Scritto: Giovedì, 20 Agosto 2020 14:36 Ultima modifica: Venerdì, 21 Agosto 2020 07:03

Quante precipitazioni cadevano su Marte 3,5 miliardi di anni fa?


Un nuovo studio ha cercato di scoprirlo. Secondo la ricerca, Perseverance atterrerà in uno dei fondali lacustri che hanno giocato un ruolo cruciale nella storia di Marte.

Rate this item
(0 votes)
Quante precipitazioni cadevano su Marte 3,5 miliardi di anni fa? Crediti: Gaia Stucky de Quay

L'antico clima marziano è ancora un puzzle per gli scienziati.
Se da una parte i geologi interpretano la presenza di grandi alvei fluviali e paleolaghi come tracce di grandi quantità di acqua nel passato del pianeta, dall'altra i climatologi non sono mai stati effettivamente in grado di creare un modello climatico storico che contemplasse tali quantitativi per un tempo sufficientemente lungo da giustificare la geologia osservata.

Nello studio, pubblicato nella rivista Geology, i ricercatori hanno scoperto che le precipitazioni erano comprese tra i 4 ed i 159 metri in un singolo episodio. Questi volumi, sia che fossero generati da piogge o dallo scioglimento dei ghiacciai, erano in grado di riempire i laghi e, in alcuni casi, traboccare ed aprire una breccia nei bacini lacustri.
"È un'enorme dissonanza cognitiva", ha detto l'autore principale Gaia Stucky de Quay della Jackson School of Geosciences (Texas) "I modelli climatici hanno problemi a tenere conto di quella quantità di acqua liquida in quel momento. È come se l'acqua liquida non fosse possibile, ma è successo. Questa è la lacuna che il nostro lavoro sta cercando di colmare".  Inoltre, sebbene attualmente siano stati individuati importanti giacimenti di acqua ghiacciata, sembra che non esistano altrettante quantità di acqua liquida: "Adesso Marte è completamente asciutto. Stiamo cercando di capire quanta acqua c'era e dove è andata a finire".

I ricercatori hanno esaminato 96 laghi aperti e chiusi formatesi tra i 3.5 ed i 4 miliardi di anni fa (un lago è aperto quando riceve le acque da un fiume chiamato immissario e le scarica in un altro fiume, detto emissario; al contrario, si dice chiuso quando è privo di emissari). Utilizzando le immagini satellitari ed i rilievi topografici, hanno misurato le aree dei laghi e dei bacini idrografici e, quindi, i volumi, tenendo conto della potenziale evaporazione per capire quanta acqua fosse necessaria per riempirli. Osservando, poi, le valli dei fiumi che li alimentavano, il team è stato in grado di determinare una precipitazione minima e massima. I laghi chiusi offrono uno scorcio sulla massima quantità d'acqua che sarebbe potuta cadere in un unico evento senza sfondare il lato del bacino lacustre. I laghi aperti mostrano la quantità minima di acqua necessaria per sovrastare il bacino e riversarsi nell'emissario. In 13 casi, i ricercatori hanno scoperto bacini accoppiati, contenenti un bacino chiuso ed uno aperto alimentati dalle stesse valli fluviali: questa particolare configurazione è stata la prova chiave delle precipitazioni massime e minime in un unico evento.

Un'altra grande incognita è quanto duravano le piogge o lo scioglimento della neve: giorni, anni o migliaia di anni? "Questo sarà il passo successivo della ricerca", ha detto Stucky de Quay.

Il dipartimento di scienze geologiche della Jackson School è stato uno dei principali sostenitori del luogo di atterraggio scelto per Perseverance, il cratere Jezero, ed il team ritiene che i dati che raccoglierà il rover, saranno fondamentali per determinare quanta acqua c'era effettivamente su Marte.

Altre informazioni su questo articolo

Read 243 times Ultima modifica Venerdì, 21 Agosto 2020 07:03
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:20 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/10 - Sol 674] - Meteor...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 17 ottobre [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 17 ottobre [Last updat...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista