Scritto: Sabato, 14 Novembre 2020 19:59 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Novembre 2020 19:08

Un asteroide è passato più vicino della ISS!


 E' da poco giunta notizia di un piccolo asteroide scoperto oggi ma passato davvero vicinissimo alla Terra nel tardo pomeriggio di Venerdi, sorvolando la Polinesia francese ad un'altezza di circa 380 km! (aggiornamento)

Rate this item
(2 votes)
Traiettoria geocentrica e eliocentrica dell'asteroide, evidente la variazione di orbita dopo il passaggio ravvicinato; da notare la deviazione di circa 90° nella traiettoria geocentrica. Traiettoria geocentrica e eliocentrica dell'asteroide, evidente la variazione di orbita dopo il passaggio ravvicinato; da notare la deviazione di circa 90° nella traiettoria geocentrica. Creidts: Tony Dunn / OrbitSimulator

Nota bene: le parti evidenziate in rosso sono state aggiornate/aggiunte alle ore 4 del 15/11, quelle in viola la mattina del 16 Novembre:

 L'oggetto, che fino a poche ore fa aveva una denominazione provvisoria A10sHcN, adesso ha il nome ufficiale di 2020 VT4. E' stato osservato in fase di allontanamento ed ha una magnitudine assoluta H=28,8, dalla quale si deduce un diametro compreso tra 4,8 e 11 metri. Adesso appare nella pagina ufficiale degli incontri ravvicinati cneos secondo il quale alle 18:21 italiane di Venerdì è sfrecciato a 13,42 km/s sopra l'Oceano Pacifico sud-orientale, a una distanza geocentrica di soli 6751 (±22) km. Secondo i calcoli riportati su MPEC, invece, la distanza minima dal centro della Terra è stata 6757,4 (±4,6) km. Si tratta in ogni caso di una distanza irrisoria dalla superficie terrestre, inferiore alla quota attuale della Stazione Spaziale Internazionale! E naturalmente è un record assoluto, a patto di escludere altri 4 oggetti (2008 TC32014 AA, 2018 LA e 2019 MO) avvistati negli anni passati poche ore prima che entrassero nell'atmosfera terrestre distruggendosi. 2020 VT4 era comunque decisamente più grande di quei bolidi, anche se il suo destino sarebbe probabilmente stato lo stesso, se fosse passato poche centinaia di km più in basso. Ricordiamo infatti che il bolide di Chelyabinsk (17 metri di diametro e una massa presumibilmente maggiore di almeno un ordine di grandezza) si disintegrò comunque nella stratosfera, anche se l'onda d'urto fece danni a terra e causò oltre 1000 feriti.

 La sua orbita, ovviamente, è cambiata radicalmente dopo l'incontro, passando da quella di tipo Apollo (con semiasse maggiore al di sopra dell'unità astronomica) a quella di tipo Aten (inferiore all'unità astronomica); questo lo si vede bene negli elementi orbitali prima e dopo il perigeo, riportati di seguito e tratti sempre da MPEC. In effetti, prima dell'incontro di Venerdì, l'asteroide si avvicinava anche a Marte, con il quale ha avuto degli incontri non troppo ravvicinati nel 2012 e nel gennaio di quest'anno; invece, da ora in poi, incontrerà da vicino il pianeta Venere (sono previsti incontri ravvicinati a partire dal 2045). Per quanto riguarda altri passaggi ravvicinati nei pressi del nostro pianeta, entro il prossimo secolo ne è previsto solo uno nel 2052 mentre, guardando al passato, nel 2017 transitò ad almeno 3 milioni di km dalla Terra e nel 1934 giunse a una distanza nominale di soli 630000 km (ma potrebbe essere passato anche più vicino della Luna).

vicinissimo elements

Credits: MPEC/MPC/IAU

 Le traiettoria e l'orbita si basano su 22 osservazioni fatte il 14 novembre, su un arco temporale di quasi 14 ore, quando l'oggetto si stava già allontanando dalla Terra. La scoperta è avvenuta quasi 15 ore dopo il massimo avvicinamento, grazie alle osservazioni del ZTE di Monte Palomar. Questo è strano, dal momento che, anche se ha sorvolato il lato diurno del nostro pianeta, un'ora dopo il massimo avvicinamento si era spostato sul lato notturno ed era ancora molto luminoso (intorno a una magnitudine 12,5), veloce e prospetticamente lontano dal sole (oltre 120°), facilmente osservabile da un osservatore nell'emisfero meridionale (ad esempio in Australia); invece si è dovuto attendere che la Terra ruotasse e che gli osservatori americani fossero in grado di avvistarlo come una stellina di magnitudine apparente vicina a 18. A dire il vero, la cosa migliore sarebbe stata vederlo in anticipo, circa 15 ore prima del massimo avvicinamento, quando era comunque osservabile dai telescopi per Survey nel continente nord-americano ancora in ombra, come una stellina di magnitudine 19,5 ed elongazione di 87° dal Sole.

A questo link c'è una utile animazione realizzata da Tony Dunn con il simulatore OrbitSimulator, da cui sono tratte le immagini in apertura. Invece Claudio Vantaggiato, un nostro appassionato lettore, ha realizzato un interessante filmato con la simulazione "in soggettiva" del passaggio ravvicinato di 2020 VT4, realizzato tramite Celestia. Pubblichiamo volentieri il link al video:

https://youtu.be/cUE-5V5x0lA

Nel frattempo, solo domenica la stampa internazionale si è accorta dell'evento che noi abbiamo riportato in anteprima assoluta e che ora appare anche su Wikipedia.

Altre informazioni su questo articolo

Read 337 times Ultima modifica Mercoledì, 18 Novembre 2020 19:08
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

4 commenti

  • Comment Link Claudio Costerni Giovedì, 19 Novembre 2020 19:06 posted by Claudio Costerni

    Scusa se mi intrometto Bianca...
    ...ma per te questo titolo non sarebbe chiaro?!

    >>> Un asteroide è passato più vicino della ISS!

    E tu ti chiedi più vicino a cosa, ipotizzando anche che possa intendersi più vicino alla ISS?
    Secondo te la frase:
    Un asteroide è passato più vicino della ISS
    potrebbe significare:
    Un asteroide è passato più vicino alla ISS
    ?!
    Fammi capire.
    Tu vivi sulla Terra come noi altri terrestri del XXI secolo, oppure vivi su di un altro pianeta e hai difficoltà di orientamento?

    Il titolo, secondo me, è lampante nella sua essenzialità.
    Non può far venire alcun ragionevole dubbio, a differenza di tanti altri scritti da siti spazzatura, achiappa click, che continuano a raccontarci (nel titolo) di pericolosi asteroidi che sfioreranno la Terra... passando talvolta anche molto più lontano della Luna.

  • Comment Link Massimo Martini Giovedì, 19 Novembre 2020 12:06 posted by Massimo Martini

    Il video è veramente incredibile! Complimenti a Claudio per questa visualizzazione, che ci fa comprendere bene quanto abbiamo rischiato...

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Domenica, 15 Novembre 2020 04:12 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Bianca, a me il titolo sembra abbastanza chiaro, è ovvio che il riferimento siamo noi (pianeta Terra) e dirlo esplicitamente avrebbe inutilmente appesantito l'affermazione...

  • Comment Link Bianca Maria Sabato, 14 Novembre 2020 23:48 posted by Bianca Maria

    Salve,
    il titolo non mi pare proprio molto corretto rispetto all'italiano.
    L'asteroide è passato più vicino a cosa?
    Alla ISS?
    Alla Terra?
    Leggendolo così da semplice lettore sembra sia errato il "della" invece di "alla".
    Poi però capisco che si tratta invece di una mancanza di parola: infatti manca la parola Terra.
    Non è stata messa per problemi di spazio?
    Dato che si tratta del titolo dovrebbe quanto meno essere in buon italiano....
    A parere mio naturalmente...

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/11 - Sol 712] - Meteor...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista