Scritto: Giovedì, 20 Giugno 2013 05:54 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Marte: 4 miliardi di anni fa era ricco di ossigeno


Da molti anni gli scienziati studiano i meteoriti marziani arrivati sulla Terra ma queste rocce spaziali, anche se classificate come provenienti dal Pianeta Rosso, presentano molte differenze con le rocce studiate sulla superficie dai rover.

Il nichel, che caratterizza la maggior parte delle rocce presenti sul pianeta, è invece contenuto in quantità decisamente minori nei meteoriti provenienti da Marte.

Rate this item
(0 votes)

Spirit sol 601 PanCam

Spirit sol 601 PanCam
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Da molti anni gli scienziati studiano i meteoriti marziani arrivati sulla Terra ma queste rocce spaziali, anche se classificate come provenienti dal Pianeta Rosso, presentano molte differenze con le rocce studiate sulla superficie dai rover.

Il nichel, che caratterizza la maggior parte delle rocce presenti sul pianeta, è invece contenuto in quantità decisamente minori nei meteoriti provenienti da Marte.

Un nuovo studio, presentato ieri 19 giugno, cerca di far luce su questo mistero.

Spirit sol 856 PanCam"Il rover Spirit nel cratere Gusev ha trovato concentrazioni di nichel cinque volte superiori a quelle presente nei meteoriti", spiega Bernard Wood, un geologo dell'Università di Oxford, autore principale dello studio.

Secondo il team, alla base di queste importanti differenze ci sarebbe l'ossigeno e un riciclo dei materiali contenuti all'interno del pianeta.

"Quello che abbiamo dimostrato è che entrambe le rocce, i meteoriti e quelle vulcaniche di superficie, hanno origini simili dall'interno profondo di Marte, ma che le rocce di superficie vengono da un ambiente più ricco di ossigeno, probabilmente causato dal riciclo di materiali contenti ossigeno verso l'interno", aggiunge Wood.

Le vecchie rocce vulcaniche analizzate da Spirit su Marte si sarebbero quindi formate in presenza di abbondante ossigeno più di 3,7 miliardi di anni fa, mentre i meteoriti marziani  provengono da un ambiente più povero di ossigeno e risalgono da 118 a 1.300 milioni anni.

Wood ha cercato di applicare le sue conoscenze geologiche terrestri per capire cosa possa esser accaduto su Marte.

Secondo il team, mentre è possibile che la composizione geologica di Marte vari enormemente da regione a regione, è probabile che le differenze si siano generate attraverso un processo noto come subduzione, attraverso il quale il materiale viene riciclato verso l'interno.
I ricercatori suggeriscono che la superficie di Marte sia stata ossidato molto presto nella storia del pianeta e che, attraverso la subduzione, questo materiale ricco di ossigeno sia stato elaborato verso l'interno poco profondo e riciclato di nuovo in superficie durante le eruzioni di 4.000 milioni di anni fa. I meteoriti marziani, al contrario, sono molto più giovani e sono emersi dal profondo del pianeta, per cui sono stati meno influenzati da questo processo.

"Nel modello il mantello superiore di Marte è stato più ossidato rispetto al mantello più basso, in modo che quando si scioglie la parte superiore si ottiene la composizione di queste antiche rocce e quando si scioglie il mantello inferiore si ottiene la composizione dei meteoriti", spiega Hap McSween, un geologo planetario presso l'Università del Tennessee.

La datazione delle rocce di superficie, dei meteoriti e la teoria del team, è quindi coerente con l'ipotesi che Marte un tempo fosse caldo, umido ed ospitale ma perse molto rapidamente la sua atmosfera.

"Sulla Terra sappiamo che esiste un ciclo dell'ossigeno contenuto nelle rocce interne con la tettonica a placche, attraverso la cosiddetta subduzione. I materiali di superficie ossidati sono spinti verso il basso e così pensiamo che questa è una spiegazione plausibile anche per Marte", sottolinea Wood.

Ma anche se questa ipotesi spiega perché le rocce più antiche si trovano in superficie e le rocce più povere di ossigeno all'interno del pianeta, secondo McSween non ci sarebbe alcuna prova di una tettonica a zolle su Marte. Ricordiamo però lo studio del geologo planetario An Yin secondo il quale la superficie del Pianeta Rosso sarebbe stata modellata dalla tettonica a placche in un "passato recente"... magari proprio nello stesso periodo a cui risalgono i meteoriti marziani rinvenuti sulla Terra.

Read 3270 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS