Scritto: Domenica, 21 Febbraio 2021 05:22 Ultima modifica: Domenica, 21 Febbraio 2021 08:47

Dal più grande cratere lunare un altro tassello di storia


Il puzzle sulla formazione della Luna si sta via via completando. Una nuova analisi del materiale espulso dal bacino Polo Sud-Aitken, ha consentito agli scienziati di affinare la cronologia dello sviluppo del mantello e della crosta lunare.

Rate this item
(1 Vote)
Una mappa del torio lunare basata sui dati del  Lunar Prospector. Una mappa del torio lunare basata sui dati del Lunar Prospector. Crediti: NASA / ARC / Jeff Gillis; map by Paul Spudis

"Questi risultati", ha scritto un team di ricercatori guidato dal geologo planetario Daniel Moriarty del Goddard Space Flight Center della NASA, "hanno importanti implicazioni per la comprensione della formazione e dell'evoluzione della Luna".

Con un diametro di 2.500 chilometri ed una profondità massima di 8,2 chilometri, questo enorme cratere meteoritico spicca sulla superficie del nostro satellite ed è uno dei più grandi crateri da impatto del Sistema Solare.
È stato prodotto da una gigantesca collisione circa 4,3 miliardi di anni fa, quando il Sistema Solare (che attualmente ha 4,5 miliardi di anni) era ancora neonato. A quel tempo, la Luna era ancora piuttosto calda e malleabile pertanto, l'impatto scagliò probabilmente una quantità significativa di materiale scavato sotto la superficie. Ma questa zona si trova sul lato lontano della Luna per cui, finora, non è stata sufficientemente studiata.

Adesso, i ricercatori hanno utilizzato una combinazione di modelli computerizzati, dati di telerilevamento e dai campioni lunari dell'Apollo per perfezionare la sequenza temporale, scoprendo che il punto in cui sarebbe dovuto cadere il materiale espulso, corrisponde ai depositi di torio noti sulla superficie lunare.

Una delle peculiarità della Luna è che il lato sempre rivolto verso la Terra sembra essere abbastanza diverso dal lato nascosto. Il primo è caratterizzato da macchie scure, i mari lunari, ampie pianure di basalto scuro create dall'antica attività vulcanica. Al contrario, il lato più lontano è molto più pallido, con meno macchie di basalto e molti più crateri. Anche la crosta sul lato opposto è più spessa e ha una composizione diversa dal lato vicino: la maggior parte del torio che abbiamo rilevato è concentrata sul lato vicino. Ma il materiale espulso dal bacino Polo Sud-Aitken racconta una storia più articolata.

Il torio è stato depositato sulla Luna nel periodo noto come Lunar Magma Ocean, durante il quale la superficie del nostro satellite era ricoperta da roccia fusa che, gradualmente, si raffreddò e solidificò. Durante questo processo, i minerali più densi affondavano sul fondo dello strato fuso per formare il mantello e gli elementi più leggeri galleggiavano verso l'alto per formare la crosta. Dato che il torio non si incorpora facilemnte nelle strutture minerali, sarebbe rimasto nello strato fuso racchiuso tra questi due strati, affondando verso il nucleo solo durante o dopo la cristallizzazione della crosta e del mantello. Secondo la nuova analisi, quando si verificò la collisione che originò il bacino Polo Sud-Aitken, il torio venne scavato ed espulso, schizzando sul lato vicino della Luna. Ciò significa che l'impatto si verificò prima che lo strato di torio affondasse nel nucleo. E suggerisce anche che lo strato di torio a quel tempo doveva essere distribuito globalmente, invece che essere concentrato sul lato lunare vicino.

"La formazione del bacino del Polo Sud-Aitken è tra gli eventi più antichi e importanti della storia lunare. Non solo ha influenzato l'evoluzione termica e chimica del mantello lunare ma, ha preservato i materiali del mantello eterogeneo sulla superficie lunare sotto forma di ejecta", hanno scritto i ricercatori nel loro articolo.

Da allora, il materiale da impatto è stato coperto da oltre 4 miliardi di anni di crateri, agenti atmosferici e attività vulcanica ma il team è riuscito a individuare diversi depositi di torio incontaminati nei recenti crateri da impatto. Questi saranno siti importanti da visitare nelle future missioni lunari.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 127 volta/e Ultima modifica Domenica, 21 Febbraio 2021 08:47

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 Febbraio [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 24 febbraio [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 febbraio [updated on Fe...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 20/2/21 - Sol 793] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Hot! (aggiornato il 27/01/21). Le manovre del...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista