Scritto: Martedì, 18 Giugno 2013 21:10 Ultima modifica: Lunedì, 06 Luglio 2015 20:16

I veloci venti di Venere sempre più veloci


I dati della sonda dell'ESA Venus Express hanno rilevato che i venti che governano la movimentata atmosfera di Venere, sono costantemente aumentati durante gli ultimi 6 anni di osservazioni.

Tracciando i movimenti delle nubi a circa 70 chilometri sopra la superficie del pianeta, nel corso di un periodo di 10 anni venusiani (6 anni terrestri), gli scienziati sono stati in grado di monitorare i modelli a lungo termine della velocità del vento a livello globale.

Rate this item
(0 votes)

Venere mappa velocità dei venti

Credit: Fig. 3 from Khatuntsev et al, Cloud level winds from the Venus Express Monitoring Camera imaging, Icarus (2013); doi: 10.1016/j.icarus.2013.05.018

dati della sonda dell'ESA Venus Express hanno rilevavo che i venti che governano la movimentata atmosfera di Venere, sono costantemente aumentati durante gli ultimi 6 anni di osservazioni.

Venere è ben noto per la sua curiosa atmosfera super-rotante, che gira intorno al pianeta una volta ogni quattro giorni terrestri, in netto contrasto con la rotazione del pianeta stesso e la lunghezza del giorno (243 giorni terrestri).

Tracciando i movimenti delle nubi a circa 70 chilometri sopra la superficie del pianeta, nel corso di un periodo di 10 anni venusiani (6 anni terrestri), gli scienziati sono stati in grado di monitorare i modelli a lungo termine della velocità del vento a livello globale.

Quando Venus Express è arrivata intorno al pianeta nel 2006, la velocità media del vento, tra i 50° di latitudine su entrambi i lati dell'equatore, era di circa 300 km / h. Tuttavia, i risultati provenienti da due studi separati confermano che questi venti, già molto rapidi, sono diventati ancora più veloci, aumentando fino a 400 Km / h nel corso della missione.

"Questo è un enorme aumento della velocità dei venti, notoriamente già forti in atmosfera. Tale grande variazione non è mai stata osservata su Venere e ancora non capisco perché sia avvenuta", spiega Igor Khatuntsev del Space Research Institute di Mosca e autore principale del documento pubblicato sulla rivista Icarus.

La squadra del Dr. Khatuntsev ha studiato le variazioni della velocità dei venti analizzando lo scostamento nelle varie immagini di diversi punti di riferimento, tra cui oltre 45.000 sono stati studiati manualmente mentre 350.000 con l'ausilio di un software.

In uno studio complementare, un team giapponese ha utilizzato invece un metodo automatizzato.
I loro risultati verranno pubblicati sulla rivista Journal of Geophysical Research.

Oltre a questo, entrambe le ricerche hanno anche rivelato variazioni regolari legate al giorno, all'altezza del Sole sopra l'orizzonte e al periodo di rotazione del pianeta: un'oscillazione periodica si verifica circa ogni 4,8 giorni vicino all'equatore ed è forse collegata ad onde atmosferiche a quote più basse.

Ma il vero mistero rimane la velocità dei venti.

Read 23868 times Ultima modifica Lunedì, 06 Luglio 2015 20:16
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3 commenti

  • Comment Link Livio Venerdì, 03 Luglio 2015 20:41 posted by Livio

    400 km/h con 92 atmosfere di pressione in superficie, non oso pensare che cosa possa "volare" sulla sua superficie. Un mondo davvero inospitale. Che peccato...

  • Comment Link Elisabetta Bonora Sabato, 22 Giugno 2013 08:03 posted by Elisabetta Bonora

    Hi Gonzalo, I think your view is very interesting.
    We should stay there again a few more years to confirm it! ;-)

  • Comment Link Gonzalo C Sabato, 22 Giugno 2013 01:28 posted by Gonzalo C

    In my opinion, this spectactular global wind speed increase in Venus since 2005 has to be caused by an external energy input, such as Sun radiation input. When checking the solar activity cycle chart, the sunspot cycle, we can see how indeed since 2005 (corresponding with the lower part of the cycle), and until 2010-2011 (mid cycle), solar activity must have increased due to this 11-year cycle: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Solar-cycle-data.png
    Since 2011 the cycle must have beginned forcing a decrease, which hasn´t yet developed fully. Indeed, we see already a quite cold spring-summer (northern hemisphere) season this year on Earth... ¡No wonder! Sun forcing on 11-year cycle basis. :-)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Marzo

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 28 Marzo).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Marzo [Last update: 03/26/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Marzo [Last update: 03/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 28/3/20 - Sol 473] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS