Scritto: Martedì, 19 Maggio 2020 05:17 Ultima modifica: Martedì, 19 Maggio 2020 07:53

Giove come non lo avete mai visto dalla Terra


Grazie alle immagini riprese dall'Osservatorio Gemini e ad una tecnica nota come "lucky imaging", gli astronomi hanno ottenuto le immagini di Giove ad una risoluzione mai raggiunta nelle osservazioni terrestri.
Il set di foto fa parte di un programma congiunto con Hubble a sostegno della missione della NASA Juno.

Rate this item
(1 Vote)
Questo mosaico mostra l'intero disco di Giove in luce infrarossa. E' stata ottenuta con l'Osservatorio  Gemini. Questo mosaico mostra l'intero disco di Giove in luce infrarossa. E' stata ottenuta con l'Osservatorio Gemini. Crediti: International Gemini Observatory/NOIRLab/NSF/AURA, M.H. Wong (UC Berkeley) and team Acknowledgments: Mahdi Zamani

Le immagini infrarosse di Gemini completano le osservazioni ottiche ed ultraviolette di Hubble e quelle radio della sonda Juno.
"Abbiamo usato una tecnica molto potente chiamata lucky imaging [Imaging Fortunato] con la quale si ottiene un gran numero di foto con esposizioni brevi e tra queste, si prendono solo le più nitide, scattate quando l'atmosfera della Terra è rimasta brevemente stabile. In questo caso abbiamo ottenuto alcune delle immagini in infrarossi più nitide di Giove mai riprese dalla Terra. Queste foto competono con quelle scattate dallo spazio", ha spiegato Michael Wong di UC Berkeley.

Il mosaico in apertura, ad esempio, è stato ricavato da da un set di 38 esposizioni per nove puntamenti, di cui il team ne ha selezionato un 10%. Ogni frame è stato poi impilato per ottenere una vista ancora più dettagliata e nitida.
Anche se ogni scatto è durato solo pochi secondi, l'intera sequenza ha richiesto minuti, durante i quali le caratteristiche nuvolose di Giove hanno ruotato sensibilmente sul disco del pianeta. Queste, pertanto, sono state accuratamente allineate prima di ogni sovrapposizione e composizione.

Le immagini di Gemini mostrano che i fulmini ed alcune delle più grandi tempeste che li generano, si formano dentro ed intorno a grandi cellule convettive sopra alle profonde nuvole di acqua ghiacciata e liquida del pianeta. Le nuove osservazioni confermano anche che le macchie scure nella famosa Grande Macchia Rossa non sono variazione cromatiche ma lacune nella copertura nuvolosa.

grande macchia rossa varie sonde

La Grande Macchia Rossa riprese da Juno, Hubble e Gemini.
Crediti: NASA, ESA, and M.H. Wong (UC Berkeley) and team / Elisabetta Bonora

In queste foto, la luce infrarossa a lunghezza d'onda più lunga può passare attraverso la sottile foschia ma viene bloccata dalle nuvole più spesse. Così si crea uno strano effetto in cui in cui gli strati caldi e profondi si accendono e brillano attraverso gli spiragli della coltre nuvolosa.

Le scoperte sono state pubblicate sul The Astrophysical Journal.

Altre informazioni su questo articolo

Read 151 times Ultima modifica Martedì, 19 Maggio 2020 07:53
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 2 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS