Scritto: Mercoledì, 19 Maggio 2021 09:35 Ultima modifica: Mercoledì, 19 Maggio 2021 09:49

Il Solar Orbiter riprende la sua prima eruzione solare


La sonda solare europea ha ripreso il primo getto di massa coronarica dal Sole, una CME, mentre non ha ancora iniziata la fase scientifica della missione, prevista per novembre di quest'anno.

Rate this item
(1 Vote)
Nel fotogramma, tratto dal video, la CME ripresa dalla sonda Solar Orbiter lo scorso 12 febbraio.
Nel fotogramma, tratto dal video, la CME ripresa dalla sonda Solar Orbiter lo scorso 12 febbraio.
Credit: Solar Orbiter/EUI Team/Metis Team/SoloHI team/ESA & NASA

 Il Solar Orbiter è stato lanciato il 10 febbraio 2020 ed è attualmente in fase di crociera in vista della principale missione scientifica, che inizierà a novembre di quest'anno. Mentre i quattro strumenti in situ sono stati attivi per la maggior parte del tempo fin dal lancio, raccogliendo dati scientifici sull'ambiente spaziale in prossimità del veicolo spaziale, il funzionamento dei sei strumenti di telerilevamento, durante la fase di crociera, si concentra principalmente sulla calibrazione dello strumento e sono attivi solo durante finestre di controllo dedicate e campagne specifiche. Un passaggio ravvicinato del perielio del Sole il 10 febbraio 2021, che ha portato il veicolo spaziale a meno della metà della distanza tra la Terra e il Sole, è stata una di queste opportunità per le squadre di effettuare osservazioni dedicate, controllare le impostazioni dello strumento e così via, al fine di prepararsi per la prossima fase scientifica. In modalità scientifica completa, gli strumenti di telerilevamento e in situ eseguiranno regolarmente osservazioni congiunte insieme.

 Contemporaneamente al vicino passaggio solare, il veicolo spaziale era "dietro" il Sole visto dalla Terra, con conseguenti velocità di trasferimento dati molto basse. I dati del vicino flyby hanno quindi impiegato molto tempo per essere completamente scaricati e sono ancora in fase di analisi. Per felice coincidenza, tre degli strumenti di telerilevamento di Solar Orbiter hanno catturato un paio di espulsioni di massa coronale nei giorni successivi all'avvicinamento più vicino. L'Extreme Ultraviolet Imager (EUI), l'Heliospheric Imager (SoloHI) e il coronografo Metis hanno catturato diversi aspetti di due CME eruttate nel corso della giornata. Le CME (coronal mass enjection – eiezioni di massa coronale), sono eruzioni di particelle dall'atmosfera solare che si propagano nel Sistema Solare. I fenomeni sono stati visti anche da Proba-2 dell'ESA e dall'osservatorio solare ed eliosferico (SOHO) di ESA/NASA dal lato 'anteriore' del Sole, mentre lo STEREO-A della NASA, situato lontano dalla linea Sole-Terra, lo ha catturato di scorcio, fornendo insieme una visione globale degli eventi.

Multipoint view of a coronal mass ejection

Nell'illustrazione la CME ripresa dello scorso 12 febbraio e la disposizione delle varie sonde che osservavano il Sole in quel momento. Credit: ESA

 Per SoloHI di Solar Orbiter, questa è stata la prima espulsione di massa coronale vista dallo strumento; Metis ne aveva rilevata una in precedenza il 17 gennaio e l'IUE ne aveva rilevata una nel novembre dello scorso anno, mentre i rilevatori in situ del veicolo spaziale hanno insaccato la loro prima CME subito dopo il lancio nell'aprile 2020. Molti degli strumenti in situ hanno anche rilevato l'attività delle particelle intorno alle CME del febbraio 2021; i dati sono in corso di analisi e verranno presentati in un secondo momento. Le CME sono una parte importante della "meteorologia spaziale". Le particelle illuminano le aurore sui pianeti con atmosfera, ma possono causare malfunzionamenti in alcune tecnologie e possono anche essere dannose per gli astronauti non protetti. È quindi importante comprendere le CME ed essere in grado di monitorare i loro progressi mentre si propagano attraverso il Sistema Solare. Lo studio delle CME è solo un aspetto della missione di Solar Orbiter. La sonda restituirà anche osservazioni ravvicinate senza precedenti del Sole da alte latitudini solari, fornendo le prime immagini delle regioni polari inesplorate del Sole. Insieme alle misurazioni del vento solare e del campo magnetico nelle vicinanze del veicolo spaziale, la missione fornirà nuove informazioni su come funziona la nostra stella madre in termini di ciclo solare di 11 anni e su come possiamo prevedere meglio i periodi di mete tempestoso nello spazio. Per SoloHI l'avvistamento CME è stato particolarmente fortuito, catturato durante il tempo di telemetria "bonus". Gli aggiornamenti delle antenne terrestri effettuati dopo la pianificazione della missione hanno permesso al team di eseguire il downlink dei dati in momenti che in precedenza non si aspettavano di essere in grado di farlo, anche se a velocità di telemetria inferiori. Hanno quindi deciso di raccogliere i dati di una sola tessera (lo strumento ha quattro tessere rilevatore) a una frequenza di due ore, e proprio durante quel periodo, è capitato di acquisire una CME.

 Nel video linkato tutta la CME ripresa con gli strumenti scientifici di Solar Orbiter.

Letto: 718 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 19 Maggio 2021 09:49

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Guarda il video

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 gennaio

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 gennaio. Statistiche su...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB