Scritto: Venerdì, 19 Giugno 2020 07:01 Ultima modifica: Venerdì, 19 Giugno 2020 07:53

Nuove scoperte su Titano


Due studi distinti propongono nuove interessanti ipotesi su Titano, la grande luna di Saturno.

Rate this item
(1 Vote)
Titano ripresa dalla sonda Cassini il 6 marzo 2016. A sinistra la vista in infrarosso; a destra in colori naturali. Titano ripresa dalla sonda Cassini il 6 marzo 2016. A sinistra la vista in infrarosso; a destra in colori naturali. Crediti: (CL1CB3 stack and multi-filter color version) Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Circa 20 anni fa, i ricercatori notarono dei punti luminosi nelle immagini radar di Titano. Questi erano concentrati vicino all'equatore e, fino a quando la Cassini non arrivo nel sistema di Saturno ed iniziò a restituire dati accurati ed immagini spettacolari del pianeta e delle sue lune, si pensava fossero laghi o mari di metano ed etano. Tuttavia, la sonda mostrò che i liquidi scarseggiano in quella zona ed i principali bacini sono concentrati ai poli. 
Ora, in un nuovo studio pubblicato su Nature, i ricercatori hanno deciso di tornare ad analizzare quei vecchi dati per trovare una spiegazione.

Dopo aver raccolto tutti tutte le informazioni legate a questi spot, chiamati Anomalously Specular Radar Reflections (ASRR), dagli osservatori terresti, come Arecibo ed il Green Bank Telescope, confrontati con i dati rilevati dalla sonda Cassini, hanno stabilito tre possibili spiegazioni. I punti luminosi potevano essere fondali di bacini prosciugati, precipitazioni fisse o dune. La pioggia è stata scartata perché è stata osservata solo due volte su Titano per cui sarebbe improbabile l'apparizione frequente di grandi pozzanghere. Ed anche le dune sono state escluse perché sappiamo che sulla luna di Saturno possono formarsi solo in alcuni luoghi. I letti asciutti di mari è grandi laghi appare dunque la conclusione più logica. Se così fosse, i futuri studi dovranno scoprire dove sia finito il liquido che una volta li riempiva.

Vulcani su Titano - Crediti: Brigham Young UniversityUn secondo articolo, suggerisce invece che le caratteristiche simili a vulcani, fotografate dalla Cassini nelle regioni polari della luna, sarebbero la prova che fenomeni eruttivi possono verificarsi anche oggi su Titano.
Secondo i ricercatori i crolli nidificati, gli alti bastioni, gli aloni e le isole indicano che le piccole ed abbondanti depressioni osservate nella regione polare settentrionale della luna di Saturno si sono formate dal collasso di crateri vulcanici,
"La stretta associazione dei crateri vulcanici proposti con i laghi polari è coerente con un'origine vulcanica attraverso eruzioni esplosive seguite da un collasso, come le caldere", ha detto Charles A. Wood, co-autore del documento.
"L'apparente freschezza di alcuni crateri potrebbe significare che il vulcanismo è stato attivo recentemente su Titano o addirittura continua ancora oggi". Nello studio "dimostriamo anche che ci sono prove di un calore interno che si manifesta in superficie con crio-vulcani, prodotti dalla fusione della crosta di ghiaccio d'acqua", ha continuato Wood, "Queste caratteristiche sono approssimativamente rotonde, con bordi rialzati, e talvolta si sovrappongono. Sono coerenti con le forme create dal vulcanesimo terrestre o su Marte, formate da esplosioni, scavi e collassi".

Altre informazioni su questo articolo

Read 615 times Ultima modifica Venerdì, 19 Giugno 2020 07:53
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista