Scritto: Lunedì, 30 Novembre 2020 10:21 Ultima modifica: Lunedì, 30 Novembre 2020 17:32

Luna: dalla polvere all'ossigeno


Visto che sulla Luna se c'è una cosa che non manca è la polvere, gli scienziati stanno pensando a come utilizzarla. Gli ingegneri britannici, ad esempio, stanno mettendo a punto un processo per estrarre ossigeno dalla regolite. Le sostanze metalliche risultanti come sottoprodotto del processo, potrebbero diventare materiale grezzo per le stampanti 3D per la costruzione dei moduli lunari.

Rate this item
(0 votes)
Luna: dalla polvere all'ossigeno Crediti: ESA–A. Conigili

L'ossigeno generato verrebbe utilizzato principalmente per produrre carburante per razzi ma potrebbe fornire anche aria ai coloni.
Il progetto fa parte dei preparativi dell'ESA per stabilire una presenza lunare permanente e sostenibile.

Se realizzato, questo potrebbe essere un primo passo verso la creazione di un impianto di estrazione dell'ossigeno extra-terrestre.

 

Come funziona

La regolite lunare, il sottile strato di roccia polverosa che ricopre il nostro satellite, non è così diversa dai minerali che si trovano sulla Terra. In peso, contiene circa il 45% di ossigeno legato ad altri metalli come ferro e titanio e, per questo, non immediatamente disponibile.
La società britannica Metalysis, già esperta in processi di estrazione per minerali terrestri, ha dimostrato che la sua tecnologia funziona altrettanto bene con la regolite lunare all'inizio di quest'anno.

Questa particolare estrazione dell'ossigeno  avviene utilizzando un metodo chiamato elettrolisi del sale fuso, che prevede il posizionamento della regolite in un cestello di metallo con il cloruro di calcio fuso, un sale che funge da elettrolita, riscaldato a 950 °C. A questa temperatura la regolite rimane solida. Ma quando viene attraversata da un corrente elettrica, l'ossigeno migra attraverso il sale per essere raccolto in un anodo. Come bonus il processo converte anche la regolite in leghe metalliche utilizzabili.

Il primo prototipo era stato allestito al Materials and Electrical Components Laboratory dell'European Space Research and Technology Centre (ESTEC) dell'ESA, in Olanda.

La grande differenza è che, sulla Terra, l'ossigeno generato non è necessario ma nello spazio sarà il prodotto più importante del processo. Ciò significa che deve il sistema deve essere progettato per produrre quanto più gas possibile
Gli ingegneri armeggeranno con la corrente elettrica ed i reagenti per aumentare la quantità di ossigeno, cercando di ridurre la temperatura necessaria per produrlo. Ciò contribuirà a ridurre l'energia richiesta, che sulla Luna sarà già difficile da ottenere. Lavoreranno anche per ridurre le dimensioni della camera in cui si svolge il processo, che per ora ha le dimensioni di una lavatrice, in modo che possa essere trasportata in modo efficiente sula Luna.

"Alcuni anni fa ci siamo resi conto che il sottoprodotto apparentemente irrilevante del nostro processo di estrazione dei minerali terrestri poteva avere applicazioni di vasta portata nell'esplorazione spaziale", ha affermato Ian Mellor, amministratore delegato di Metalysis. "Non vediamo l'ora di continuare a esplorare con l'ESA ed i nostri partner industriali, come preparare la nostra tecnologia terrestre per lo spazio".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 127 volta/e Ultima modifica Lunedì, 30 Novembre 2020 17:32
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista