Scritto: Giovedì, 09 Aprile 2020 05:41 Ultima modifica: Domenica, 12 Aprile 2020 07:57

L'immagine del buco nero diventerà sempre più nitida


A distanza di anno dalla famosa foto del buco nero M87, gli scienziati propongono un metodo per renderla ancora più nitida estendendo il progetto Event Horizon Telescope (EHT).

Rate this item
(0 votes)

Il buco nero M87 si trova al centro della galassia ellittica gigante Virgo A a 56 milioni di anni luce da noi nell'Ammasso della Vergine, codificata come M 87 da cui il buco nero prende il nome.
Lo scorso anno, il mostruoso oggetto con una massa pari a circa 6,5 miliardi di volte quella del Sole, è diventato popolare per la foto ottenuta dai telescopi della rete Event Horizon Telescope (EHT), un progetto basato sulla tecnica chiamata Very Long Baseline Interferometry (VLBI) in cui, un supercomputer fa da lente al telescopio gigante costituito dai singoli osservatori non collegati fisicamente tra loro ma sincronizzati attraverso orologi atomici ad altissima precisione. EHT utilizza le immagini catturate alla lunghezza d'onda di 1,3 mm da strutture localizzate in tutto il mondo: Stati Uniti, Messico, Cile, Francia, Groenlandia e Polo Sud. Il risultato è un'unica foto con una risoluzione pari a quella che si sarebbe ottenuta con un singolo telescopio delle dimensioni della distanza tra i vari siti di osservazione.
L'immagine di M87 mostra un anello luminoso di emissione di cui è stato possibile risolvere il diametro (circa 40 μas - microarcsecond) ma non lo spessore e la sotto-struttura.

Tuttavia, proprio in prossimità dell'orizzonte degli eventi, il confine che si trova esattamente alla distanza in cui la “velocità di fuga” dalla massa che costituisce il buco nero eguaglia la velocità della luce (per approfondimenti si rimanda all'articolo dedicato), si forma un'anello costituito da un concentrato di fotoni che si addensano a causa della fortissima attrazione gravitazionale. Questo cerchio luminoso racchiude in sé l'impronta digitale del buco nero: le sue dimensioni e forma permettono di codificare la massa e la rotazione (o spin) dell'oggetto. Le immagini EHT sono state un primo importante passo per studiare tale caratteristica e per trasformare quella che finora è stata "una materia dalle profonde implicazioni teoriche, in una scienza sperimentale", come ha dichiarato nella press release Alex Lupsasca dell'Università di Harvard. 

Immagine del buco nero

In base alla teoria della relatività generale, quindi, all'interno dell'immagine irrisolta di M87, si trova un sottile "anello di fotoni", composto da una sequenza infinita di sotto-anelli simili ed indicizzati in base al numero di orbite compiute dai fotoni attorno al buco nero. Quando questi si avvicinano alla zona d'ombra diventano sempre più stretti e più deboli, con l'aumentare del numero delle orbite. Ma i sotto-anelli sottili possono produrre firme forti ed universali rilevabili dai radiotelescopi interferometrici a lunga base: "mentre l'acquisizione di immagini di buchi neri richiede normalmente molti telescopi distribuiti, i sotto-anelli sono perfetti da studiare usando anche solo due telescopi molto distanti tra loro. Aggiungere un telescopio spaziale all'EHT sarebbe sufficiente", ha affermato Michael Johnson del Center for Astrophysics | Harvard and Smithsonian (CfA).

Lo studio "Universal interferometric signatures of a black hole’s photon ring"  è stato pubblicato sulla rivista open-access Science Advances.

Leggi l'approfondimento di Marco Di Lorenzo su aliveuniverse.today.

Altre informazioni su questo articolo

Read 241 times Ultima modifica Domenica, 12 Aprile 2020 07:57
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 26 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 27 Maggio [Last update: 05/27/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 27 Maggio [Last update: 05/27/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 26/5/20 - Sol 532] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS