere, Hubble ci ha abituati a foto mozzafiato, basta ricordare le recenti immagini rilasciate e il video timelapse della ISON, ma gli scatti raw, ossia gli scatti "grezzi", non sono così belli: non hanno colori perché ripresi con un solo filtro; presentano disturbi di raggi cosmici e rumore "di fondo". Niente a che vedere con l'immagine finale, sfrutto di una laboriosa elaborazione.

Le immagine finali di Hubble sono il risultato di scatti con esposizioni diverse.
Hubble è in orbita intorno alla Terra, così in realtà si muove nello spazio ad una velocità molto elevata.

Nella elaborazione di questa immagine, il team di Hubble ha allineato tutte le esposizioni in modo tale che le stelle appaiano fisse nello spazio. Questo, ne migliora notevolmente il dettaglio ma purtroppo, la cometa ISON (che è molto più vicino a Hubble di quanto non lo siano le stelle) appare in posizioni diverse per ciascuno scatto.

Le esposizioni sono almeno di 490 secondi, cioè abbastanza perché una luce in movimento crei una linea bianca e le strisce luminose sono orientate in direzioni diverse a causa dell'orbita ellittica di Hubble attorno alla Terra: a seconda di dove il telescopio si trova, in un dato momento, sull'ellisse, si crea una "striscia" in direzione diversa.

E quindi, ecco il risultato finale: nessuno scatto misterioso ma un'altra bellissima foto!

telescopio spaziale Hubble - cometa ISON

Credit: Credit: NASA, ESA, J.-Y. Li (Planetary Science Institute), and the Hubble Comet ISON Imaging Science Team / isoncampaign.org

Letto: 4465 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista