Scritto: Lunedì, 19 Aprile 2021 00:00 Ultima modifica: Mercoledì, 02 Giugno 2021 16:55

L'anello di Venere a 360 gradi


La missione Parker Solar Probe della NASA ha fornito la prima vista completa dell'anello di polvere che circonda Venere, particelle microscopiche che circolano attorno al Sole lungo l'orbita del pianeta.

Rate this item
(1 Vote)
Queste immagini sono state riprese dalla  Wide-field Imager for Solar Probe (WISPR) a bordo di Parker.L'anello della polvere si estende diagonalmente dall'angolo inferiore sinistro a quello superiore destro dell'immagine. Gli oggetti luminosi sono pianeti: da sinistra a destra, Terra, Venere e Mercurio. Parte della Via Lattea è visibile sul lato sinistra. Queste immagini sono state riprese dalla Wide-field Imager for Solar Probe (WISPR) a bordo di Parker.L'anello della polvere si estende diagonalmente dall'angolo inferiore sinistro a quello superiore destro dell'immagine. Gli oggetti luminosi sono pianeti: da sinistra a destra, Terra, Venere e Mercurio. Parte della Via Lattea è visibile sul lato sinistra. Crediti: NASA / Johns Hopkins APL / Naval Research Laboratory / Guillermo Stenborg e Brendan Gallagher

Sebbene queste osservazioni siano già state fatte da altre missioni, le riprese di Parker sono le uniche a mostrare l'arco completo.

Queste immagini sono state riprese dalla  Wide-field Imager for Solar Probe (WISPR) a bordo della sonda. L'anello della polvere si estende diagonalmente dall'angolo inferiore sinistro a quello superiore destro del mosaico. Gli oggetti luminosi sono pianeti: da sinistra a destra, Terra, Venere e Mercurio. Parte della Via Lattea è visibile sul lato sinistra. I quattro fotogrammi di questa composizione sono stati acquisiti il ​​25 agosto 2019.

WISPR è progettato per studiare il vento solare, il flusso di materiale che fluisce costantemente dal Sole ma lo spazio brulica di polvere che riflette molta luce, tanto da diventare almeno cento volte più luminosa del vento solare stesso. Questa è quella che crea l'effetto noto come luce zodiacale, visibile anche dalla Terra come una debole colonna di luce che sale verso l'alto dall'orizzonte. Per decenni si è ritenuto che fosse originata da detriti di comete ed asteroidi ma una recente ricerca che utilizza i dati della missione della NASA Juno, in orbita attorno a Giove, suggerisce che la fonte principale potrebbero essere le tempeste di polvere su Marte.

Per ricavare il vento solare dalle immagini di Parker, gli scienziati le processano per rimuovere lo sfondo rumoroso di particelle e stelle. Questo processo ha funzionato così bene che anche l'anello orbitale di polvere di Venere è uscito fuori. Questa caratteristica è emersa quando Parker ha eseguito le manovre per prepararsi al terzo perielio, cambiando l'orientamento delle sue telecamere.

Sulla base della luminosità relativa, si stima che la polvere lungo l'orbita di Venere sia circa il 10% più densa rispetto alle regioni vicine. I risultati sono stati pubblicati il 7 aprile 2021 su The Astrophysical Journal.

Gli strumenti di imaging sensibili di Parker Solar Probe e l'orbita unica hanno offerto agli scienziati una sbirciatina senza precedenti dell'anello di polvere di Venere, qualcosa a cui il team scientifico mirava fin dai primi giorni della missione. La sonda spaziale tedesco-americana Helios e la missione STEREO della NASA lo avevano già fotografato ma queste osservazioni permetteranno di sviluppare nuovi modelli sull'origine della polvere lungo l'orbita del pianeta. 

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 360 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 02 Giugno 2021 16:55

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista