Scritto: Giovedì, 22 Aprile 2021 12:30 Ultima modifica: Giovedì, 22 Aprile 2021 14:28

Rilevato un enorme brillamento stellare da Proxima Centauri


La piccola ma potente Proxima Centauri ha emesso uno tra i flare stellari più potenti mai registrati in tutta la Via Lattea.

Rate this item
(1 Vote)
Rilevato un enorme brillamento stellare da Proxima Centauri Crediti: NRAO/S. Dagnello

La ricerca, pubblicata su The Astrophysical Journal Letters, è stata condotta dall'Università del Colorado Boulder.

Proxima Centauri è circa un ottavo della massa del nostro Sole ma è una nana rossa, un tipo stellare noto per i comportamenti capricciosi. Appartiene al sistema triplo Alfa Centauri, sul quale si concentrano molte aspettative nella ricerca dei pianeti simili alla Terra. Non solo perché Proxima è la stella più vicino a noi (si trova a soli 4,2 anni luce di distanza) ma perché in orbita nella sua fascia abitabile, è già stato individuato un pianeta potenzialmente roccioso, Proxima b, che potrebbe non essere solo (per un approfondimento si veda il mio recente articolo su OggiScienza).

Tuttavia, ci sono molti dubbi sull'ospitalità di Proxima b, in gran parte proprio per il carattere vivace della sua stella madre.

Il team, guidato dall'astrofisica Meredith MacGregor, ha osservato Proxima Centauri per 40 ore, nel corso di diversi mesi del 2019, utilizzando in tutto nove telescopi, tra terrestri e spaziali. Tra questi c'era Hubble, ALMA (Atacama Large Millimeter Array) e TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della NASA. E, proprio in questo arco di tempo, Proxima ha dato il meglio di sé emettendo uno dei bagliore stellari più potenti mai osservati in tutta la galassia. Il flare era circa 100 volte più potente di qualsiasi brillamento simile osservato finora sul nostro Sole. L'evento è stato registrato da cinque osservatori su un ampio spettro di radiazione elettromagnetica.

"La stella è passata da normale a 14.000 volte più luminosa se vista a lunghezze d'onda ultraviolette nell'arco di pochi secondi", ha detto MacGregor, assistente presso il Center for Astrophysics and Space Astronomy (CASA) e del Dipartimento di Astrofisica e Scienze Planetarie (APS ) presso CU Boulder.

"È la prima volta che abbiamo questo tipo di copertura multi-lunghezza d'onda di un bagliore stellare", ha detto MacGregor. "Di solito sei fortunato se riesci a procurarti due strumenti".

Il brillamento si è verificato il 1 maggio 2019 ed è durato meno di 7 secondi.
Anche se non ha prodotto molta luce visibile, ha generato un'enorme ondata di radiazioni sia ultraviolette che radio (o millimetriche).

Queste nuove scoperte potrebbero suggerire una nuova fisica dei bagliori stellari.
"In passato, non sapevamo che le stelle potessero emettere flare nella gamma millimetrica, quindi questa è la prima volta che andiamo alla ricerca di brillamenti millimetrici", ha detto MacGregor.

Inoltre, questi flare non promettono nulla di buono per Proxima b ed altri potenziali pianeti in orbita attorno alla stella. "Se ci fosse vita sul pianeta più vicino a Proxima Centauri, dovrebbe apparire molto diversa da qualsiasi altra cosa sulla Terra", ha detto MacGregor. "Un essere umano su questo pianeta passerebbe un brutto momento".

Le nane rosse sono tra le stelle più comuni nella Via Lattea. "Molti degli esopianeti che abbiamo trovato finora sono intorno a questi tipi di stelle", ha detto. "Ma il problema è che sono molto più attive del nostro Sole. Si infiammano molto più frequentemente e intensamente".

Quel tipo di bagliore potrebbe non essere un evento raro su Proxima Centauri. Oltre al grande flare di maggio 2019, i ricercatori hanno registrato molti altri brillamenti durante le 40 ore di osservazione.
"I pianeti di Proxima Centauri vengono colpiti da qualcosa di simile non una volta in un secolo, ma almeno una volta al giorno, se non più volte al giorno", ha detto MacGregor.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 117 volta/e Ultima modifica Giovedì, 22 Aprile 2021 14:28

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista