Scritto: Mercoledì, 10 Giugno 2020 05:18 Ultima modifica: Mercoledì, 10 Giugno 2020 18:26

Una nuova simulazione cerca di spiegare l'esagono di Saturno


I ricercatori dell'Università di Harvard hanno creato una nuova simulazione per comprendere meglio la famosa e misteriosa struttura dalla forma esagonale che caratterizza il polo nord di Saturno.

Rate this item
(1 Vote)
L'esagono al polo nord di Saturno in una foto della Cassini (in alto) e nella simulazione (in basso). L'esagono al polo nord di Saturno in una foto della Cassini (in alto) e nella simulazione (in basso). Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute (alto) - Rakesh K. Yadav (basso)

Le prime immagini del polo nord di Saturno risalgono al 1981, catturate dalla sonda Voyager 2 la quale, tuttavia, non seguiva una geometria orbitale tale da riuscire ad ottenere viste dettagliate. Praticamente, tutto quello che sappiamo sulla strana formazione atmosferica è merito della Cassini che ha esplorato il pianeta e le sue lune per 13 anni,

Quando la sonda arrivò nel sistema di Saturno nel 2004, l'emisfero settentrionale era avvolto nell'inverno e si dovette aspettare l'equinozio del 2009 per poter fotografare l'esagono nella luce visibile.
In sostanza, si tratta di un enorme vortice inscritto in un modello meteorologico dalla forma esagonale. Gli studi suggeriscono che si tratta di un fenomeno simile agli uragani terrestri ma a differenza di questi, che si muovono, quello di Saturno rimane confinato sul polo del pianeta e stabile nel tempo. (ne ho parlato approfonditamente nel mio libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno"). Tuttavia, la forma esagonale e la sua persistenza rimangono un po' un mistero e gli scienziati ne hanno discusso l'origine per anni. Fondamentalmente si sono divisi in due schieramenti: quelli che credono sia un fenomeno superficiale, quelli che credono sia un fenomeno profondo.

Nel nuovo documento, pubblicato su "Proceedings of the National Academy of Sciences", i ricercatori dell'Università di Harvard hanno cercato di sciogliere i dubbi ricostruendo una simulazione 3D, basata principalmente sulla grande mole di dati rilevati dalla Cassini.

Quattro sezioni verticali dell'esagono di Saturno

Quattro sezioni verticali dell'esagono di Saturno: A è in basso, D in cima.

Nel modello (il video in fondo al post) bande alternate di venti verso est e verso ovest e forti correnti a getto disegnano la meteorologia del pianeta. Quando ci si avvicina al polo, si producono alcuni vortici (probabilmente non solo altro che le bande equatoriali che cambiano forma man mano che si avvicinano al nord). Una profonda convezione termica negli strati più esterni, porterebbe alla formazione di tre grandi cicloni vicino al polo ed un getto in movimento verso est con schema poligonale (se c'è convezione vuol dire che il gas più caldo e meno denso sale verso alto, diventando anche più veloce e quindi turbolento). Quando i cicloni toccano il getto, questi si combinano insieme per creare la forma esagonale del vortice centrale, che ruota in una direzione opposta rispetto a dei vortici più piccoli. In base alla simulazione, l'esagono sarebbe profondo migliaia di chilometri..

Altre informazioni su questo articolo

Read 233 times Ultima modifica Mercoledì, 10 Giugno 2020 18:26
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Media

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista