Scritto: Lunedì, 19 Ottobre 2020 05:29 Ultima modifica: Lunedì, 19 Ottobre 2020 05:56

Betelgeuse: più piccola e più vicina


Lo studio, condotto dalla Dr. Meridith Joyce dell'Australian National University (ANU), suggerisce che Betelgeuse sia più piccola e più vicina alla Terra di quanto si pensasse e che potrebbero trascorrere ancora 100.000 anni prima di vederla esplodere in supernova.

Rate this item
(0 votes)
Betelgeuse: più piccola e più vicina Crediti: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/E. O’Gorman/P. Kervella

Betelgeuse è una supergigante rossa ed è la seconda stella più brillante della costellazione di Orione, dopo Rigel. Tuttavia, a causa della sua forma non forma, pulsante e sfocata, è sempre stata piuttosto difficile da mappare con precisione.

Sulla base di una distanza presunta di circa 180 anni luce, si pensava inizialmente che la stella avesse un diametro equivalente a circa due volte e mezzo la distanza Terra - Sole (o circa 538 volte il raggio del Sole). Ma da allora, i calcoli furono rivisti molte volte. La posizione fu rivalutata a 724 anni luce da noi ed il diametro pari a 2.600 volte il raggio del Sole. Tali numeri indicavano che Betelgeuse fosse prossima allo stadio di supernova. L'oscuramento inaspettato della sua luminosità, in un paio di occasioni, negli ultimi anni ha persino avvalorato la tesi che la stella fosse agli ultimi aneliti prima di esplodere. Tuttavia, ora si ritiene che, almeno uno di questi eventi fosse dovuto al passaggio di nuvole di polvere prodotte da una violenta eruzione, lungo la nostra visuale di osservazione.

Il secondo, però, più piccolo, "era probabilmente dovuto alle pulsazioni", ha detto Joyce. Le pulsazioni come quelle osservate su Betelgeuse sono tipicamente il risultato di onde di pressione che attraversano le viscere ardenti di una stella.
Il team ha quindi utilizzato la modellazione idrodinamica e sismica per saperne di più sulla fisica che guida questi battiti e per avere un'idea più chiara in quale fase della vita si trovasse Betelgeuse. Dalle simulazioni è emerso che "al momento sta bruciando elio nel suo nucleo, il che significa che non sta per esplodere".

"Potrebbero passare ancora circa 100.000 anni prima che diventi supernova".

La ricerca ha anche permesso di dedurre il raggio della supergigante rossa, riducendo le stime.
"L'effettiva dimensione fisica di Betelgeuse è stata un po' un mistero: studi precedenti suggerivano che potesse essere più grande dell'orbita di Giove", ha affermato l'astronomo László Molnár dell'Osservatorio Konkoly in Ungheria, co-autore del documento. "I nostri risultati dicono che Betelgeuse si estende solo per due terzi di quella distanza, con un raggio pari a 750 volte quello del Sole".

Sulla base di questi nuovi calcoli, Betelgeuse deve trovarsi al massimo a 700 anni luce di distanza.
"I nostri risultati mostrano che si trova a soli 530 anni luce da noi, il 25% più vicino di quanto si pensasse", ha sottolineato Molnár. Questa è una bella notizia per gli astronomi del futuro i quali potranno assiste ad uno spettacolo ancora più emozionante.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 167 volta/e Ultima modifica Lunedì, 19 Ottobre 2020 05:56
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista