Scritto: Mercoledì, 01 Luglio 2020 05:14 Ultima modifica: Mercoledì, 01 Luglio 2020 08:26

Il Sole è veramente al centro del Sistema Solare?


Ogni rappresentazione del Sistema Solare mostra il Sole al centro, circondato da tutti i pianeti che orbitano attorno ma la nostra stella è veramente il baricentro del nostro sistema planetario?

Rate this item
(0 votes)
Il Sole è veramente al centro del Sistema Solare? Crediti: NASA

Nonostante il Sole sia molto grande è soggetto alle forze gravitazionali esercitate dagli altri corpi presenti nel nostro quartiere galattico, che lo fanno oscillare un po'. Pertanto, il preciso centro gravitazionale (o baricentro) del Sistema Solare non è esattamente al centro della stella ma da qualche parte sulla sua superficie o nelle immediate vicinanze. Tuttavia, per gli astronomi non è facile calcolare dove si trovi esattamente.

Parte rilevante del problema è Giove che ha un effetto gravitazionale molto ampio sul Sole: sappiamo quanto tempo il gigante gassoso impiega a percorrere la sua orbita eliocentrica (12 anni terrestri) ma il suo moto di rivoluzione non è ancora pienamente compreso.

In precedenza, le stime del baricentro del Sistema Solare si basavano sul tracciamento Doppler, osservando le variazioni della luce degli oggetti mentre noi (o i nostri strumenti) ci avvicinavano o allontaniamo dagli oggetti stessi. 
Ora, utilizzando un software appositamente progettato, chiamato BayesEphem, un team internazionale di scienziati ha ristretto la posizione del baricentro del nostro Sistema Solare con un margine di errore di soli 100 metri.

Il programma di calcolo si basa sulle pulsar. Queste sono stelle di neutroni che possono ruotare molto velocemente, sparando fasci di radiazione elettromagnetica dai loro poli. Quando sono orientate in un certo modo, tali fasci emettono un segnale pulsato estremamente regolare che può essere visto dalla Terra, come una sorta di faro cosmico. Questa rilevazione è utile per molte applicazioni e misurazioni astronomiche: negli ultimi anni, ad esempio, è stata utilizzata nella ricerca delle onde gravitazionali che potrebbero essere identificate attraverso i disturbi nel timing dei raggi X provenienti dalle pulsar.
"Usando le pulsar sparse per la Via Lattea, siamo come un ragno seduto nella quiete nel mezzo della sua ragnatela", ha commentato l'astronomo e fisico Stephen Taylor della Vanderbilt University.

BayesEphem, quindi, è progettato per modellare e correggere quelle incertezze nelle orbite del Sistema Solare più rilevanti per le ricerche di onde gravitazionali usando le pulsar.
In particolare, lo studio, pubblicato sulla rivista The Astrophysical Journal, fornirà una solida base di ricerca per NANOGrav, Osservatorio Nordamericano di Nanohertz e altri consorzi, che condividono l'obiettivo comune di rilevare le onde gravitazionali attraverso osservazioni regolari di un insieme di pulsar millisecondo utilizzando i radiotelescopi Green Bank e Arecibo.

è progettato per modellare e correggere quelle incertezze nelle orbite del Sistema Solare più rilevanti per le ricerche di onde gravitazionali usando le pulsar,

Altre informazioni su questo articolo

Read 495 times Ultima modifica Mercoledì, 01 Luglio 2020 08:26
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/12 - Sol 716] - Meteoro...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 1 Dicembre [Last update:&nb...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 1 Dicembre [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista