Scritto: Sabato, 10 Ottobre 2020 05:57 Ultima modifica: Martedì, 13 Ottobre 2020 17:24

Un po' di Venere sulla Luna?


Questo è un periodo caldo per Venere ma anche per la Luna. Ora c'è un nuovo studio che sembra non voler far torto a nessuno e mette insieme, in un certo senso, questi due oggetti del Sistema Solare.

Rate this item
(0 votes)
Rappresentazione artistica di una cometa che colpisce Venere. Rappresentazione artistica di una cometa che colpisce Venere. Crediti: Sam Cabot

Nel documento pubblicato su arxiv.org, gli astronomi di Yale suggeriscono che gli equipaggi delle missioni Artemis potrebbero raccogliere sulla Luna,  miliardi di frammenti di Venere. Secondo gli autori, i meteoriti venusiani si sarebbero miscelati con la regolite lunare. Ma come hanno fatto a finire sulla Luna?

All'origine della curiosa migrazione, ci sarebbe il bombardamento di asteroidi e comete che potrebbero aver spostato fino a 10 miliardi di rocce sul pianeta, spedendole in un'orbita di intersezione con la Terra ed il suo satellite.
Gli autori, Samuel Cabot e Gregory Laughlin, scrivono:

Se l'atmosfera di Venere fosse stata sottile e simile a quella terrestre in qualsiasi punto, gli impatti degli asteroidi avrebbero trasferito quantità potenzialmente rilevabili di materiale superficiale di Venere alla regolite lunare. Venere sperimenta un flusso maggiore di collisioni rispetto alla Terra, in grado di espellere materiale dalla superficie. Le condizioni iniziali del materiale espulso, gli incontri ravvicinati e le risonanze con Venere,  fanno evolvere le traiettorie delle parti espulse in orbite di attraversamento della Terra. Utilizzando modelli analitici per l'espulsione dal cratere e le simulazioni N-body, troviamo che più dello 0,07% degli ejecta atterra sulla Luna. La regolite lunare conterrà fino a 0,2 ppm [parti per miliardo] di materiale venusiano se Venere avesse perso la sua acqua negli ultimi 3,5 Gyr [miliardi di anni].

"Impatti catastrofici come questi si verificano solo ogni cento milioni di anni circa e si sono verificati più frequentemente miliardi di anni fa", ha detto Cabot..
Secondo il team ritrovare queste rocce potrebbe davvero confermare o smentire l'antica abitabilità dell'ambiente venusiano che, secondo gli ultimi calcoli, potrebbe essere stato ospitale più a lungo di Marte.
"La luna offre posto sicuro per queste antiche rocce", ha commentato Cabot. “Qualsiasi cosa proveniente da Venere ed arrivata sulla Terra è probabilmente sepolta molto in profondità, a causa dell'attività geologica. Mentre sulla Luna ogni cosa sarebbe conservata molto meglio".

Laughlin e Cabot hanno citato due fattori a sostegno della loro teoria:

  1. Gli asteroidi che colpiscono Venere di solito viaggiano più veloci di quelli che colpiscono la Terra, lanciando ancora più materiale
  2. Un'enorme frazione del materiale espulso da Venere si sarebbe avvicinata alla Terra e alla Luna

 "C'è una commensurabilità tra le orbite di Venere e della Terra che fornisce una rotta pronta per le rocce lanciate da Venere verso la Terra", ha detto Laughlin, professore di astronomia e astrofisica a Yale.

"L'atmosfera venusiana oggi è così densa che nessuna roccia potrebbe sfuggire dopo un impatto con un asteroide o una cometa", ha detto Cabot. Ma in passato, quando il pianeta era simile alla Terra, anche l'atmosfera deve essere stata più sottile come la nostra.

In base allo studio, ci sarebbero almeno tre vantaggi nel praticare la ricerca di rocce venusiane sul nostro satellite:

  1. "In primo luogo, la maggior parte del materiale espulso subisce uno shock minimo"
  2. "In secondo luogo, è probabile che i frammenti di meteorite siano sopravvissuti al loro impatto sulla Luna, date le loro velocità di impatto relativamente basse"
  3. "Infine, la regolite lunare è relativamente superficiale. È facile da scavare, in particolare nei crateri esistenti; sebbene lo scavo della mega-regolite più profonda presenti uno scenario più impegnativo"

Secondo i due ricercatori, i prossimi esploratori lunari potrebbero identificare elementi specifici e diversi rapporti isotopici sulla Luna, i quali potrebbero rappresentare la firma digitale di Venere.
"Un antico frammento di Venere conterrebbe una grande quantità di informazioni", ha detto Laughlin. "La storia di Venere è strettamente legata ad argomenti importanti nella scienza planetaria, tra cui l'afflusso passato di asteroidi e comete, le storie atmosferiche dei pianeti interni e l'abbondanza di acqua liquida". Nonché la recente scoperta di un'importante biofirma: la fosfina.

Altre informazioni su questo articolo

Read 76 times Ultima modifica Martedì, 13 Ottobre 2020 17:24
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista