Scritto: Domenica, 26 Luglio 2020 05:28 Ultima modifica: Domenica, 26 Luglio 2020 06:54

Gli asteroidi interstellari del Sistema Solare


Dopotutto, il visitatore interstellare 'Oumuamua poteva non essere l'unico oggetto alieno presente nel Sistema Solare quando lo ha attraversato qualche mese fa, perché un'intera popolazione di asteroidi di origini interstellare potrebbe essere qui fin dalle origini del nostro sistema planetario.

Rate this item
(0 votes)
Una rappresentazione artistica / allegorica della popolazione dei centauri. Una rappresentazione artistica / allegorica della popolazione dei centauri. Crediti: NASA/JPL-Caltech

Lo studio, condotto dall'Institute of Geosciences and Exact Sciences (IGCE-UNESP) dell'Università di Stato di San Paolo, ne ha identificati 19.

Il team, guidato da Fathi Namouni e Helena Morais, ha passato al vaglio 17 centauri, una classe di planetoidi ghiacciati in orbita tra Giove e Nettuno e 2 oggetti trans-nettuniani (TNO), con elevata inclinazione orbitale. Fra questi è stato incluso anche Chirone (2060 Chiron) che in realtà non è un'asteroide ma una cometa. Attraverso simulazioni matematiche, il team ha studiato la loro evoluzione orbitale andando indietro nel tempo fino a 4,5 miliardi di anni fa, ossia fino alla nascita del Sistema Solare.

I pianeti e gli asteroidi che si formarono dal disco proto-planetario del Sole si muovevano anche sullo stesso piano. "Tuttavia, la nostra simulazione ha dimostrato che 4,5 miliardi di anni fa, questi oggetti ruotavano attorno al Sole in orbite perpendicolari al piano del disco. Inoltre, lo hanno fatto in una regione distante dagli effetti gravitazionali del disco originale", ha detto Morais. Questi risultati, ottenuti dopo circa 20 mesi di calcolo, hanno mostrato che i Centauri, originariamente, non appartenevano al Sistema Solare ma furono in qualche modo rubati a stelle vicine durante il periodo di formazione dei pianeti.

"Il Sistema Solare si è formato 4,5 miliardi di anni fa in un vivaio stellare, con pianeti ed asteroidi. Le stelle erano abbastanza vicine l'una all'altra da favorire forti interazioni gravitazionali che hanno portato a uno scambio di materiale tra i sistemi. Quindi, alcuni oggetti ora in orbita nel Sistema Solare devono essersi formati attorno ad altre stelle. Tuttavia, fino a poco tempo fa non potevamo distinguerli", ha aggiunto Morais.

Tutto iniziò nel 2018, quando fu scoperto l'asteroide 514107 Ka'epaoka'awela, soprannominato Bee-Zed. Un piccolo oggetto di circa 3 chilometri, unico nel suo genere: il primo esempio di asteroide in risonanza 1: –1 con un pianeta. Ciò significa, che oltre ad essere in risonanza con Giove, la sua orbita è retrograda. "Quando l'abbiamo identificato come un oggetto proveniente dall'esterno del Sistema Solare, non sapevamo se fosse un caso isolato o parte di una vasta popolazione di asteroidi immigrati", ha detto Morais.

'Oumuamua

Altre informazioni su questo articolo

Read 172 times Ultima modifica Domenica, 26 Luglio 2020 06:54
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 15/8/20 - Sol 610] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 agosto [Last update...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 agosto [Last update...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista