Scritto: Venerdì, 31 Maggio 2013 08:05 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

La cometa ISON verso il Sole: un destino incerto


Una nuova serie di immagini riprese dall'Osservatorio Gemini mostrano la cometa C/2012 S1 (ISON) in avvicinamento, verso il suo pericoloso appuntamento con il Sole.
A fine novembre e nei primi di dicembre di quest'anno, ISON potrebbe offrire uno spettacolo mozzafiato nei nostri cieli, rimanendo brillante e facilmente visibile ad occhio nudo.

Rate this item
(0 votes)

Cometa ISON by Gemini

Credit: Gemini Observatory/AURA

Una nuova serie di immagini riprese dall'Osservatorio Gemini mostrano la cometa C/2012 S1 (ISON) in avvicinamento, verso il suo pericoloso appuntamento con il Sole.
A fine novembre e nei primi di dicembre di quest'anno, ISON potrebbe offrire uno spettacolo mozzafiato nei nostri cieli, rimanendo brillante e facilmente visibile ad occhio nudo.

Ma, dopo le osservazioni della sonda della NASA Deep Impact, del satellite della NASA Swift e del telescopio spaziale Hubble, una sequenza di immagini scattate da fine febbraio a maggio 2013, mostrano una notevole attività nonostante la distanza da Sole e dalla Terra sia ancora notevole.

La "Cometa del Secolo" avrà la stoffa giusta per sopravvivere nel suo avvicinamento al Sole?

Quando il telescopio Gemini Nord sul Mauna Kea, nelle Hawaii, ha catturato la sequenza, ISON si trovava a 730 - 580.000.000 di chilometri, oppure 4,9 - 3,9 unità astronomiche, dal Sole. Le foto, scattate verso l'infrarosso, mostrano già del materiale polveroso in fuga dalla cometa ("dirty snowball" o "palla di neve sporca").

L'ultima immagine del mosaico, sulla destra, risale ai primi di maggio ed è composta da tre scatti in diverse lunghezze d'onda, per ottenere la foto a colori.

Le immagini mostrano una parabola ben definita in direzione del Sole, che si assottiglia in una coda corta e tozza in direzione opposta. Queste caratteristiche si formano quando la polvere e i gas sono in fuga dal nucleo ghiacciato e circondano il corpo principale, formando la chioma (l'atmosfera temporanea che si forma in vicinanza del passaggio al perielio).
Vento solare e pressione delle radiazioni spingono il materiale della chioma a formare la coda della cometa.

Scoperta da due astronomi russi il 21 settembre 2012 utilizzando l'International Scientific Optical Network di 40 centimetri, vicino a Kislovodsk, la ISON sta probabilmente compiendo il suo primo passaggio nel Sistema Solare interno e proviene dalla Nube di Oort. Spesso molte comete non sopravvivono al loro primo viaggio.

L'astronomo Karen Meech, presso l'University of Hawaii's Institute for Astronomy (IfA) a Honolulu, sta lavorando ad un'analisi preliminare dei nuovi dati Gemini ma è ancora presto per capire il destino di questa cometa.

Letto: 2155 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista