Scritto: Giovedì, 13 Agosto 2020 18:02 Ultima modifica: Lunedì, 17 Agosto 2020 11:00

Betelgeuse, fumo negli occhi!


 Le osservazioni di Hubble suggeriscono che il significativo oscuramento della supergigante nei mesi passati sia stato causato da un'enorme eruzione che ha generato una nube di polvere lungo la nostra visuale. Aggiornamento

Rate this item
(0 votes)

 Betelgeuse è una supergigante rossa giunta a fine vita, la cui atmosfera ribolle a causa di cambiamenti rapidi e complessi nel suo nucleo. La regioni esterne (visibili) della stella si sono gonfiate a tal punto da poter inglobare l'orbita di Giove, se prendesse il posto del Sole. Nell'ottobre 2019 la stella ha iniziato a perdere luminosità progressivamente, tanto che a metà febbraio 2020 aveva perso più di due terzi della sua brillantezza; anche se Betelgeuse ha sempre manifestato variazioni di luminosità, questa era davvero drastica. Nell'aprile 2020, la stella è tornata alla normale luminosità.

 Le seguenti immagini ad alta risoluzione, riprese dallo strumento SPHERE ad ottiche adattive avanzate, mostravano effettivamente l'oscuramento del disco stellare nella parte sud-occidentale.

eso2003c

Credits: ESO/M.Montargès et al

 Gli astronomi si sono affrettati a sviluppare diverse teorie per giustificare il brusco affievolimento e una proposta riguardava la comparsa di macchie sulla superficie visibile, molto più grandi di quelle viste normalmente sul Sole. Ora, le osservazioni fatte dal telescopio spaziale Hubble, analizzate da un gruppo guidato da Andrea Dupree (CfA di Cambridge), supportano invece l'idea di una nuvola di polvere che copre una parte della stella. Il tutto sarebbe partito da una eruzione di plasma surriscaldato dall'inversione di una grande cella convettiva della fotosfera. Muovendosi verso gli strati esterni più freddi, il gas si è raffreddato formando granelli di polvere. La nube oscura risultante ha bloccato la luce da circa un quarto della superficie della stella, a partire dalla fine del 2019.

 Diversi mesi di osservazioni spettroscopiche ultraviolette da parte di Hubble, a partire da gennaio 2019, forniscono una precisa sequenza che porta all'oscuramento. Hubble ha catturato segni di materiale denso e riscaldato che si muoveva nell'atmosfera della stella tra settembre e novembre e, a dicembre 2019, diversi telescopi a terra hanno osservato la stella diminuire di luminosità nel suo emisfero meridionale.

 "Con Hubble, vediamo il materiale che ha lasciato la superficie visibile della stella e si è spostato attraverso l'atmosfera, prima che si formasse la polvere che ha oscurato la luce della stella", ha detto Dupree. "Abbiamo potuto vedere l'effetto di una regione densa e calda nella parte sud-orientale della stella, mentre si muoveva verso l'esterno". Inizialmente, "questo materiale era da due a quattro volte più luminoso della normale luminosità della stella".

L'articolo è apparso oggi su The Astrophysical Journal.

 Stelle supergiganti massicce come Betelgeuse sono importanti perché espellono elementi pesanti come il carbonio nello spazio, elementi fondamentali per la vita come la conosciamo.

Betel 1yr

Curve di luce in diverse bande nell'ultimo anno; in verde la media delle misure fotometriche in banda V su una base di 3 giorni Credits: AAVSO - Processing: Marco Di Lorenzo

 I ricercatori hanno utilizzato la luce ultravioletta, concentrandosi in particolare sulle righe del Magnesio-II (cioè ionizzato una volta); questo ha permesso di rivelare il movimento del gas negli strati più alti dell'atmosfera e, nell'autunno dello scorso anno, è stato visto materiale allontanarsi a circa 90 km/s dalla stella. Giunto a milioni di km dalla stella, il materiale di è raffreddato al punto da formare dei grani di polvere e questi, essendo opachi, hanno bloccato la luce di Betelgeuse che non ha più raggiunto la Terra. A febbraio di quest'anno, mentre la luminosità nel visibile exxra al minimo, i dati ultravioletti rivelavano che l'atmosfera stellare era tornata già normale.

 Peraltro, dall'immagine qui sopra si nota come, a causa della posizione apparente del Sole, tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate di ogni anno la stella non è osservabile da Terra. Tuttavia, nelle settimane passate è stato possibile comunque effettuare tali misure tramite il satellite STEREO della NASA, grazie alla sua posizione privilegiata; i risultati sono riportati nella figura seguente e suggeriscono un nuovo affievolimento della stella, per ora di entità ridotta. Vedremo i futuri sviluppi...

BetelStereo

A sinistra, Betelgeuse fotografata da STEREO e a destra la curva di luce arricchita di queste osservazioni - Credits: NASA/STEREO/HI/Dupree et al.- Processing: Marco Di Lorenzo

 

Riferimenti:
https://www.nasa.gov/feature/goddard/2020/hubble-finds-that-betelgeuses-mysterious-dimming-is-due-to-a-traumatic-outburst
https://www.nasa.gov/feature/goddard/2020/nasa-satellite-s-lone-view-of-betelgeuse-reveals-more-strange-behavior
https://www.aavso.org/LCGv2/

Altre informazioni su questo articolo

Read 345 times Ultima modifica Lunedì, 17 Agosto 2020 11:00
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/10 - Sol 682] - Meteor...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista