Scritto: Mercoledì, 21 Ottobre 2020 15:41 Ultima modifica: Giovedì, 22 Ottobre 2020 05:06

Addio, 2020 UA...


 Nelle prime ore di oggi è avvenuto il passaggio estremamente ravvicinato di questo asteroide (neanche tanto piccolo), immortalato dal "Virtual Telescope".

Rate this item
(1 Vote)
Addio, 2020 UA... Credits: Gianluca Masi - Virtual Telescope Project - Processing: Marco Di Lorenzo

 E' passato a 38130 km di altezza alle 4 in punto, ora italiana. Di lui abbiamo già parlato in un precedente articolo, sottolineando il notevole preavviso nella scoperta e nella determinazione della traiettoria, rispetto a quanto solitamente avviene. Il merito di questo è nella traiettoria molto favorevole (l'oggetto si avvicinava dalla direzione opposta al Sole, quindi in opposizione) e alle dimensioni non trascurabili, comprese tra 6 e 13 metri; entrambi questi fattori hanno concorso a renderlo ben visibile, alla portata delle rassegne automatiche svolte da telescopi robotizzati.

 Si tratta dell'oggetto più grande passato entro i 10 raggi terrestri negli ultimi 12 mesi; poco prima del massimo avvicinamento, ha raggiunto una magnitudine apparente 13,5. L'immancabile Gianluca Masi, utilizzando il telescopio "Elena" da 43 cm controllato da remoto, ha immortalato 2020 UA negli ultimi giorni e quella mostrata in apertura è una lunga esposizione (1 minuto) effettuata inseguendo l'asteroide nel suo rapido moto proprio al momento del massimo avvicinamento, quasi 40 primi d'arco ogni secondo; naturalmente le stelle appaiono come lunghe strisce e, rispetto all'immagine originale, ho ridotto la presenza del rumore. Qui è possibile ammirare anche una animazione centrata sull'oggetto, accelerata di quasi 80 volte.

 Grazie alle numerose osservazioni delle ultime ore, la conoscenza della traiettoria e dell'orbita di 2020 UA è migliorata parecchio. Adesso sappiamo che la distanza minima da centro della Terra è stata 44498 km, con una incertezza di soli 33 km (intervallo con il 90% di confidenza). Inoltre, ora sappiamo che tornerà a visitarci da vicino solo nel 2047, quando passerà a circa due distanze lunari da noi.


 

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 165 volta/e Ultima modifica Giovedì, 22 Ottobre 2020 05:06

Guarda il video

{remote}{gif?x78558remote}https://www.virtualtelescope.eu/wordpress/wp-content/uploads/2020/10/2020ua_20oct2020.gif?x78558{/gif?x78558remote}{/remote}
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista