Scritto: Domenica, 11 Ottobre 2020 06:05 Ultima modifica: Domenica, 11 Ottobre 2020 08:36

Anche i laghi di Titano sono stratificati


Proprio come i laghi terrestri, i bacini di idrocarburi sulla grande luna di Saturno, Titano, sperimentano una stratificazione guidata dalla densità. Nei primi, il fenomeno avviene in risposta al riscaldamento della luce solare, mentre nei secondi è esclusivamente legato strane interazioni chimiche tra i liquidi superficiali e l'atmosfera.

Rate this item
(0 votes)
L'immagine mostra i laghi più piccoli di Titano che appaiono o scompaiono in base alla pioggia ed alle condizioni atmosferiche. L'immagine mostra i laghi più piccoli di Titano che appaiono o scompaiono in base alla pioggia ed alle condizioni atmosferiche. Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASI/USGS

La stratificazione si verifica quando parti differenti di un lago hanno densità diverse, con lo strato meno denso che galleggia sopra lo strato più denso.
Sulla Terra, nelle zone temperate e soprattutto d'estate, si verifica la stratificazione quando l'acqua in superficie si scalda, si espande e diventa meno densa, formando uno strato di acqua calda che letteralmente galleggia sull'acqua più fresca sottostante. Ma i laghi di Titano sono costituiti principalmente di etano e metano. L'etano liquido è più denso del metano liquido, quindi la fisica dei fluidi standard imporrebbe che il metano galleggiasse in cima a qualsiasi lago indipendente sulla superficie. Tuttavia alle temperature presenti sulla superficie della luna di Saturno, il metano può assorbire l'azoto che è prevalente nell'atmosfera. In questo modo, il metano e l'azoto, combinati insieme, diventano più densi dell'etano il quale, quindi, galleggia verso l'alto.

"I laghi su Titano sono più che semplici pozzanghere di gas naturale liquefatto, sono luoghi dinamici che sperimentano processi fisici complessi. Possono stratificarsi, ribaltarsi ed eventualmente scomparire", ha detto Jordan Steckloff, autore principale dello studio pubblicato su Planetary Science Journal.
(Questi capovolgimenti potrebbero forse spiegare anche perché il radar della Cassini aveva visto composizioni diverse nei bacini maggiori. In alcuni sembrava prevalere l'etano, in altri il metano. Per un approfondimento, si rimanda al capito 8 del mio libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno").

"Ci siamo concentrati su piccoli laghi poco profondi che si riempiono in seguito agli eventi di pioggia su Titano ed abbiamo scoperto che, se la temperatura è [poco più] bassa [della media], l'evaporazione del metano dalla superficie può scacciare l'azoto disciolto, che è pesante, con conseguente arricchimento di etano galleggiante sopra uno strato ricco di metano", ha detto Steckloff.

La maggior parte dei dati su Titano, provengono dalla gloriosa missione Cassini che ha terminato la sua missione lanciandosi nell'atmosfera di Saturno il 15 settembre 2017.

Altre informazioni su questo articolo

Read 101 times Ultima modifica Domenica, 11 Ottobre 2020 08:36
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista