Scritto: Sabato, 31 Agosto 2013 07:55 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

L'acqua nativa della Luna è di origine magmatica


L'acqua individuata sulla superficie della Luna, dallo strumento NASA Moon Mineralogy Mapper M3 ("M-cube") a bordo della sonda indiana Chandrayaan-1, ha origine dall'interno del nostro satellite.

La scoperta è il primo rilevamento di "acqua magmatica" e conferma le recenti analisi eseguite sulle rocce lunari portate a Terra dagli astronauti delle missioni Apollo.

Rate this item
(0 votes)

Chandrayaan-1

Credit: Dan Roam

L'acqua individuata sulla superficie della Luna, dallo strumento NASA Moon Mineralogy Mapper M3 ("M-cube") a bordo della sonda indiana Chandrayaan-1, ha origine dall'interno del nostro satellite.

La scoperta è il primo rilevamento di "acqua magmatica" e conferma le recenti analisi eseguite sulle rocce lunari portate a Terra dagli astronauti delle missioni Apollo.

"Per molti anni, i ricercatori credevano che le rocce della Luna fossero un 'osso secco' e che qualsiasi acqua rilevata nei campioni Apollo fosse originata da una contaminazione terrestre", spiega l'autore principale dello studio Rachel Klima, del Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory (APL) a Laurel, Maryland.

"Questa acqua magmatica fornisce indizi anche sui processi vulcanici della Luna e sulla sua composizione interna, ci aiuta ad affrontare i problemi sulla sua formazione e di come i processi magmatici l'hanno moodificata mentre si raffreddava," continua Klima.

Lo strumento M3 ha catturato immagini del cratere Bullialdus di 60 chilometri di diametro, vicino all'equatore lunare, nella parte occidentale del Mare Nubium, il cui picco centrale è costituito da un tipo di roccia che si forma quando il magma è intrappolato in profondità nel sottosuolo.
Questa roccia è chiamata norite ed è una roccia intrusiva che cristallizza quando il magma ascende e non dopo l'eruzione in superficie come la lava. Quella visibile al centro del cratere è stata scavata ed esposta dall'impatto che ha generato il cratere stesso.

"Rispetto ai dintorni, abbiamo scoperto che la parte centrale di questo cratere contiene una quantità significativa di idrossile - una molecola composta da un atomo di ossigeno e un atomo di idrogeno - la prova che le rocce in questo punto contengono acqua che ha origine sotto la superficie della Luna", spiega Klima.

Il vento solare, ossia il flusso di particelle cariche che arriva dal Sole, può creare sottili strati di molecole d'acqua quando colpisce la superficie lunare. Infatti, M3 ne ha trovato la prova in prossimità dei poli quando ha mappato la superficie della Luna nel 2009.

E sempre nel 2009 il Lunar Crater Observation and Sensing Satellite (LCROSS) impattò all'ombra del cratere Cabeus, vicino al polo sud della Luna, sollevando un enorme pennacchio di vapore acqueo e particelle di ghiaccio.

LCROSS impact - Cabeus crater

Credit NASA Ames

Ma gli scienziati ritengono che il vento solare può formare solo notevoli quantità di acqua superficiale alle alte latitudini, escludendo perciò che questo processo sia responsabile anche nel caso del cratere Bullialdus.

Gli scienziati ora immaginano che molti crateri polari sulla Luna dispongano di grandi riserve di ghiaccio d'acqua, tanto che imprese come l'Energy Company Shackleton e la Moon Express pensano di estrarre questo ghiaccio per trasformarlo in propellente per razzi in future missioni oltre il nostro Sistema Solare.

I nuovi risultati sono stati pubblicati sul numero del 25 agosto della rivista Nature Geoscience.

Letto: 4939 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista