Scritto: Martedì, 21 Luglio 2020 05:06 Ultima modifica: Martedì, 21 Luglio 2020 07:12

I 37 vulcani attivi di Venere


Un nuovo studio ha identificato 37 vulcani attivi su Venere, dimostrando che il pianeta è ancora geologicamente attivo.

Rate this item
(0 votes)
Una elaborazione tridimensionale di due corone sulla superficie di Venere. Una elaborazione tridimensionale di due corone sulla superficie di Venere. Crediti: Università del Maryland

"Questa è la prima volta in cui siamo stati in grado di identificare delle strutture e dire 'Guarda, questo non è un vulcano antico ma è attivo oggi, forse dormiente ma non morto'", ha detto Laurent Montési, professore dell’università del Maryland e co-autore del documento pubblicato sulla rivista Nature Geoscience. "Questo studio cambia significativamente la visione di Venere da un pianeta per lo più inattivo a uno il cui interno è ancora agitato e può alimentare molti vulcani attivi".

Sebbene Venere sia noto come il gemello della Terra questa stretta somiglianza ha cessato di esistere quando i due pianeti hanno preso strade evolutive diverse. Ora, Venere è il pianeta più caldo del Sistema Solare pur non essendo quello più vicino al Sole, ma il suo interno è intrinsecamente simile a quello terrestre, con un cuore di ferro e nichel, un mantello dominato da moti convettivi ed una crosta basaltica simile ai nostri fondali oceanici. Tuttavia, in questi anni gli scienziati hanno anche notato che la sua superficie è più giovane rispetto a quella di Mercurio o Marte. Le caratteristiche strutture a forma di corona sono prove di attività geologica rimodellante: si formano quando pennacchi di materiale caldo, provenienti dalle viscere del pianeta, risalgono verso la litosfera, creando caratteristici punti caldi. Tuttavia, fino ad ora si riteneva che questi anelli fossero tracce di attività passate e Venere si fosse sufficientemente raffreddata per rallentare una geologica così esplosiva.

Nel nuovo studio, condotto dell’università del Maryland e dall'Istituto di geofisica del Politecnico di Zurigo, i ricercatori hanno utilizzato dei modelli matematici per creare simulazioni tridimensionali dell'attività termo-meccanica sotto la superficie del pianeta e ricreare il processo di formazione delle corone. I risultati hanno permesso di mappare l'evoluzione delle caratteristiche ad anello e l'identificazione di quelle recentemente attive, fornendo la prima prova che l'interno del pianeta sta ancora ribollendo. "Siamo in grado di confermare che almeno 37 corone sono state attive di recente", ha dichiarato Montési.

Le corone attive su Venere sono raggruppate in una manciata di posizioni, il che suggerisce che ci sono aree in cui l'attività interna del pianeta si manifesta maggiormente. Queste zone potrebbero essere di interesse per le future missioni.

La missione EnVision dell'ESA potrebbe partire nel 2023 proprio con l'obiettivo di studiare l'attività geologica di Venere, mentre VERITAS (Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography & Spectroscopy), proposta nell'ambito del programma Discovery della NASA, è in corsa per il lancio nel 2026 con l'obiettivo di migliorare la nostra comprensione geodinamica del pianeta, studiarne l'evoluzione e come questa si sia differenziata da quella della Terra, nonché comprendere meglio i pianeti rocciosi in orbita attorno ad altre stelle.

Altre informazioni su questo articolo

Read 298 times Ultima modifica Martedì, 21 Luglio 2020 07:12
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 22/10 - Sol 676] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista