Scritto: Venerdì, 26 Luglio 2013 05:30 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Un acceleratore di particelle nel cuore delle fasce di Van Allen


Gli scienziati hanno scoperto un enorme acceleratore di particelle nel cuore di una delle regioni dello spazio più complicate e più vicine alla Terra: le fasce di Van Allen.

Queste zone a forma di ciambella, dominate da particelle super-energetiche, si trovano tra la cosiddetta orbita geostazionaria (l'orbita dei satelliti per telecomunicazioni) e l’orbita bassa (l'orbita della ISS, Stazione Spaziale Internazionale): intrappolano e scambiano plasma con lo spazio esterno, senza che questo raggiunga la Terra.

Rate this item
(0 votes)

Van Allen - acceleratore di particelle

Credit: G. Reeves/M. Henderson

Gli scienziati hanno scoperto un enorme acceleratore di particelle nel cuore di una delle regioni dello spazio più complicate e più vicine alla Terra: le fasce di Van Allen.

Queste zone a forma di ciambella, dominate da particelle super-energetiche, si trovano tra la cosiddetta orbita geostazionaria (l'orbita dei satelliti per telecomunicazioni) e l’orbita bassa (l'orbita della ISS, Stazione Spaziale Internazionale): intrappolano e scambiano plasma con lo spazio esterno, senza che questo raggiunga la Terra.

Le particelle superveloci che circolano in queste regioni sono state spesso accousate della morte prematura dei satelliti in orbita.

Gli scienziati sapevano che nelle fasce c'era qualcosa in grado di accelerare le particelle fino ad oltre il 99 per cento della velocità della luce ma non sapevano cosa fosse.

I nuovi risultati arrivano grazie dalle due sonde della NASA Radiation Belt Storm, chiamate successivamente Van Allen Probes in onore dello scopritore delle omonime fasce: l'energia di accelerazione proviene dall'interno delle fasce stesse.

Le particelle sono accelerate da scosse locali di energia, scuotimenti di particelle a velocità sempre maggiori, perfettamente a tempo, come un altalena in movimento.

Quello che avviene localmente è in un certo senso paragonabile alla formazione di un uragano sulla Terra che nasce ed è alimentato proprio da un'energia locale, come ad esempio, un'area in cui l'acqua è più calda.

Nel caso delle fasce di Van Allen, le fonti sarebbero le intense onde elettromagnetiche intorno al nostro pianeta, che intercettano energie diverse generate da altre particelle nella stessa regione.

Conoscere l'origine di queste accelerazioni aiuterà gli scienziati a migliorare le previsioni meteorologiche spaziali, dato che i cambiamenti nelle fasce possono essere rischiosi per i satelliti nelle vicinanze della Terra.

Così le sonde di Van Allen, lanciate il 30 agosto scorso, dopo aver scoperto un terzo anello di radiazioni, mettono a segno un altro importante risultato.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science del 25 luglio 2013.

Letto: 2227 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista